Ranieri: "Domani stesso spirito avuto col Genoa". Burdisso: "Roma tra le prime 10 in Europa"

La conferenza stampa da Trigoria di Claudio Ranieri e Nicolas Burdisso
18.10.2010 12:30 di Pascal Desiato   vedi letture
Ranieri: "Domani stesso spirito avuto col Genoa". Burdisso: "Roma tra le prime 10 in Europa"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Vucinic, Menez e De Rossi non convocati,che problemi hanno?
"Ancora non sono pronti per essere convocati. Mi auguro che per la prossima partita possano essere a disposizione per portarli al limite in panchina. Ancora non sono pronti."

Burdisso come stai dopo i punti di sutura?
"Ho messo tre punti, ma non ho nessun problema a giocare."

Cosa chiede alla squadra domani sera?
"Voglio lo stesso spirito e la stessa determinazione visti contro il Genoa. Vorrei che contro gli svizzeri la squadra ripetesse la prestazione di sabato. Il Basilea è un avversario difficile, stava vincendo sino alla fine con il Bayern Monaco e sa chiudersi e ripartire in velocità. Domani sarà una partita difficile, verranno a giocarsi la partita, sanno chiudersi e ripartire in contropiede. Lo scorso anno già abbiamo perso in casa loro. Sappiamo i loro punti forti e deboli e cercheremo di sfruttarli".


Burdisso, quanta crescita possiamo ancora aspettarci da voi?
"Dobbiamo crescere ancora tantissimo e migliorare. Penso che dobbiamo trovare quello che eravamo e quello che dobbiamo essere".

Qual è lo schema base della Roma?

"Non c’è mai stato uno schema base della Roma, ho utilizzato lo schema più adatto ai giocatori che avevo a disposizione".

Cosa è cambiato nella Roma? 
"Non è cambiato molto, siamo in una fase di crescita, stiamo ritrovandoci, rispettiamo molto il Basilea".

Sceglierebbe qualche giocatore del Basilea?
C’è qualcuno ma i giocatori in genere li segnalo al mio direttore sportivo.

Pizarro è uscito sabato sera per crampi...

 "Ho diversi giocatori che possono soffrire di crampi perchè si sono allenati poco a causa di alcuni infortuni. Il problema della Roma è proprio quello di mettere in campo giocatori validi: quando saranno tutti recuperati saremo più competitivi. Pero' il nostro è più un fatto mentale che fisico: anche contro il Genoa, dopo aver subito il gol e mancato tante occasioni, abbiamo avuto un po' di apprensione".

Ranieri, Adriano e Julio Sergio come stanno? C'è una data ipotizzabile di rientro?
""Per Adriano no, si sta ancora allenando a parte. Julio Sergio è per ora terzo portiere e sta per rientrare".

Pensa di chiedere un indennizzo per i giocatori che si infortunano in nazionale?
"Lo farei, saremmo ricchi visto che ogni volta che diamo qualcuno alle nazionali ci torna acciaccato".

Totti-Borriello stanno bene in coppia?
"Io li vedo bene. Sono la coppia principale. Se ci sono problemi di compatibilità? Veramente li vedete solo voi. Io non ne ho mai parlato, ne parlate tra di voi".

Lobont può togliere il posto anche a Julio Sergio? Come sono le gerarchie?
"Non ci sono gerarchie fisse. Ci sono stati di forma".

Sono migliorati i campi di Trigoria adesso?
Burdisso: Stanno migliorando.
Ranieri: Sì è vero. Adesso sono buoni, stanno migliorando, i crampi di Pizarro invece sono dovuti al campo nuovo dell’Olimpico, i ragazzi hanno detto che sono un po’ duri, devono riadattarsi al nuovo manto erboso e poi non dovrebbero esserci problemi.

Burdisso, come vedi la difesa della Roma?

"I meccanismi sono gli stessi dell'anno scorso: forse eravamo più attenti però non è cambiato niente. L'unica partita storta è stata quella di Cagliari, dove abbiamo preso cinque gol. La forza della Roma? E' tra le prime dieci d'Europa".
 

Che infortunio ha Menez di preciso?
"Non lo so, non c'è il dottore".

 Come sta Totti, lo vuole sempre come contro il Genoa?
"Totti contro il Genoa è stato stratosferico. Si allena alla grande, è in un momento di grande vena. Sono molto contento di lui, ho detto ad inizio stagione che si sta allenando tutti i giorni. Non sta facendo gol e come tutti gli attaccanti gli manca, ma sono sue prestazioni".

Burdisso, come mai hai lottato così tanto per tornare a Roma?                                                                                                                    "Io ho dato la mia parola alla Roma e la Roma a me. Milano per me era una capitolo chiuso. C’erano altre squadre interessate ma io avevo dato la parola alla Roma e questo per me contava più di tutto".

Ranieri come va il manto erboso dell'Olimpico?                                                                                                                                                    "I crampi a Pizarro sono dovuti al campo nuovo dell’Olimpico, era duro rispetto a quello che abbiamo qua e rispetto al manto erboso precedente dell’Olimpico. Il campo è perfetto, mai avevo visto un campo così rizollato e così compatto. Complimenti a tutte le persone che hanno lavorato a quel manto erboso".