Pizzul: "Crisi Roma? Servirebbero 3-4 risultati positivi"

25.10.2010 13:21 di Massimo De Caridi   vedi letture
Fonte: Roma Caffè - Radio power station
Pizzul: "Crisi Roma? Servirebbero 3-4 risultati positivi"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Signor Pizzul, che idea si è fatto della Roma?

E' un momento del tutto particolare nel quale si creano situazioni non al top, dal numero di infortuni alla situazione societaria, un certo nervosismo che caratterizza l'ambiente, in particolare Ranieri ed il tutto porta a una mancanza di risultati che crea sfiducia nell'ambiente. La Roma anche lo scorso anno non era partita benissimo, ma quest'anno stenta a riprendere il cammino giusto e non aiuta il fatto che la Lazio vada cosi bene, in un ambiente come Roma dove la tifoseria conta molto.

Secondo lei, a chi o cosa può attribuirsi la colpa di questa situazione?

Non è facile da dire, si parla molto anche di preparazione forse sbagliata, e sottolineo sbagliata, perchè fare delle valutazioni da fuori poi si rischia di dire sciocchezze, ma sicuramente il numero di infortuni, gli elementi importanti di questa squadra che non sono al top, generano questo nervosismo generale. Servirebbero tre o quattro buoni risultati consecutivi, ma non è un momento facile.

Parlando di Totti, quarta sostituzione in undici partite, sicuramente non è più il giocatore indispensabile di una volta, che ne pensa?

La sensazione è che il modulo tattico che ha dato maggiori soddisfazioni alla Roma è quello con Totti centravanti, il fatto di avere Borriello che sta facendo molto bene, determina per Ranieri la possibilità di usare quel modulo tattico che ha dato successo in passato, ma sono supposizioni che si fanno, per cercare di dare un significato a questo periodo no dei giallorossi. Anche per Francesco sicuramente non è periodo di forma smagliante.

I più maliziosi dicono che l'acquisto di Borriello abbia scombussolato l'ambiente, che non fosse un giocatore chiesto e voluto dall'allenatore.

È chiaro, è uno dei tanti riflessi dell'osservazione fatta precedentemente, Borriello ha fatto bene fin ora. È chiaro che quando sono coinvolti in queste sostituzioni giocatori importanti, come Totti, Vucinic, non possono non determinarsi polemiche e malumore tra i tifosi, soprattutto se non arrivano risultati positivi.

A proposito di Totti ha parlato anche Zeman, dichiarando che condivide la scelta di Francesco, ma lo considera comunque un giocatore importante che farebbe bene alla nazionale. Che ne pensa?

Ci stanno le parole di Zeman, come ci sta il fatto che è stato lo stesso Francesco che ha dichiarato di condividere di chiudere con la nazionale in un segno di coerenza. Resta il fatto che nell'arco dell'ultimo periodo, Totti è da considerare il miglior giocatore italiano, ogni volta che esce dal campo di gioco, a parte le sue reazioni personali, c'è un moto di sorpresa di tutti gli appassionati italiani.

C'è' un problema di crisi delle grandi in generale?

Senz'altro, ormai iniziano ad essere parecchie le giornate, molte delle grandi stanno trovando delle difficoltà, è chiaro che l'Inter non può accontentarsi dei gol di Eto’o. I problemi dell'Inter arrivano proprio dalle parti di Maicon, giocatore di cui, durante l'estate, la società sembrava propensa a farne a meno. Questo, in aggiunta al fatto che Milito, al contrario dello scorso anno, quando ogni pallone che toccava lo buttava dentro, non è in perfetta condizione fisica determina uno stato di cose un po' confusionarie.

Un commento sul “brutto fallo” di Portanova su Krasic.

E' un discorso piuttosto spinoso, sicuramente ora che c'è la prova tv, queste simulazioni plateali faranno correre il rischio di squalifica in maggior modo.