Petrachi: "Anche chi è ai margini della rosa può diventare protagonista. Nessun problema con Florenzi, tornerà quanto prima"

07.11.2019 20:42 di Simone Valdarchi Twitter:    Vedi letture
Petrachi: "Anche chi è ai margini della rosa può diventare protagonista. Nessun problema con Florenzi, tornerà quanto prima"

Prima della gara di Europa League contro il Borussia M'Gladbach, il direttore sportivo della Roma, Gianluca Petrachi, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport. Queste le sue parole:

L'assenza di Florenzi conferma qualcosa?
"Conferma che nessuno è ai margini e tutti possono diventare protagonisti, da un giorno all'altro certi equilibri possono cambiare. Questi cambiamenti sono dovuti a valutazioni giornaliere e settimanale, in base agli allenamenti. Il mister non guarda in faccia a nessuno. Credo che Florenzi quanto prima tornerà a fare quello che ha sempre fatto".

Queste invece le sue parole a Roma TV:

Che partita si aspetta oggi?
“Credo che la squadra stia trovando un giusto equilibrio e una buona dimensione, anche per le esigenze: non siamo tanti, non si può fare un turnover accentuato. La squadra ha sopportato le assenze dell’ultimo  mese e mezzo: i ragazzi stanno bene, oggi sarà una partita difficilissima, spero che con l’entusiasmo e la voglia si possa andare avanti e fare bene perché oggi sarà molto tosta”.

Qui si dice che per il Borussia è una gara fondamentale:
“Io credo che noi non dobbiamo guardare agli altri, ma solo a noi. Dobbiamo essere consapevoli della nostra forza e continuare con l’umiltà che ci sta portando avanti. Voglio vedere una Roma quadrata e precisa e alla fine tireremo le somme. Sono ottimista perché la squadra sta lavorando bene”.

Anche loro hanno molte assenze: quanto conteranno?
“Non so loro che assenze hanno: l’avversario va sempre rispettato, soprattutto se è la prima in classifica in Germania. La squadra deve avere le proprie certezze, la Roma oggi ha la propria consapevolezza. Se poi giochiamo con la giusta rabbia e umiltà possiamo fare male a chiunque: l’importante è che ci siano questi 3 ingredienti”.