De Sanctis: "Adesso siamo noi a mettere il fiato sul collo alla Juventus". VIDEO!

08.12.2013 19:24 di Giovanni Fabbri Twitter:    vedi letture
De Sanctis: "Adesso siamo noi a mettere il fiato sul collo alla Juventus". VIDEO!
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

De Sanctis a Sky

“Sulla punizione di Pasqual ho fatto un grande intervento, ma lasciamo stare le cose personali. Oggi abbiamo fatto una grande gara contro una Fiorentina fortissima, l'unica pecca forse è stata di non riuscire a concretizzare nel modo giusto i momenti di grande superiorità. Anche loro comunque hanno avuto qualche occasione per andare in vantaggio. Partita tosta, siamo stati bravi, ora testa al Milan. I pareggi? Ci ha dato fastidio come si siano distribuiti, tutti consecutivamente, dovevamo essere più bravi a vincere le gare in casa. Certo è vero che pensare di essere secondi con undici vittorie e quattro pareggi è strano, ma prima il fiato sul collo lo avevamo noi, adesso ce lo ha la Juventus perché noi siamo lì. Bergamo? Non mi sento di aver sbagliato in quell'occasione, forse ha sbagliato il giardiniere (ride ndr). Quella è una dinamica in cui per non sbagliare non dovresti trovartici. È stata un'occasione in cui già avevo stabilito la traiettoria della palla che invece è cambiata. Essere stato sotto accusa per una domenica ci può stare, il pareggio di Strootman comunque mi ha un pochino salvato”.

De Sanctis a Roma Channel

"Ero tranquillissimo in riferimento a quanto successo a Bergamo. Lì conta la fatalità, il caso. Una zolla è un nemico invisibile, ti cambia la traiettoria e ti mette in difficoltà. Ma questo non intacca le nostre certezze ed è la cosa più importante. La prestazione individuale, sia nel bene che nel male, passa sempre in secondo piano. L’importante è stata la squadra. E’ venuta una grande prestazione e una bella vittoria su una Fiorentina che ha un gioco di qualità. Siamo tornati a vincere in modo convincente e dalle prossime partite possiamo ottenere il massimo. Sappiamo che in questo periodo giochiamo in campi non perfetti. La zona del portiere è la più calpestata e le rizollature non sono mai perfette, anche se quella dell’Olimpico è molto buona. A distanza di una settimana mi avrebbe molto infastidito dover giustificare qualcosa che non dipendeva da una mia disattenzione. Consideriamo però che i giardinieri dell’Olimpico sono molto bravi perché sul campo ci giochiamo noi, la Lazio in Europa League e anche il rugby. Ma in vista dei prossimi impegni, la prestazione di oggi, ci lascia molto ottimisti".