LA VOCE DA RISCONE - Prima giornata di lavoro per i giallorossi, l'entusiasmo di Luis Enrique

Dall'inviato Alessandro Carducci
16.07.2011 21:50 di Alessandro Carducci   vedi letture
Alessandro Carducci
Alessandro Carducci
© foto di Voce giallorossa

Primo giorno di lavoro a Riscone per la Roma di Luis Enrique. I giallorossi hanno lavorato circa due ore nella mattinata per poi allenarsi un'ora nel pomeriggio, inclusa una partitella  durata meno di trenta minuti. Sono evidenti le differenze rispetto al passato con il tecnico spagnolo che chiede con insistenza di giocare palla a terra, evitando così i lanci lunghi, e di far girare velocemente il pallone. In fase di non possesso, i giocatori sono chiamati ad un pressig asfissiante per mettere in difficoltà l'avversario. Questa prima Roma, seppur prima dei nuovi acquisti, piace ai tifosi che numerosi hanno assistito alla seduta mattutina di allenamento. A fine giornata, Luis Enrique è stato acclamato da un centinaio di tifosi fermandosi a firmare diversi autografi. La squadra ha lavorato sulla tenuta fisica, sulla reattività, sui cambi di direzione e sul possesso palla, con Luis Enrique che si è spesso allenato assieme ai calciatori, disputando anche uno spezzone di partitella. Il tecnico spagnolo chiede passaggi brevi e rapidi, senza cercare subito la verticalizzazione. Lo ha dichiarato Simone Perrotta nel corso della prima conferenza stampa qui in Val Pusteria. Il centrocampista giallorosso ha inoltre sottolineato il ritrovato entusiasmo da parte del gruppo, quello stesso entusiasmo che era mancato lo scorso anno: "Si respira un'aria diversa" le parole del'ex giocatore del Chievo che, dopo aver ringraziato Luis Enrique per le belle parole spese nei suoi confronti, ha aggiunto come l'ex allenatore del Barcellona B ricordi come persona il primo Spalletti. Inevitabili le domande su Vucinic e De Rossi, per i quali Perrotta ha auspicato una lunga permanenza nella Capitale.