Tanto ha ragione chi fa gol

07.01.2020 10:00 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
Fonte: L'editoriale di Alessandro Carducci
Tanto ha ragione chi fa gol

“Tanto ha ragione chi fa gol”. Così recitava la sigla di una famosa trasmissione televisiva di fine anni ‘90. I numeri parlano chiaro: 31 tiri contro 12 del Torino, 14 corner a 3, 41 cross a 10 ma la Roma ha dato l’idea di non poter segnare nemmeno con altre tre ore di partita. Fonseca ha fornito un’analisi molto lucida, dichiarando che la Roma non ha fatto una gran partita potendo però segnare almeno tre gol. Ed è vero. I giallorossi sono arrivati abbastanza bene davanti a Sirigu, bravo a sprangare la porta, ma se sbagli mira, se provi il tacco, se rubi il tempo a un tuo compagno, se sbagli scelta, se tiri fuori, se non dai forza alla conclusione, se scuoti la testa con amarezza, se fai tutte queste cose il problema è solo di atteggiamento. Come detto sempre in maniera chiara e lucida proprio da Fonseca.
Al di là dell’arbitraggio, tutto parte sempre e solo dalla testa, dalle intenzioni, dalla concentrazione e l’errore peggiore adesso sarebbe spendere più 30 secondi per parlare del direttore di gara. Darebbe alibi ed è l’ultima cosa che serve alla Roma. Serve ritrovare la cattiveria vista nella prima parte della stagione e che, se oggi ci fosse stata, avrebbe consentito ai capitolini di battere il Torino. La stessa cattiveria che servirà, necessariamente, contro la Juventus.