Palpitando per il rinnovo di De Rossi, a gennaio calendario abbordabile

Dal 2008 Presidente dell'Assemblea Capitolina
05.01.2012 00:00 di Marco Pomarici   vedi letture
Palpitando per il rinnovo di De Rossi, a gennaio calendario abbordabile
© foto di Voce giallorossa

Cari amiche ed amici di VoceGiallorossa,
innanzitutto buon anno e ben trovati. Dopo i giorni trascorsi tra parenti, regali e meritato riposo, immagino che in ognuno di voi, esattamente come succede a me, stia montando l'attesa per il tanto sospirato ritorno del campionato e della Roma allo stadio.
 infatti quasi un mese, dal match con la Juventus del 12 dicembre, che non si disputano partite all'Olimpico, un lasso di tempo che giustifica pienamente la nostra "crisi d'astinenza" da pallone. Per calmarla ci siamo nutriti di indiscrezioni di mercato, abbiamo salutato, (almeno nel mio caso), con un pizzico di rimpianto la partenza di Marco Borriello verso Torino sponda bianconera, stiamo palpitando per il rinnovo di Daniele De Rossi. A questo proposito un segnale negativo viene dai bookmakers inglesi, che di solito hanno antenne sensibilissime per captare ogni segnale calcistico e non. Il passaggio di Capitan Futuro al Manchester City è addirittura crollato da 2,25 a 1,50, quota che di solito viene assegnata ad esiti praticamente scontati. Di questa telenovela, a mio avviso, si è parlato fin troppo.
Tutti conosciamo l'ambiente romano, la passionalità del tifo, la fame di notizie dei mass media che gravitano nell'orbita giallorossa, ma una delicata partita a scacchi, come quella che stanno giocando la dirigenza romanista e il rappresentate del giocatore, meritava sicuramente meno clamore attorno. Siamo ormai alla stretta finale; l'offerta della Roma, 6 milioni per cinque anni, è assolutamente adeguata ad un top player come De Rossi che, se non dovesse accettare, tradirebbe una perplessità squisitamente tecnica sul progetto americano.
Tornando al campo, argomento che preferisco, la nostra squadra ha davanti un mese in cui il calendario, sebbene solo sulla carta (in Italia non esistono risultati certi), appare più abbordabile. Dall'8 gennaio al 1 febbraio giocheremo infatti contro Chievo, Catania, Cesena, Bologna, Cagliari. Avversarie tutte da prendere con le molle ma che, se affrontate con lo spirito delle ultime giornate del 2011, possono garantire una cospicua dote di punti per rilanciarsi verso la zona Champion's. Tre su cinque di queste sfide saranno all'Olimpico. Incrociamo le dita ed iniziamo a tirare fuori le sciarpe dai cassetti; il count down è ormai a -4, nulla in confronto a queste settimane di "astinenza".