Diamo i numeri - Benevento-Roma: giallorossi sempre vincenti contro i sanniti. Dzeko già a segno 5 volte

21.02.2021 16:15 di Gabriele Chiocchio Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
Diamo i numeri - Benevento-Roma: giallorossi sempre vincenti contro i sanniti. Dzeko già a segno 5 volte
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Nella ventitreesima giornata di Serie A, il Benevento è ospite della Roma al Vigorito. I giallorossi sono terzi in classifica a quota 43 (44 sul campo), con 47 reti segnate (terzo attacco del campionato) e 32 subite (35 formali, decima difesa), i sanniti sono quindicesimi a quota 24, con 25 reti segnate (tredicesimo attacco) e 42 subite (terzultima difesa). 

Il Benevento ha vinto solamente due partite in casa in questo campionato, raccogliendo 10 punti in 11 partite (media 0,91) che la pongono al sedicesimo posto come rendimento. Sul campo, la Roma ha invece raccolto 14 punti in 10 gare esterne, media 1,40, l’ottava del campionato.

Tra le due squadre ci sono tre precedenti, due risalenti alla stagione 2017-2018, oltre alla gara di andata della scorsa stagione. Nell’andata al Vigorito, i capitolini si imposero per 4-0, con una doppietta di Edin Džeko e gli autogol di Lucioni e Venuti; altro successo nella gara di ritorno all’Olimpico, un 5-2 con il vantaggio ospite firmato da Guilherme, poi il pareggio di Fazio, la rete di Džeko, la doppietta di Ünder, il rigore realizzato da Defrel e il sigillo finale di Brignola. 5-2 il risultato anche della gara di questa stagione.

Paulo Fonseca ha incontrato Filippo Inzaghi solo nella gara di andata, battendolo. Il tecnico del Benevento ha sofferto in quell’occasione l’unica sconfitta contro la Roma: due vittorie e un pareggio per lui nelle altre tre sfide

Edin Džeko è il capocannoniere della sfida, con 5  gol segnati contro il Benevento, seguito da Marco Sau, Gianluca Caprari e Gianluca Lapadula a quota 3 gol contro la Roma. A 2 c’è Iago Falque, chiudono Bryan Cristante, Federico Fazio, Pedro, Jordan Veretout, Artur Ionita e Perparim Hetemaj a 1.