COVID-19 - Calano i contagi in Italia. Ue firma nuovo contratto con CureVac. DAD: la protesta degli alunni. Boccia: "Capodanno si festeggerà a casa". Zampa: "Nessuna riapertura delle scuole prima del Natale"

30.11.2020 22:37 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture

L'emergenza Coronavirus continua a non dare tregua non solo in Italia, ma in tutto il pianeta. Per quanto riguarda il nostro paese, nelle ultime 24 Sono stati effettuati 130.524 tamponi e individuati 16.377 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 788.471, 7.300 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 672 persone affette da Coronavirus per un totale di 55.576 decessi dall'inizio dell'epidemia. Il tasso percentuale tra positivi e tampone raggiunge un'incidenza pari al 12,5 % mentre ieri era del 11,7%Vocegiallorossa.it propone nuovamente ai nostri lettori tutti i principali aggiornamenti legati alla pandemia. 

22:41 - Norme anti-Covid violate, chiuso un locale a Treviso. Oltre 120 clienti accalcati all'interno del locale senza alcun distanziamento, per questo la polizia locale di Treviso ha chiuso un esercizio pubblico. La segnalazione era giunta agli agenti da residenti della zona insospettiti dal volume della musica elevato e da gruppi di persone in sosta all'esterno del locale. Lo riporta fanpage.it.

21:38 - Le Regioni valutano la chiusura dei confini sulle Alpi. "Le Regioni si sono interrogate sulla possibile chiusura dei confini nazionali per evitare che il nostro pubblico vada a sciare in Svizzera, Slovenia o Austria". Lo ha affermato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti stasera al termine della Conferenza delle Regioni. Lo riporta l'ANSA.

20:40 - La Commissione Europea ha firmato formalmente un nuovo contratto con CureVac per la fornitura di un vaccino anti-Covid. Lo ha reso nota la presidente Ursula von der Leyen, attraverso il suo profilo Twitter. Come riporta l'ANSA, quello con CureVac è il quinto contratto firmato dall'Ue con altrettante case farmaceutiche. Sale così a circa due miliardi il numero complessivo di dosi di vaccini che l'Europa si è assicurata. 

19:09 - Il confine tra Canada e Stati Uniti resterà chiuso fino al 21 dicembre. Lo ha comunicato il primo ministro canadese Justin Trudeau in un tweet. Il divieto di attraversare il confine tra i due paesi scadeva lo scorso 20 novembre ma è stato prolungato di un mese. Il confine canadese è stato chiuso lo scorso 18 marzo a causa della pandemia di Covid-19 e sono stati banditi tutti gli spostamenti non essenziali. Il divieto è applicato anche al traffico aereo. Lo scrive SkyTG24.

19:07 - I nuovi casi di Covid in provincia di Milano sono 940, di cui 345 a Milano città. Lo comunica la Regione Lombardia nel bollettino quotidiano sull'andamento della pandemia. Questi i dati nelle altre provincie: Bergamo 104; Brescia 122; Como 33; Cremona 50; Lecco 92; Lodi 16; Mantova 8; Monza e Brianza 332; Pavia 64; Sondrio 27; Varese 94. 

18:06 - La scorsa settimana ha visto il primo calo dei nuovi casi di Covid-19 segnalati a livello globale da settembre, a causa di una diminuzione dei casi in Europa grazie all'efficacia delle misure difficili ma necessarie messe in atto nelle ultime settimane". Lo ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms, nel consueto briefing da Ginevra. "Questa è una buona notizia - ha aggiunto -, ma deve essere interpretata con estrema cautela. Il vantaggio può essere facilmente perso e c'è stato ancora un aumento dei casi nella maggior parte delle altre regioni del mondo e un aumento dei decessi"

17:28 - CLICCA QUI per leggere il bollettino di oggi in Italia.

16:58 - Nuova impennata di contagi da Coronavirus nel territorio della provincia di Rieti. Nelle ultime 24 ore la locale unita' di crisi Covid-19 della Asl fa registrare 90 nuovi positivi; e scoppia un nuovo focolaio all'interno di una residenza sanitaria assistita, situata nel
Comune di Montebuono, sul versante tiberino della provincia. Nelle ultime ore la struttura ha fatto registrare 36 contagi tra ospiti residenti e personale sanitario, sono in corso gli accertamenti della Asl di Rieti, che ha già attivato il protocollo Covid previsto in casi come questo. Quello di Montebuono e' il quinto focolaio divampato all'interno di una Rsa nel territorio della provincia reatina dall'inizio della pandemia.

13:30 - Secondo i Dati della Sorveglianza integrata Covid-19, pubblicati dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss) e aggiornati al 29 novembre, sono stati 800.953 i casi di infezione da Sars-Cov-2 registrati negli ultimi 30 giorni in Italia. Nello stesso arco di tempo, sono stati 12.904 i deceduti e 304.531 i guariti. È di 48 anni l'età mediana dei casi nell’ultimo mese

13:00 - Entro il 2020, l'azienda Moderna prevede di avere la disponibilità di circa 20 milioni di dosi del vaccino anti-Covid mRNA-1273 negli Stati Uniti, inoltre prevede la produzione di 500 milioni-1 miliardo di dosi globalmente nel 2021. Moderna anche annunciato ulteriori progressi mirati ad assicurare che la distribuzione, conservazione e manipolazione del vaccino possano essere effettuati utilizzando infrastrutture esistenti. 

12:00 - A Milano gli studenti protestano contro la DAD: a partire dalle 9,30 gli studenti del Liceo Classico Parini e di altri istituti superiori della città hanno seguito le lezioni all'aperto per protestare contro il mancato ritorno in aula.

11:30 - Dopo il sindaco di Latina, Damiano Coletta, un altro primo cittadino ha annunciato la sua positività al Covid. Si tratta di Roberta Tintari, sindaco di Terracina, che lo ha annunciato tramite un post sulla sua pagina Facebook. "Ho eseguito il tampone molecolare - ha affermato il sindaco - che ha rivelato la mia positività al Covid-19. Al momento non ho sintomi e sto bene. L'attività amministrativa non si interrompe perché proseguirò, insieme alla giunta e ai miei collaboratori, a lavorare da remoto. Terracina ha bisogno dell'impegno di tutti per superare questi mesi difficili, so di poter contare su tutti voi", sono state le parole della prima cittadina.

11:00 - Nella prima giornata di riapertura, nelle regioni che hanno beneficiato degli allentamenti delle restrizioni, passando da rosse ad arancioni in molti hanno approfittato degli sconti per comprare i regali di Natale. Lo segnala SkyTG24.

10:35 - Sui ricongiungimenti tra figli e genitori "c'è un confronto che andrà avanti, ma qui si tratta di dare priorità assoluta alla difesa delle reti sanitarie". Lo dice il ministro Francesco Boccia a Rainews 24. "C'è da festeggiare il Capodanno? Si festeggia a casa. Se decidiamo che c'è un limite di orario per gli spostamenti, si torna a casa indipendentemente da quello che c'è da fare", ha affermato, ribadendo che non ci saranno deroghe sul coprifuoco a Natale e Capodanno.

09:55 - “Quello che ho visto ieri in alcune vie a Torino è qualcosa che mi riporta con la mente in estate e non possiamo permettercelo”. Il Governatore del Piemonte, Alberto Cirio, commenta così le immagini della folla che ieri hanno accompagnato la riapertura dei negozi. “Quello che è successo ieri a Torino è qualcosa di inaccettabile”, sottolinea ai microfoni di Radio Veronica One. “Questa mattina parteciperò al Comitato per l'Ordine pubblico e chiederò al prefetto interventi rigorosissimi - aggiunge - So che le forze dell'ordine hanno fatto tanto ma evidentemente non basta. I piemontesi si stanno comportando in modo serio, ma laddove ci sono situazioni che scappano di mano bisogna intervenire subito in maniera netta”.

09:25 - "No, non credo che ci saranno delle riaperture prima di Natale". Lo ha detto la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, a 24Mattino su Radio 24. "È un elemento non positivo, negativo - ha sottolineato - perché alla fine il Paese non è in grado di reggere. Però - ha proseguito - la scuola aperta a spot non serve a nessuno, serve solo a creare vampate di contagi". Per Zampa, "è necessario un piano di recupero delle ore andate perse in parte perché - ha spiegato - anche una buona Dad non è equiparabile alle lezioni in presenza". 

09:00 - "Sono già circa trecento le persone che hanno prenotato un tampone a ridosso del Natale nei nostri centri", spiega Maria Stella Giorlandino, amministratrice delle reti Artemisia Lab che effettua i test in otto strutture diffuse nel Lazio.

08:40 - Nella prima domenica d'Avvento arriva una richiesta dalle Regioni alpine italiane in merito all'apertura degli impianti di risalita. Da Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Alto Adige, Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia, c'è una proposta per dare il via alla stagione sciistica già prima di Natale. Il pacchetto, che sarà sottoposto al Governo, riguarda l'apertura degli impianti di risalita già durante le festività ma solo ad ospiti di alberghi (vale anche un solo pernottamento) e proprietari o inquilini delle seconde case. Un documento che è stato stilato a seguito dell'apertura degli impianti da parte della Svizzera. Per quanto concerne l'Austria, mercoledì il Governo di Vienna indicherà la road map che intenderà seguire. Lo scrive Sky TG 24.