COVID-19 - Boris Johnson è in terapia intensiva. La risposta dell'AIC alla proposta della Lega. Il bollettino di oggi: diminuisce ancora il numero delle persone in terapia intensiva. Manchester City, deceduta la mamma di Guardiola

06.04.2020 22:00 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
COVID-19 - Boris Johnson è in terapia intensiva. La risposta dell'AIC alla proposta della Lega. Il bollettino di oggi: diminuisce ancora il numero delle persone in terapia intensiva. Manchester City, deceduta la mamma di Guardiola

L'allarme Coronavirus continua a tenere banco in Italia, tanto da costringere il Governo ad attuare la chiusura di tutta l'Italia. Stando agli ultimi dati, sul territorio nazionale i positivi attuali sono 93.187, 60.313 persone sono in isolamento domiciliare con lievi sintomi o senza, 3.898 invece sono in terapia intensiva. Nella giornata di oggi si sono registrati 636 decessi, che portano il numero totale a 16.523. Sono 22.837 invece i guariti. Vocegiallorossa.it vi ha aggiornato su tutte le maggiori notizie al riguardo.

22:00 - Il Ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, illustrando la misura inserita nel Decreto appena approvato dal Consiglio dei ministri, ha spiegato a La Repubblica: "Molte realtà sportive stanno affrontando una crisi senza precedenti. Dall'inizio della pandemia il mio primo obiettivo è stato evitare che anche una sola realtà dovesse chiudere, perché lo sport è linfa del territorio. Il modo migliore per celebrare la Giornata internazionale dello sport è con atti concreti. Per la prima volta federazioni, discipline associate, enti di promozione, associazioni e società dilettantistiche avranno lo stesso trattamento delle piccole e medie imprese. Col decreto, infatti, sono stati creati presso l'Istituto di Credito Sportivo, nel Fondo di Garanzia e del Fondo contributi interessi per l'impiantistica sportiva, i rispettivi comparti per operazioni di liquidità. Sono stati deliberati strumenti che consentiranno di garantire integralmente cento milioni di finanziamenti a tasso zero per i soggetti sportivi che non possono accedere al Fondo di garanzia per le Pmi. Gli strumenti affidati all'Ics faranno ridurre tempi e oneri per chi ha necessità di liquidità, per poter ripartire con le attività e valorizzare la funzione etica, civile e sociale dello sport".

21:20 - Il Primo Ministro inglese, Boris Johnson, è ora in terapia intensiva a causa del Covid-19. Nella giornata di ieri le sue condizioni erano peggiorate ed era stato ricoverato presso l'ospedale S. Thomas di Londra.

20:45 - (ANSA) - ROMA, 06 APR - "Se le societa' di serie A si devono trovare in assemblea per dire che non pagheranno gli stipendi, quando in realta' a tu per tu con i giocatori i singoli club stanno cercando accordi di buon senso, è molto preoccupante". Il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, e' durissimo al telefono con l'ANSA dopo che l'Assemblea di Lega ha votato un taglio di almeno due mesi di ingaggio. "Come ha detto Messi, non riesco a capire la logica imprenditoriale alla base di questo comportamento: mettere in cattiva luce i giocatori, principali protagonisti dello spettacolo, quando tutti o quasi stanno già discutendo con i club come uscire insieme da questa crisi. Mi pare una follia". (ANSA).

20:05 - "È una proposta vergognosa e irricevibile". L'Assocalciatori, presieduta da Damiano Tommasi, boccia senza mezzi termini la linea guida della Lega Serie A sul taglio agli stipendi e il vicepresidente, Umberto Calcagno spiega: "È chiara l’indicazione che si vuol far pagare solo ai calciatori gli eventuali danni della crisi. L’unica parte rilevante del comunicato della Lega è l’inciso con cui si dice che le squadre dovranno negoziare le modifiche contrattuali con i singoli giocatori".

18:49 - Obbligatorio l'uso della mascherina in Toscana. ll presidente Rossi ha firmato l’ordinanza, introducendo la necessità del dispositivo di protezione. Iniziata la consegna gratuita a casa di 8 milioni e mezzo di mascherine.

18:08 - Arriva il consueto bollettino della Protezione Civile: il totale dei positivi è di 93.187, più 1.941 rispetto a ieri. 3.898 sono in terapia intensiva, meno 79 rispetto a ieri, numero ancora in calo per il terzo giorno consecutivo. 28.976 ricoverati, 60.313 in isolamento domiciliare. I nuovi decessi sono 636, portando il totale a 16.523. Il numero totale dei guariti è 22.837, più 1.022 rispetto a ieri. I nuovi contagi sono quindi 3.599.

17:28 - (ANSA) - GENOVA, 06 APR - La Sampdoria insieme ad alcune aziende partner del club aiuterà Eataly nell'attività di preparazione e di consegna dei pasti alle strutture ospedaliere di Genova che stanno lottando contro il Coronavirus. Infatti saranno garantiti 610 pasti al giorno: 450 al San Martino, 160 al Galliera: "un numero raddoppiato rispetto all'avvio del servizio, un numero reso possibile dal supporto attivo, logistico ed economico della Sampdoria", si legge nel comunicato della società blucerchiata. Inoltre Ibsa Italia, back jersey sponsor blucerchiato, metterà a disposizione degli operatori che si adopereranno per l'iniziativa 250 flaconi di prodotti igienizzanti. Nei giorni scorsi la Sampdoria (società, staff tecnico e giocatori) aveva donato oltre 100 mila euro all'Ospedale San Martino. (ANSA)

16:55Venezia FC informa che il calciatore Antonio Junior Vacca è risultato positivo al test per l’identificazione del Coronavirus-COVID-19. Attualmente Antonio Junior Vacca si trova in isolamento presso la sua abitazione. Le sue condizioni di salute sono migliorate poichè ad oggi il giocatore ha superato la fase sintomatica. La società nei prossimi giorni si adopererà per far porre in essere le misure necessarie di verifica sullo stato di salute degli altri tesserati e dipendenti.

16:32 - Attraverso un post su Twitter, il Manchester City ha espresso il proprio cordoglio per la scomparsa della mamma del tecnico Pep Guardiola, deceduta a 82 anni dopo aver contratto il COVID-19.

16:08 - (ANSA) - LECCE, 06 APR - Anche l'U.S. Lecce scende in campo per combattere e sostenere l'emergenza legata al Coronavirus. I calciatori, lo staff tecnico e sanitario della prima squadra hanno donato tre respiratori-ventilatori polmonari per terapia semi-intensiva. Questa mattina presso il Dea, il nuovo Dipartimento di emergenza ed accettazione dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce, capitan Mancosu e Lucioni hanno consegnato i tre ventilatori polmonari nelle mani del direttore generale dell'Asl di Lecce, Rodolfo Rollo, e del primario del Dipartimento di anestesia e rianimazione, Giuseppe Pulito. "Un piccolo gesto da parte nostra per manifestarvi gratitudine e vicinanza in questo momento difficile": questo il messaggio che ha accompagnato il gesto dei giallorossi. (ANSA).

15:49 - L’Austria si riapre alla “fase 2”, a partire dal 14 aprile. Il premier Sebastian Kurz ha infatti annunciato che dopo Pasqua il Paese inizierà una lenta riapertura. Interessati, in particolare, alcuni esercizi commerciali, che dovranno osservare rigide prescrizioni sul distanziamento sociale. Poi, a partire da maggio, toccherà a tutti gli altri negozi e alla fine degli misure sugli spostamenti.

15:29 - Nella giornata di oggi è andata in scena la riunione di Lega Serie A ed è stato raggiunto un accordo sulla trattativa club-giocatori per il taglio degli stipendi. Sono state fatte varie ipotesi, a seconda che il campionato riprenda o meno. Secondo quanto riportato da Sky Sport tutte le società hanno votato all'unanimità e l'accordo è stato trovato. LA NOTA DELLA LEGA

15:00 - I contagi da Coronavirus aumentano anche in Giappone, e il primo ministro del Paese, Shinzo Abe, è pronto a dichiarare lo stato d’emergenza. Lo scrive Japan Times, citando lo stesso Abe: la dichiarazione riguarderà le prefetture di Tokyo, Osaka, Kanagawa, Saitam, Chiba, Hyogo e Fukuoka (sette delle 47 divisioni territoriali nazionali). Il provvedimento, che dovrebbe durare un mese e non prevederà restrizioni obbligatorie per i cittadini, sarà volto a sostenere il servizio sanitario nazionale. A questa mattina, i casi di contagio da COVID-19 registrati in Giappone sono oltre 4.000.

14:49 - Tutti ammessi all’anno successivo, ma senza 6 politico. Sarebbe questo, riferisce repubblica.it, il testo del decreto legge sulla Scuola approvato in mattinata dal Consiglio dei Ministri (la seduta è attualmente sospesa). Gli alunni saranno infatti ammessi all’anno successivo con i voti corrispondenti all’impegno dimostrato nell’anno in corso e nella didattica a distanza. Se si tornerà a scuola entro il 18 maggio, sarà l’esame che conosciamo tutti, con qualche piccola differenza. In caso contrario, la valutazione finale deriverà da un unico esame orale. Stessa data spartiacque per gli esami di terza media: rimodulati con l’eliminazione di una o più prove in caso di ritorno entro il 18 maggio, viceversa salteranno.

14:30 - Rustu Recber è stato dimesso dall'ospedale e adesso è in autoisolamento a casa. L'ex leggenda del calcio turco positivo al COVID-19, dopo aver attraversato giorni critici, adesso sta meglio tanto da ricevere l'ok dalla struttura ospedaliera per il ritorno tra le mura domestiche. Lo scrive tuttomercatoweb.com.

14:13 - Aleksander Ceferin, presidente della UEFA, ha concesso una lunga intervista al quotidiano sloveno Ekipa, ribadendo la sua volontà di terminare la stagione sportiva 2019-2020: "Sono ottimista e fiducioso, la Liga sarà portata a termine così come la Serie A. Chiaramente oggi non posso promettere o garantire niente, tutto dipenderà della situazione di ciascun Paese". QUI l'intervista integrale. 

14:00 - Ospite di Live Non è la D’UrsoMichela Persico, compagna del difensore della Juventus, Daniele Rugani, ha raccontato di essere ancora positiva al Covid-19: “Sono passati i 20 giorni nei quali è prevista la guarigione per chi lo contrae in forma leggera, ma il tampone ha dato nuovamente esito positivo”.

13:35 - Il Bayern Monaco questa mattina è tornato ad allenarsi. Ad annunciarlo, nella serata di ieri lo stesso club bavarese: "Da lunedì 6 aprile, i calciatori del Bayern torneranno ad allenarsi a piccoli gruppi. La DFL aveva precedentemente raccomandato uno stop degli allenamenti fino a domenica 5 aprile e tutte le norme igieniche verranno rispettate. Gli allenamenti si svolgeranno a porte chiuse e chiediamo ai nostri fan di continuare a seguire le istruzioni delle autorità e quindi, per favore, non venire ai campi di allenamento dell'FC Bayern".

Ma come si sono allenati i calciatori? Divisi in gruppi da 5, i calciatori hanno dovuto rispettare la distanza di un metro e mezzo l'uno dall'altro: nessun duello, quindi, ma allenamento col pallone. I giocatori già dal garage sotterraneo sono stati divisi e si sono cambiati in spogliatoi diversi: in ogni spogliatoio, erano ammessi solo due calciatori. Nessuna stretta di mano, nessun abbraccio, ma una distanza assicurata dai coni precedentemente disposti sul terreno di gioco.

13:25 - Un bazooka da 400 miliardi di euro per spingere l’Italia verso la ripresa. È questa l’entità dei prossimi provvedimenti del governo, scrive La Stampa, dopo il vertice di ieri che ha portato a una sostanziale sintonia tra PD e 5S. Previsti aiuti alle imprese, a partire da prestiti con tassi d’interesse vicini allo zero. Per quelli fino a 25 mila euro, inoltre, non servirà alcuna valutazione del merito di credito da parte della banca. In concreto, i contenuti del provvedimento (ribattezzato DL Liquidità) saranno resi noti dopo il Consiglio dei Ministri in corso di svolgimento in queste ore.

13: 15 - L'Ospedale Spallanzani ha diramato il bollettino medico di oggi 6 aprile 2020 attraverso il profilo ufficiale Twitter. I pazienti positivi al COVID-19 sono 185, 19 di questi necessitano supporto respiratorio. In giornata sono previste dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture sono 209. Continua l'inversione del rapporto ricoverati COVID-19 positivi/pazienti dimessi ancora oggi più numerosi. In collaborazione con le Asl Roma 2 e Roma 5 continua l'approfondimento epidemiologico e diagnostico presso i focolai epidemici.

12: 45 - Entro il weekend torneranno in Italia tutti i giocatori dell'Inter che hanno chiesto e ottenuto il permesso di tornare in patria per passare alcuni giorni di queste "ferie forzate" dovute al blocco di tutti i campionati a causa del Covid-19. Brozovic, Handanovic, Lukaku, Eriksen, Young e Moses rientreranno a breve, con il club che vuole cautelarsi in vista di una possibile ripresa degli allenamenti. Subito dopo tornerà Godin, che è rientrato in Uruguay e a cui ci vorranno più di un paio d'ore di aereo per tornare a Milano. A riportarlo è La Gazzetta dello Sport.

12: 30 - L’emergenza Coronavirus ferma i clici di procreazione assistita. Lo ha previsto, scrive il Corriere della Sera, un’ordinanza del Ministero della Salute. Di conseguenza, nasceranno circa 4.500 bambini in meno: quelli che sarebbero stati fecondati tra marzo e aprile. L’emergenza ha infatti sospeso l’avvio di nuovi cicli, mentre sono indifferibili le procedure per pazienti già in trattamento. A stimare il calo di nascite è Antonino Guglielmino, presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana.

12:10 - Sale a 87 il computo dei medici caduti nel corso dell’epidemia di Covid-19. E mentre, scrive la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (FNOMCeO) sui suoi canali ufficiali, aumenta il dato ufficiale degli operatori sanitari contagiati, diffuso ogni sera dall’Istituto Superiore di Sanità (ieri ammontava a 2629), molti sono i medici che muoiono improvvisamente, anche se la causa della morte non è direttamente riconducibile al virus, perché il tampone non viene effettuato.

12:00 - Secondo quanto riportato da La Repubblica, che cita un documento interno alla FIFA che il quotidiano ha potuto visionare ed esaminare, la Federazione internazionale ha già dato il via libera e autorizzato la modifica delle date del calciomercato: è probabile che venga decisa una finestra unica che parta dal 1° settembre fino al 20 dicembre, o da metà a agosto a novembre, con le trattative che dunque si sovrapporrebbero a campionati e coppe.

11:40 - Restano ancora molti dubbi intorno alla possibile ripresa degli allenamenti e successivamente del campionato di Serie A. Non tutti pensano che sia giusto riprendere ad allenarsi, a cominciare dal Milan, con Gazidis che ieri ha ribadito che al primo posto debba esserci sempre la salute dei giocatori, degli staff e di chi lavora intorno al calcio. Non convince tutti neanche l'idea di un maxi ritiro di un mese e mezzo che isoli le squadre dal resto del mondo: resterebbero i contatti con i dipendenti al seguito. Giovedì ci sarà un nuovo incontro tra le varie componenti della FIGC, che sarà il preludio dell'incontro tra Gravina e il ministro Spadafora previsto per venerdì. A riportarlo è Tuttosport.

11:20 - Un nuovo kit per favorire il ritorno in campo. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport un set di analisi Rna degli Stati Uniti potrebbe arrivare in Italia e risolvere i problemi di screening per tutti, permettendo allo sport diagnosi etiche e di massa. Questo test affiancherebbe i tamponi e i test sierologici e consentirebbe di capire nello stesso tempo se l'infezione è attiva e se si sono sviluppati gli anticorpi.

11:00 - Il tema del taglio degli stipendi dei giocatori di Serie A è sempre all'ordine del giorno e oggi andrà in scena l'assemblea dei club e il direttivo informale dei calciatori. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport i presidenti sono spaccati e i giocatori diffidenti: la Serie A non riesce per il momento a trasmettere un segnale di condivisione e anche se alle società piace il modello Juventus, che però presenta anche qualche ambiguità, l'AIC non è d'accordo con le quattro mensilità da congelare: vorrebbe il blocco solo per marzo.

10:45 - Il presidente dei Medici Sportivi, Maurizio Casasco, ha rilasciato un'intervista a Tuttosport: “Quando si tornerà ad allenarsi non è di competenza dei medici sportivi ma delle istituzioni. Abbiamo dato delle indicazioni scientifiche sulla base delle consulenze che abbiamo avuto con i massimi esperti del settore nazionale e internazionale, tra i quali il n° 2 della Organizzazione Mondiale della Sanità. Non abbiamo invece dato indicazioni per la sicurezza di spogliatoi, trasferte e altro per rispetto di ciò che dovranno decidere le istituzioni”.

Lo screening al momento viaggia prevalentemente coi tamponi che peraltro scarseggiano. Cosa immagina per monitorare la situazione? 

"Diciamo in maniera chiara che questa indagine tramite tampone dovrà avere come priorità chi è in prima linea come i medici. Ma a breve sarà disponibile un’altra strada, quella dell’esame sierologico per verificare o meno la presenza degli anticorpi".

Da cosa dipendono i tempi di ripresa oltre che dall’evolversi della pandemia? 
"Da molti fattori, ma sarà fondamentale la reperibilità maggiore dei tamponi e a breve dei test sierologici. Ma il contesto generale deve prevedere che l’attuale contagio scenda dal rapporto di una persona a tre a uno-uno o anche poco sotto uno. A quel punto anche la necessità di controlli in senso generale scenderà a livello numerico. Io credo che nel giro di 20 giorni potremmo trovarci nelle condizioni di operare con le due strade di monitoraggio".

10:30 - Come riferito da La Gazzetta dello Sport, oggi avrà luogo una nuova video assemblea tra i presidenti della Serie A per arrivare a un accordo sul un iniziale taglio degli stipendi del 10% per i mesi di marzo e aprile. L'accordo dovrà essere trovato senza l'AIC (associazione italiana calciatori), che ha proposto la riduzione degli stipendi di una sola mensilità, contro le quattro mensilità proposte dai club. 

10:03 - L'emergenza COVID-19 che sta affligendo tutto il mondo e, in particolare, l'Europa non sembra riguardare la Bielorussia. Si continua a giocare a calcio con il presidente della Reppublica Lukashenko che, pochi giorni, ha dichiarato: “Bisogna ammazzare il virus con la vodka, bere 40-50 millilitri al giorno –ma non al lavoro- e fare due, tre volte alla settimana la sauna”.

9:40 - "Samp senza merenda per non prendere peso. E bilance nuove per tutti". Questo il titolo sulle pagine de Il Secolo XIX in edicola stamani in riferimento all'alimentazione dei giocatori della Sampdoria: "Si consuma poco, così il nutrizionista Mondazzi riduce i pasti. L'ansia per la prova dei chili con la scusa: "Come verifico?".

9:35 - "Caso stipendi: che scontri nelle leghe top" scrive Il Corriere dello Sport nella sua prima pagina odierna. Tutta l'Europa litiga per il taglio degli stipendi dei calciatori. Oggi Assemblea straordinaria dei club di Serie A: è ancora lontana l'intesa con l'AIC. In Inghilterra il Liverpool fa discutere. In Spagna non convince la mediazione di Casillas.

9:20 - Interpellato sulla possibilità di una ripresa senza VAR, Marcello Nicchi, presidente dell'AIA, spiega le motivazioni a La Domenica Sportiva su Rai 2: "Potrebbe essere una cosa che ci viene costretta. Come sapete oggi la VAR viene fatta in furgoni, ambienti angusti, vicini ad altri operatori che non sai chi ha frequentato prima di arrivare lì. Si rischia che non ci siano le distanze di sicurezza, io auspico che non accada, ma potrebbe esserci anche questo problema. Questo però è un discorso della Serie A, ma mi preme il discorso dei Dilettanti: come si fa a mandare un ragazzo di 18 anni in campi di provincia dove non saprà a cosa va incontro? Se dovessimo ripartire domani, noi non ci saremmo. Gli arbitri sono preoccupati di poter rivedere le proprie famiglie, e bisogna cominciare a ragionare prima sulle cose. Io spero che il VAR ci sia, se dovesse mancare sarebbe però per un'emergenza sanitaria".

8:30 - Gabriele Gravina, presidente della FIGC, parla del terremoto economico che rischia di destabilizzare il calcio italiano nel corso dell'intervista rilasciata a La Domenica Sportiva su Rai 2: "Qui rischia tutto il calcio italiano. Certo, qualche settore è a maggior rischio: con l'aiuto del Governo ci sono idee sulle quali cerchiamo di lavorare, di portarle avanti, confidando nella disponibilità di tutte le parti coinvolte. Sono convinto che se tutti fanno la propria parte e adempiono ai propri obblighi con un pizzico di sensibiità in più potremmo dare un messaggio di grande compattezza per affrontare in modo unitario una crisi senza eguali".