COVID-19 - 3.794 nuovi contagi. Il bollettino del Lazio. Israele, preoccupa la variante AK4.2. Austria, aumentano i casi. Gran Bretagna, i medici chiedono la reintroduzione delle mascherine e del distanziamento

21.10.2021 20:33 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
COVID-19 - 3.794 nuovi contagi. Il bollettino del Lazio. Israele, preoccupa la variante AK4.2. Austria, aumentano i casi. Gran Bretagna, i medici chiedono la reintroduzione delle mascherine e del distanziamento
Vocegiallorossa.it

La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati individuati 3.794 nuovi positivi al COVID-19 su 574.671 tamponi processati. Sono 36 le vittime, per un tasso di positività dello 0,7%.

20:35 - "No vax e ni vax. In passato abbiamo intercettato anche questi voti, poi la nostra scelta di seguire la via della scienza ha fatto sì che molti compagni di viaggio ci abbiano lasciato, ora abbiamo fatto chiarezza. Questo non cambia la nostra capacità di ascolto delle voci fuori dal coro, di protesta, se pacifiche e non violente". Lo ha detto Giuseppe Conte parlando ai gruppi M5s. 

18:33 - Per la prima volta in tre mesi la Gran Bretagna ha registrato più di 50.000 casi di coronavirus in un solo giorno. Le infezioni segnalate sono 52.009, un dato che riporta il Paese alla situazione del 17 luglio. I decessi legati alla malattia sono 115

18:00 - A partire dal primo novembre saranno ammessi in Israele turisti stranieri vaccinati almeno due volte con Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Sinovak o Sinopharm, o con una dose di Janssen. Lo ha reso noto l'ufficio del premier Naftali Bennett precisando al tempo stesso che i provvedimenti anticipati oggi - che devono ancora essere ratificati dal governo - potrebbero subire mutamenti "di pari passo con la rilevazione di nuove varianti". L'ufficio di Bennett non si è  invece ancora espresso sulla eventualità che in Israele siano ammessi anche turisti  immunizzati col vaccino russo Sputnik.

17:28 - L'ultimo report del ministero della Salute registra 3.794 nuovi contagi a fronte di 574.671 tamponi (tasso di positività allo 0,7%). I decessi sono 36.

16:50 - In Emilia Romagna sono 294 i nuovi positivi su un totale di 30.310 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore (1%). Si contano quattro nuovi decessi che fanno salire a 13.546 i morti per Covid in regione dall'inizio dell'epidemia. Invariato, rispetto a ieri, il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva (31); 283 quelli negli altri reparti Covid (-13). 

16:12 - Sono 8.605 le persone attualmente positive a Covid-19 nel Lazio, di cui 313 ricoverati, 50 in terapia intensiva e 8.242 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono 372.940 e i morti 8.742, su un totale di 390.287 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.

15:21 - Sono 72 (di età compresa tra 2 e 95 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza a 82066. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso e sale a 2558 (si tratta di una 85enne della provincia dell'Aquila). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 78180 dimessi/guariti (+54 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1328 (+17 rispetto a ieri). (Nel totale sono ricompresi anche 425 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall'inizio dell'emergenza, sui quali sono in corso verifiche).

14:28 - Con quasi un milione di morti in tutto il mondo, "il costo umano dell'immunità naturale, lasciando che il virus circoli liberamente, non è tollerabile". Lo ha detto il responsabile Ema per i vaccini, Marco Cavaleri, in una conferenza stampa, vanificando così uno degli argomenti più diffusi fra i "no -vax". 

13:30 - Anche l'Emilia-Romagna, il Lazio, la Valle d'Aosta e la Basilicata si aggiungono alle regioni italiane che passano in verde nella mappa aggiornata sull'incidenza del Covid in Europa, curata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). In tutto, sono 12 le regioni italiane 'verdi' a basso rischio contagio, oltre alla provincia autonoma di Trento. Rispetto alla scorsa settimana, passa invece da verde a giallo il Friuli, raggiungendo nella fascia di rischio moderato (tra 75 e 200 casi ogni 100mila abitanti) la provincia autonoma di Bolzano, Veneto, Toscana, Marche, Campania, Calabria e Sicilia. 

13:00 - "Tutta Europa ha nell'Italia un punto di riferimento. Nella lotta alla pandemia abbiamo dimostrato di essere quelli che hanno gestito l'emergenza. Ma il peso politico in Europa dipenderà dalla capacità di realizzare gli obiettivi che ci siamo dati". Lo dice il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, durante il convegno a Napoli sulla coesione territoriale, organizzato da Confindustria. 

12:30 - In Austria c'è forte preoccupazione per il forte aumento dei casi di Covid-19 degli ultimi giorni. Nella giornata di ieri sono stati trovati 3.648 persone positive. Una settimana fa il dato era di 2.169. Dall'1 novembre entrerà in vigore la 'regola 3-G' che consentirà l'accesso sui posti di lavoro solo per persone vaccinate (geimpft), guarite da sei mesi (genesen) oppure testate (getestet). I nuovi decessi sono stati 11 per un totale di 11.220 da inizio pandemia. In Austria le persone che hanno contratto il coronavirus sono state 787.644 e 749.934 sono nel frattempo guarite. Attualmente i pazienti covid ricoverati sono 968 di cui 214 si trovano in terapia intensiva. 

12:00 - Cresce in Israele la preoccupazione per l'ingresso della variante AK4.2 (discendente della Delta), dopo che finora sono stati rilevati sei casi. Il premier Naftali Bennett, dopo una consultazione straordinaria indetta ieri con responsabili del ministero della sanita', ne ha convocata oggi una seconda. In questa seduta sara' discusso fra l'altro un possibile aggiornamento delle precauzioni da adottare in vista della riammissione - a partire dal primo novembre - di turisti stranieri vaccinati.

11:40 - Quasi un milione di Green pass scaricati nelle ultime 24 ore: sono stati 981.855 i certificati verdi scaricati ieri dagli italiani, secondo il report aggiornato del Governo. In particolare, 801.134 sono stati scaricati dopo aver fatto i tamponi, 177.124 in seguito a vaccinazioni e 3.597 in seguito a guarigione.

11:20 - All'Istituto Spallanzani di Roma, in questo momento, sono ricoverati 40 pazienti positivi al tampone per la ricerca di Sars-CoV-2, di cui 2 in via di dimissione, mentre sono 7 i pazienti in terapia intensiva. Questo l'ultimo bollettino dell'Istituto per le malattie infettive capitolino. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, a questa mattina, sono 3.260.

10:48 - L'obbligo del Green pass in azienda e il conseguente aumento dei tamponi ha fatto aumentare il numero dei positivi. "L'effetto Green Pass è impressionante: ci sta permettendo di individuare i non vaccinati infetti", spiega in un'intervista a La Repubblica il fisico Roberto Battiston. "L'obbligo del pass per accedere ai posti di lavoro ha spinto centinaia di migliaia di persone non vaccinate a sottoporsi al tampone", spiega il docente dell'Università di Trento. Un "test a tappeto" che "fa emergere per la prima volta una foto istantanea della diffusione del coronavirus".

10:30 - I deputati dell'Assemblea Nazionale francese hanno approvato con 74 voti a favore e 73 contrari, l'articolo 2 del disegno di legge sulla "vigilanza sanitaria" che autorizza l'esecutivo a ricorrere al "pass sanitario", il Green Pass, fino al 31 luglio 2022 qualora la situazione lo richiedesse. Ieri i deputati avevano approvato l'articolo 1 che proroga fino alla data indicata il quadro giuridico necessario alla dichiarazione di stato di emergenza sanitaria. Il disegno di legge nella sua integralità è stato adottato la notte scorsa con soli 10 voti di scarto, con 135 voti a favore e 125 contro. Il testo passerà all'esame del Senato a partire dal 28 ottobre.

10:11 - Degli 1,8 miliardi di dosi di vaccino anti COVID-19 promessi dalle nazioni benestanti, solo 261 milioni - il 14% - è arrivato a destinazione. Questa la conclusione di un rapporto di People’s Vaccinealliance, coalizione di gruppi di cui fanno parte Oxfam, ActionAid e Amnesty International. Ad un anno dall'arrivo dei primi vaccini, solo l'1,3% dei residenti nei paesi più poveri è completamente vaccinato. Stando allo studio, dei 100 milioni di dosi promessi dal Regno Unito, ne sono stati consegnati 9,6 milioni, meno del 10%. Il Canada ha consegnato 3,2 milioni, l'8% dei 40 milioni promessi. Dagli Stati Uniti sono arrivati 177 milioni di dosi, meno di un quinto dell'1,1 miliardi promesso. 

09:52 - La Polizia ha sgomberato all'alba il presidio dei no Green pass al porto di Genova, al varco Etiopia, nel settimo giorno di protesta. Un manifestante francese è stato fermato con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale dopo che si è rifiutato di esibire i documenti in seguito al tentativo di bloccare un Tir che stava entrando al porto. Lo sgombero si è svolto in modo pacifico.

09:26 - Il commissario per l'emergenza COVID-19 Francesco Figliuolo ha inviato una circolare alle Regioni in cui si chiede di "procedere con immediatezza sulla terza dose" per le categorie che devono riceverla, "fermo restando il vincolo del rispetto dell'intervallo di almeno 6 mesi" dalla seconda. Inoltre, ha invitato a un maggiore coinvolgimento di medici di base e farmacie, sfruttando la capillarità in una fase di sovrapposizione con il vaccino antinfluenzale.

09:00 - L'India ha somministrato la sua miliardesima dose di vaccino anti COVID-19, traguardo essenziale per un paese che punta a completare entro fine anno la campagna di piena immunizzazione per i suoi 944 milioni di adulti. Nel paese si somministrano al momento circa 5 milioni di dosi al giorno dopo il picco dei 25 milioni raggiunto in un solo giorno a settembre. In otto stati il 100% degli adulti ha ricevuto la prima dose. "Gratitudine ai medici, infermieri e tutti coloro che hanno lavorato a questa impresa", ha twittato il premier Narendra Modi.

08:40 - Le autorità britanniche dovrebbero reintrodurre l'uso obbligatorio delle mascherine e il distanziamento sociale di fronte all'impennata di casi di COVID-19 che si registra nel Paese. A dirlo è l'Associazione medica britannica, che ha denunciato l'inaccettabile ondata di contagi e ha accusato i ministri di essere "intenzionalmente negligenti" per non voler imporre le regole. Negli ultimi otto giorni il Regno Unito ha registrato oltre 40 mila nuovi positivi al giorno e ieri il ministro della Salute, Sajid Javid, ha avvertito che in inverno si potrebbe arrivare a 100 mila al giorno.