Garcia: "Osvaldo? I grandi giocatori è meglio tenerli. Abbiamo bisogno di un attaccante veloce che dia profondità. Strootman? Mi piace la sua leadership". FOTO!

Dall'inviato Alessandro Carducci
17.07.2013 20:00 di Gabriele Chiocchio  Twitter:    vedi letture
Garcia: "Osvaldo? I grandi giocatori è meglio tenerli. Abbiamo bisogno di un attaccante veloce che dia profondità. Strootman? Mi piace la sua leadership". FOTO!
© foto di Alessandro Carducci

Al termine della gara vinta per 9-1 contro la rappresentativa locale, il tecnico della Roma Rudi Garcia ha risposto alle domande dei cronisti in conferenza stampa.

"Penso che per quanto riguarda il numero di gol segnati abbiamo sbagliato tanto nel secondo tempo, potevamo fare meglio. Avrei voluto non incassare il gol".

Pjanic può essere il fulcro di gioco della Roma?
"Il vantaggio di Pjanic è che è un giocatore molto tecnico e che può giocare in tutte le posizioni del centrocampo. In questo caso abbiamo giocato contro una squadra difensiva, si sono viste le sue qualità sulle palle lunghe".

Massara ha dichiarato che non è detto che Osvaldo andrà via. Un commento sulla sua prova.
"Osvaldo ha giocato nel secondo tempo assieme a compagni meno esperti. Questo non gli ha impedito di segnare. È un goleador di alto livello e un giocatore di alto livello. I grandi giocatori è meglio averli piuttosto che vederli partire".

Nella sua idea dell'attacco, Totti è più centravanti o esterno?
"Ho giocato con tre attaccanti. I tre attaccanti hanno la possibilità di muoversi nello schema offensivo. Poi ci sono delle consegne difensive molto strette. Per quanto riguarda Totti abbiamo visto la qualità dei suoi passaggi di prima, rimane un giocatore davvero importante".

La squadra ha giocato molto di prima, chiede di tenere poco il pallone ai giocatori?
"Normale aver tenuto più il pallone oggi, stiamo cercando di mettere assieme il nostro gioco. Possiamo avere dei meccanismi all'interno del nostro centrocampo, la relazione con gli attaccanti va migliorata  rispetto a quello che abbiamo fatto".

Jedvaj ha dimostrato di avere qualità.
"Sotto l'aspetto difensivo è difficile giudicare, possiamo giudicare per la qualità tecniche e dei rilanci. Per quanto riguarda Tin, è un giocatore veloce, sotto l'aspetto tecnico dimostra molta sicurezza".

Manca un regista difensivo, un centrale che sappia impostare?
"Oggi Benatia non ha potuto giocare per un problema muscolare. Per quanto riguarda queste posizioni possiamo associare la gioventù. Marcos non ha potuto giocare".

Un commento sulla prestazione degli intermedi? Non hanno fatto i movimenti richiesti…
"Il sistema di gioco è un 4-3-3 con due centrocampisti che giocavano un po' più avanti, come abbiamo giocato nella prima parte del primo tempo. Questi due giocatori avevano più consegne, sia coprire che costruire. Devono anche avere la qualità del pallone e di gestire il ritmo della partita".

Marquinhos è una perdita grave? Può essere rimpiazzato da Jedvaj?
"Marcos è ancora con noi in questo momento. Quando avremo partenze e arrivi sicuri ne potremo anche parlare, ora siamo qui per parlare della partita".

Come ha visto Borriello? Punta su di lui?
"Ha la polvere da sparo nel piede sinistro. Non è pronto fisicamente ma ha una bella relazione sul campo con Francesco. Anche lui è un marcatore vero. Dobbiamo completare il tridente difensivo, abbiamo bisogno di un giocatore che punti l'area e che sia capace di giocare in profondità, veloce. È un po' la definizione di Lamela".

Perché la fascia di capitano a Marquinho e non a Taddei o Julio Sergio?
"Per quanto riguarda la scelta del capitano, poteva ricadere su giocatori più esperti. Sono molto soddisfatto del lavoro di Marquinho e gli ho dato la fascia".

Che ruolo ricaverà per Strootman? Regista o intermedio?
"È un giocatore di alto livello, molto tecnico e capace di giocare in difesa e un po' più alto a sinistra. Il vantaggio di avere questi giocatori è la loro capacità di richiedere il pallone. Quello che mi piace di lui è la sua grinta, la sua  voglia di vincere e la sua leadership".

Dopo mezz'ora è passato dal 4-3-3 al 4-2-3-1. Chiede qualcosa di diverso agli esterni?
"Bella domanda. Per me sotto l'aspetto difensivo un po' cambia, i giocatori esterni hanno più importanza. È stata una mia volontà di vedere i giocatori all'interno di un modulo diverso. So che Totti può fare il trequartista ma volevo vedere anche Florenzi".

© foto di Alessandro Carducci
© foto di Alessandro Carducci
© foto di Alessandro Carducci
© foto di Alessandro Carducci
© foto di Alessandro Carducci
© foto di Alessandro Carducci
© foto di Alessandro Carducci