Cambio Campo - Pasqualini: "Il derby pesa allo stesso modo per entrambe le squadre, ma la Roma ci arriva meglio. Ai giallorossi toglierei Veretout"

15.01.2021 17:01 di Danilo Budite Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Danilo Budite
Cambio Campo - Pasqualini: "Il derby pesa allo stesso modo per entrambe le squadre, ma la Roma ci arriva meglio. Ai giallorossi toglierei Veretout"

Torna l'appuntamento con "Cambio Campo", la rubrica di Vocegiallorossa.it nella quale, prima di ogni partita della Roma, vi proponiamo un'intervista ad un giornalista che segue la squadra avversaria.

L’ospite di oggi è Patrizio Pasqualini di Laziopress, con il quale abbiamo parlato di Lazio-Roma

Che match si aspetta?  Come si affronteranno tatticamente le due squadre?
"Il derby è sempre una partita senza logica. La Lazio ci arriva peggio rispetto alla Roma, lo dicono la classifica e i risultati. Le squadre stanno bene, i biancocelesti hanno qualche difficoltà davanti, bisognerà vedere la condizione di Correa. Tatticamente la Roma è una squadra ben definita. Le due squadre si conoscono, tutti sanno come giocano Lazio e Roma e quindi non si devono scoprire, magari cercheranno di studiare qualche mossa, la Roma cercherà di togliere il pallino del gioco a Luis Alberto e Milinkovic".

Che scelte di formazione farà Inzaghi? 
"Caicedo viene da un periodo brillantissimo, credo che giocherà lui con Immobile. Per il resto sarà la solita Lazio".

Come vede la Lazio nella corsa alla Champions?
"Nella vita mai dire mai, l'anno scorso la Lazio dopo un periodo brutto si è risollevata, con quel pareggio in casa con l'Atalanta da 0-3 a 3-3. Quest'anno però le squadre che sono davanti, cui l'anno scorso la Lazio ha tolto il posto Champions, mi sembrano più organizzate. I biancocelesti devono sperare che qualche squadra inizi a mollare qualche punto, con questo andamento è difficile per la Lazio raggiungere un posto Champions. Credo che Inter, Juventus e Milan siano sicure di un posto Champions, l'altro se lo giocheranno Roma, Napoli, Atalanta e Lazio".

Il ritardo accumulato in classifica è dovuto all’impegno europeo o c’è qualche altra difficoltà rispetto all’anno scorso?
"L'impegno europeo, il Covid, tatticismi di Inzaghi che tutti conoscono. Da quando allena la Lazio Inzaghi non si è mi smosso dal 3-5-2, ora questo modulo sembra un po' vecchio o comunque non adatto alla Lazio. Ad esempio a sinistra ci sono giocatori adattati come Marusic, così come Patric nei tre di difesa. Questa è la difficoltà di Inzaghi quest'anno, la prevedibilità. Sicuramente non vanno fatti nel derby gli esperimenti, ma qualche modifica al modulo andrebbe fatta".

A livello psicologico quanto peserebbe per le due squadre una vittoria o una sconfitta nel derby?
"Direi alla pari, 50 e 50. Il derby può segnare una stagione, in negativo o positivo. I giochi sono ancora tutti aperti, il derby pesa allo stesso modo su entrambe le squadre".

Un giocatore che toglierebbe alla Roma?
"Veretout. È un giocatore dinamico, fa bene entrambe le fasi, mi piace moltissimo come giocatore".