Cambio Campo - Carmignani: “La Roma non sbaglierà la terza partita di fila. Baldanzi sarà la prossima stella dell’Empoli”

12.09.2022 17:30 di Emiliano Tomasini Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Emiliano Tomasini
Cambio Campo - Carmignani: “La Roma non sbaglierà la terza partita di fila. Baldanzi sarà la prossima stella dell’Empoli”
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Torna l'appuntamento con "Cambio Campo", la rubrica di Vocegiallorossa.it nella quale, prima di ogni partita della Roma, vi proponiamo un'intervista ad un giornalista che segue la squadra avversaria.

L’ospite di oggi è Tommaso Carmignani de La Nazione, con il quale abbiamo parlato di Empoli-Roma.

In estate, dopo un bel campionato, è andato via Andreazzoli ed è arrivato Zanetti. Cosa ha portato di nuovo e cosa ha mantenuto?
“Ha mantenuto la vocazione dell’Empoli ad avere un’identità di gioco ben definita e a giocare bene. L’obiettivo del club è salvarsi ma anche valorizzare i giovani, che poi alla fine sono due cose che vanno di pari passo. Zanetti è entrato nel solco di Andreazzoli e dei loro predecessori. La società ha mandato via Andreazzoli e preso Zanetti per provare a prendere meno gol. Andreazzoli portava tutti sopra la linea della palla, cercava sempre il predominio del campo, anche contro avversari più forti. Zanetti è un po’ più oculato, ma anche a lui piace un calcio propositivo. La sua mano si sta iniziando a vedere, ma la squadra è ancora un cantiere aperto perché è cambiata tanto”.

Quattro punti nelle prime cinque giornate ma ancora nessuna vittoria. Cosa manca a questa squadra per vincere?
“Per il momento è mancata concretezza. Alcuni risultati sono stati ingiusti, ad esempio in Coppa Italia, contro la Spal, l’Empoli aveva dominato ma poi ha perso. Poi alcuni giocatori non sono ancora al massimo, ad esempio Grassi, che era fuori rosa al Parma. Destro ha avuto alcuni problemi fisici e gli altri attaccanti sono molto giovani. Comunque nelle ultime due gare si sono visti passi avanti importanti”.

Fazzini, Baldanzi (che ha anche segnato) ed Ekong sono tre 2003 che hanno esordito quest’anno e che hanno vinto il campionato primavera due anni fa. Nell’ultimo anno sono esplosi talenti come Ricci, Asllani, Parisi, Viti. Quanto è importante il settore giovanile in una realtà come Empoli e se ci puoi fare un nome di un prossimo giovane che sarà protagonista.
“Senza dubbio Baldanzi sarà il prossimo grande giocatore. Nella Primavera Campione d’Italia lui e Asllani erano le due stelle, lo scorso anno però Baldanzi è stato infortunato e non ha avuto spazio in prima squadra. Asllani è esploso dopo la cessione di Ricci – che è un altro giovane del vivaio che si è imposto – e ora è già all’Inter. Il vivaio ad Empoli è fondamentale, è il serbatoio da cui si pesca per la prima squadra. Solo quest’anno sono stati venduti Ricci al Torino per 10 milioni, Asllani all’Inter per 16 e Viti al Nizza per 15. Sono 41 milioni guadagnati solo grazie al lavoro nelle giovanili. Questo è l’emblema dell’Empoli”.

Bajrami in estate è stato cercato da tante squadre ma è poi rimasto. Nelle ultime gare è partito dalla panchina, il mercato lo ha condizionato?  Cosa ci si può realmente aspettare da lui?
“Secondo me è un giocatore che può diventare veramente forte. Ha grande velocità palla al piede e salta l’uomo benissimo. Nelle ultime settimane è stato un po’ condizionato dal mercato e in generale sembra essere spesso condizionato dal suo umore. Poi lui parte sempre un po’ a rilento, è un diesel. Anche due anni fa in Serie B fino a ottobre-novembre non giocava e poi ha trascinato la squadra alla promozione. Secondo me è più un esterno che un trequartista. Lui da esterno sinistro nel 4-3-3 o nel 4-2-3-1 può fare davvero la differenza. È un giocatore di gamba e ha bisogno di spazio, da trequartista soffre un po’ la pressione avversaria. Con Zanetti può fare meglio dell’anno scorso, perché il nuovo allenatore punta più di Andreazzoli sulle ripartenze. Bajrami non ama giocare spalla alle porte, gli piace avere campo davanti”.

La Roma sta vivendo una piccola crisi, c’è speranza di fare un’impresa e vincere? Che partita ti aspetti tatticamente?
“Dopo due partite sbagliate, credo che difficilmente la Roma ne sbaglierà una terza. La squadra quest’anno è più forte, non so cosa sia successo nelle ultime due partite. Sicuramente parte favorita contro l’Empoli. L’anno scorso Andreazzoli ha costruito la salvezza contro le grandi, vincendo contro Napoli e Juve. L’Empoli proverà a giocare in ripartenza, ma deve anche evitare di abbassarsi troppo, perché se ti difendi e basta a un certo punto il gol lo prendi”.