Barcellona, il DS Cruyff: "Vendere Depay? Se non ti darà un Fair Play, perché farlo. Non pensiamo alle uscite"

07.12.2022 22:30 di Andrea Gonini Twitter:    vedi letture
Barcellona, il DS Cruyff: "Vendere Depay? Se non ti darà un Fair Play, perché farlo. Non pensiamo alle uscite"
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Jordi Cruyff, DS del Barcellona, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano spagnolo Mundo Deportivo. Di seguito uno stralcio delle sue parole relative alla situazione Depay, calciatore accostato alla Roma.

Nel caso di Memphis Depay, il cui contratto scade in estate, è ora di rinnovarlo o venderlo a gennaio per ottenere un guadagno. Oppure considerano una posizione intermedia di mantenerlo perché è necessario?
"Memphis si è infortunato in questa stagione e non ha potuto essere presente quanto avrebbe voluto e quanto voleva la squadra. È anche vero che nelle partite precedenti l'infortunio giocava da titolare e con dei bei gol. Alla fine dobbiamo pensare anche a Lewandowski, sospeso per le prossime tre partite. Le equazioni sono fatte, non da Memphis ma da chiunque, che se un giocatore del Barça parte per portarne un altro puoi considerarlo. Ma se anche questo non ti darà il Fair Play, allora perché? Non ha senso. Ora, tornando a Memphis, ha sempre avuto un atteggiamento impeccabile a livello di impegno e Xavi è il primo a dirlo. Quando doveva esserci, c'è stato e ha risposto. Quindi, oggi non si pensa alle uscite ma ad avere una squadra competitiva per il girone di ritorno, con la stessa linea del girone di andata e Memphis, se recupera dall'infortunio, e lo sta dimostrando in nazionale, è un giocatore che può aiutare molto qualsiasi club in cui si trova".

Ma potrebbe andare via gratis.
"In estate vedremo la situazione in cui ci troveremo, ma oggi la realtà è che hai Lewandowski squalificato per tre partite e sarebbe strano pensare a delle partenze veloci. Vedremo. Tutti sono necessari. Può essere che quello che pensavi fosse stato stato top poi non si rivela in forma e quello che meno pensavi si rivela l'opposto".