Torino, Juric: "Fino al 70' abbiamo dominato. C'è comunque rammarico"

13.11.2022 18:20 di Andrea Gonini Twitter:    vedi letture
Torino, Juric: "Fino al 70' abbiamo dominato. C'è comunque rammarico"
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Nel postpartita di Roma-Torino, ha parlato Ivan Juric

JURIC A DAZN 

D’accordo con le parole di Mou, dicendo che ci sono state due partite?
“Si, fino al 70’ abbiamo dominato. Ci è mancata la fisicità negli ultimi minuti, eravamo anche stanchi. Ci sono mancati anche i cambi giusti, oggi un grande rammarico”.

La partita?
“Abbiamo giocato molto bene soprattutto in mezzo al campo. Quando arrivano questi ultimi 20 minuti la partita diventa diversa, dovevamo gestirla meglio. Oggi dovevamo portare la partita a casa anche in modo sporco, ma non siamo stati in grado”.

Linetty?
“Ha fatto molto bene. Li davanti si sono mossi molto bene. Lo scorso anno avava iocato meno, quest’anno sta facendo benissimo. Lukic, Vlasic e Linetty mi stanno dando grandi soddisfazioni”.

Un primo bilancio?
“Siamo andati oltre di quello che mi aspettavo, anche senza Bremer che era il migliore in difesa. Sono molto contento della crescita, dobbiamo migliorare ancora”.

Juric in conferenza stampa (a cura dell'inviato all'Olimpico, Gabriele Chiocchio)

Perché Sanabria dall'inizio? Come cambia il rendimento dei trequartisti con lui o quando giocano tra di loro? Il gol è anche merito della presenza di Sanabria?
"Ci sono partite e partite, in certe partite serve giocare senza attaccante e altre in cui serve averlo. Sanabria ha fatto molto bene, ha sbagliato due gol in cui poteva fare meglio. La partita era per la punta e per due trequartisti, l'altro giorno la situazione era diversa".

Prevale un sentimento di rimpianto, di orgoglio o di soddisfazione?
"È un peccato che non facciamo le cose per migliorare la squadra. Servono cose per portare la partita a casa, siamo stati in una situazione in cui non potevamo alzare la fisicità. Quando domini così, stradomini, devi vincere, o portare a casa quei minuti in un altro modo".

Il tuo Torino ha tre punti in più dello scorso anno e quattro posizioni in più. Si può trarre un bilancio?
"Abbiamo perso giocatori importanti, come Bremer, anche centrocampisti che non abbiamo sostituito. I ragazzi sono stati fantastici, i nuovi si sono integrati benissimo. Il bilancio è che vorrei qualcosa in più, ci manca qualcosa per vincere questo tipo di gare, ti dà ambizioni diverse. Sono molto soddisfatto, ma siamo sempre là.

Vojvoda è scelta tecnica?
"Non mi è piaciuto per niente".

Negli ultimi minuti il Torino ha subìto. È un fatto fisico?
"Ci sono diversi giocatori che hanno fatto tre partite in una settimana, non sono abituati. Negli ultimi 15 minuti diventa una partita diversa, devi avere una fisicità diversa. Se hai qualcuno che ti tiene la palla è finita e la vinci. La Roma può fare certi cambi e ti mette pressione, quando la partita diventa più sporca devi fare in modo diverso. Non devi dominare, devi portarla a casa".

C'è una certa condivisione in chiave mercato?
"Non rispondo".

Come ha visto la Roma?
"La partita l'abbiamo dominata a livello di palleggio, i centrocampisti hanno fatto benissimo come movimenti. Abbiamo fatto gol e azioni in cui loro ballavano e non ci prendevano. Ricci ha interpretato bene questa cosa qui, allargandosi per andare dall'altra parte, poi è diventata una battaglia, di lancio lungo e pressione, non hai più dominio e devi avere altro. Avevamo delle assenze che ci avrebbero dato uno spessore diverso, in mezzo non avevamo tante opzioni. La partita, per 70 minuti, è stata fatta come volevamo. Con più cattiveria potevamo fare più gol".