Frosinone, Gualtieri: "Contro la Roma sarà più difficile che contro la Juventus. All'Olimpico credendoci"

25.09.2018 12:33 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Frosinone, Gualtieri: "Contro la Roma sarà più difficile che contro la Juventus. All'Olimpico credendoci"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico De Luca

Salvatore Gualtieri, responsabile della comunicazione del Frosinone, han rilasciato le seguenti dichiarazioni a Tele Radio Stereo, in vista del match contro la Roma.

 

Il vostro inizio è stato, fin qui, complicato, specialmente a livello realizzativo.
"I dati purtroppo sono impietosi, quando sei con 0 gol all'attivo dopo 5 partite non puoi aggiungere altro. Eppure abbiamo una buona rosa, abbiamo preso Campbell, viene dall'Arsenal, ha fatto il Mondiale col Costa Rica. C'è Perica, un giocatore che conosce la categoria, Ciano è stato importantissimo in Serie B. Ciofani e Dionisi, purtroppo, sono infortunati. C'è Pinamonti che è un giovane di ottime speranze. Io mi auguro che con il gioco il Frosinone riesca a far sbloccare gli attaccanti che ha in rosa".

Il Frosinone di tre anni fa cercò di mantenere quell'intelaiatura di rosa con cui aveva vinto la B, mentre stavolta avete una rosa diversa dall'anno prima.
"Abbiamo cercato di trovare il giusto mix, gioventù ed esperienza, una strategia che il presidente Stirpe ha voluto portare avanti. Abbiamo cambiato l'assetto del gruppo che ha vinto la Serie B, ma gran parte di quei ragazzi è ancora in rosa, il problema è che molti di loro sono infortunati. Sono stati inseriti giocatori che conoscono il campionato, come Sportiello, Hallfredsson, Crisetig, Goldaniga... Non è una scusa, ma è chiaro che quando cambi una decina di calciatori, nell'immediato puoi incontrare delle difficoltà".

Dopo aver tenuto testa 81 minuti alla Juve, in voi è cresciuta una consapevolezza in vista della Roma?
"Si, è vero, abbiamo perso, ma siamo rimasti in parità fino a 10 minuti dal termine. La partita di domani sera sarà più difficile di quella di domenica, incontreremo un avversario arrabbiato. Andremo all'Olimpico credendoci, perché con la Juventus non abbiamo sfigurato".