Roma-Parma - I duelli del match

08.07.2020 12:00 di Alessandro Pau   Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Alessandro Pau
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Roma-Parma - I duelli del match

Stasera Roma e Parma si sfideranno allo Stadio Olimpico. Vocegiallorossa.it vi propone i possibili duelli che potrebbero decidere il match.

PERES-GERVINHO - Sulla corsia destra della Roma si giocherà una sfida ad altissima velocità, che interesserà anche gli appassionati di atletica che quest’anno non hanno potuto assistere al consueto Golden Gala allo Stadio Olimpico. Da una parte Bruno Peres, che nonostante tutto dal suo ritorno a Roma nel mercato di riparazione ha inanellato una serie di prestazioni sufficienti: niente di eccezionale, ma comunque un calciatore con caratteristiche peculiari e uniche all’interno della rosa giallorossa. Di fronte a lui ci sarà chi il terreno dell’Olimpico lo conosce bene, quel Gervinho che nella Capitale elettrizzava il pubblico con sgroppate pazzesche condite anche da diverse reti. La speranza è che ciò non si ripeta anche stasera, con buona pace dei tifosi ducali.

VERETOUT-KUCKA - A centrocampo invece la sfida si giocherà sui muscoli. Il francese della Roma sembra aver perso un po’ di smalto, come del resto tutta la squadra di Fonseca, ma è comunque uno dei migliori di questa Roma post-lockdown. Contro il granitico centrocampo ducale l’ex Fiorentina sarà chiamato a una prestazione di livello e sacrificio. Chi più di tutti gli contenderà ogni pallone sarà il sempre ostico Kucka, un giocatore che ha fatto della forza fisica e della cattiveria agonistica le sue armi migliori. Non un metronomo, ma comunque bravo con i piedi, dovrà essere bloccato per evitare lanci verso i pericolosissimi attaccanti emiliani, soprattutto a campo aperto.

CRISTANTE-CORNELIUS - Sfida inedita e non comune quella che si svilupperà all’interno dell’area di rigore giallorossa. Cornelius ha dimostrato di essere un attaccante sempre pericoloso e temibile, per questo serve qualcuno che possa annullarlo. Come trapela dalle parole di Fonseca, Cristante dovrebbe scendere trai 3 di difesa, occupando inevitabilmente una posizione centrale. Quando i giallorossi avranno il pallino del gioco, Cristante avrà principalmente un ruolo di impostazione, ma non sarà di certo esonerato dai compiti difensivi in fase di non possesso. Il terzo di difesa lo ha già fatto qualche volta con buoni risultati, ma quello di stasera sarà un banco di prova molto complicato.