Non solo Ponce: ecco i giocatori lanciati dai Newell's Old Boys

28.12.2014 06:00 di Marco Rossi Mercanti   vedi letture
Non solo Ponce: ecco i giocatori lanciati dai Newell's Old Boys
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico De Luca

Ezequiel Ponce, talento 17enne del Newell’s Old Boys in orbita Roma, è solo uno dei tanti giocatori lanciati dalla squadra sei volte campione d’Argentina. Nel corso della sua ultracentenaria storia, la compagine sudamericana è stata il trampolino di lancio di diversi calciatori che hanno potuto godere di una discreta, se non ottima, carriera in campo internazionale. Vocegiallorossa.it propone un elenco di 10 giocatori (più o meno famosi) la cui carriera è iniziata con i Newell’s Old Boys per poi svilupparsi in altri contesti.

PABLO GUINAZU

Meteora della nostra Serie A (14 presenze con il Perugia nel 2000/2001), ha esordito nel calcio che conta nel 1996 con i Newell’s Old Boys, racimolando 119 presenze e 5 reti in 4 anni. Dopo essere stato ceduto dal Perugia, torna in Argentina e rimane e calcare i campi nazionali per tutta la carriera. Vanta anche 16 presenze con la Nazionale maggiore.

FACUNDO HERNAN QUIROGA

Il difensore colleziona 22 presenze ed un gol con i Newell’s Old Boys per passare prima allo Sporting Lisbona e poi al Napoli nella stagione 2000/2001, dove timbra 28 presenze in quella che sarà la sua unica esperienza nel nostro campionato. Torna allo Sporting per altri tre anni, per poi accasarsi per 4 anni al Wolfsburg prima del ritorno in patria. Anche lui vanta 16 presenze con l’Albiceleste.

DIEGO MATEO

È la terza meteora, sin qui analizzata, del calcio italiano (8 presenze nel 2000/2001 con il Lecce), maturato anche lui con i Newell’s Old Boys, grazie alle 87 presenze ed ai 4 gol in 4 stagioni. In seguito, girovaga per la Spagna (Racing Santander e Rayo Vallecano), per ritornare in Argentina proprio con i Newell’s Old Boys, dopo le esperienze con San Lorenzo, Hercules e Gimnasia Jujuy.

SANTIAGO SOLARI

Sebbene non disputi alcuna gara ufficiale con i Newell’s Old Boys, sono proprio quest’ultimi a lanciarlo nel calcio che conta. Si trasferisce a Madrid dal 1999 al 2005 (prima all’Atletico poi al Real) per giocare in Serie A con l’Inter per le tre stagioni successive: i nerazzurri saranno la sua ultima esperienza europea. Colleziona 11 presenze ed un gol (contro il Messico) con la maglia della Nazionale del suo paese.

MAXI RODRIGUEZ

Attualmente gioca proprio con i Newell’s Old Boys, dopo la prima parentesi triennale dal 1999 al 2002. Si trasferisce in Spagna all’Espanyol, ma per cinque anni diventa un perno del centrocampo dell’Atletico Madrid, guadagnandosi nel 2010 la chiamata del Liverpool, club con il quale rimarrà per due anni. Diventa un elemento fondamentale anche per l’Argentina stessa, timbrando ben 57 presenze condite da 16 gol.

NESTOR SENSINI

Una carriera in Italia spesa tra Udinese, Parma e Lazio (Supercoppa Uefa, Scudetto, Coppa Italia e Supercoppa Italiana nell’unico anno con i capitolini), oltre 400 presenze in Serie A. A lanciare il difensore argentino è ancora una volta la compagine dei Newell’s Old Boys, club con il quale gioca dal 1986 al 1989 per un totale di 74 presenze e 2 gol. Per quanto riguarda il capitolo Nazionale, veste per 59 volte la casacca Albiceleste.

GABRIEL HEINZE

Dopo le 8 presenze nel 1996/1997, El Gringo torna a vestire la casacca dei Newell’s Old Boys nel 2012, dopo la non memorabile esperienza con la Roma (30 presenze). Difensore girovago, veste in carriera anche le maglie di Real Valladolid, Sporting Lisbona, Paris Saint-Germain, Manchester United, Real Madrid e Marsiglia. Rappresenta la sua Nazionale per ben 72 volte, andando in gol per 3 volte.

WALTER SAMUEL

Portato in Italia dalla Roma (per lui uno scudetto e una Supercoppa Italiana), muove i primi passi da calciatore nei Newell’s Old Boys, totalizzando 42 presenze senza tuttavia riuscire a segnare. Lascia la Capitale per approdare al Real Madrid ma, dopo un solo anno, torna in Italia all’Inter, club con il quale vince praticamente tutto sino al termine della sua esperienza nel 2014. Ha rappresentato l’Argentina per 56 volte, segnando in 5 occasioni. Attualmente gioca nel campionato svizzero nel Basilea.

GABRIEL BATISTUTA

Uno dei maggiori talenti lanciati dalla compagine argentina, con la quale sigla 4 gol in 16 presenze. Dopo River e Boca Juniors, sboccia l’amore con la sua Fiorentina, ma è con la Roma che conquista il suo unico scudetto nel 2000/2001, grazie soprattutto alle sue 20 reti. Dopo la brevissima parentesi all’Inter, conclude la sua carriera all’Al-Arabi. Notevole il suo score con l’Albiceleste: 56 gol in 78 presenze.

LIONEL MESSI

In pochi sanno che il piccolo Messi ha mosso i primi passi proprio con i Newell’s Old Boys, giocando per le loro giovanili dal 1995 al 2000. In seguito, gli scout del Barcellona lo notano e lo portano in Catalogna: tutto ciò che Messi realizzerà sino ad oggi è storia decisamente nota. Attualmente, ha collezionato 97 presenze e “solo” 45 gol con l’Albiceleste.