Iago Falque, la continua evoluzione di un jolly sulle orme di Florenzi

15.11.2015 13:00 di Claudio Lollobrigida Twitter:    vedi letture
Iago Falque, la continua evoluzione di un jolly sulle orme di Florenzi
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

L'iniziale scetticismo circa l'arrivo di Iago Falque alla Roma aveva iniziato a vacillare già dalle prime uscite amichevoli in estate: in particolare, nell'Opening Day contro il Siviglia, il pubblico giallorosso aveva potuto apprezzare da subito un giocatore decisamente evoluto tatticamente e capace di intepretare il ruolo di esterno di attacco con qualità uniche nel parco offensivo di Garcia.

Ora il ritorno ad alti livelli di Gervinho ha ristretto i posti disponibili nel tridente di attacco, i cui due terzi sono occupati in maniera fissa dagli inamovibili Dzeko e Salah. Ma questo aspetto non ha certamente contribuito a mettere da parte lo spagnolo ex Genoa: più di una volta Garcia ha infatti cambiato lo scacchiere tattico utilizzando un più equilibrato 4-4-2, con Falque primissima scelta nel ruolo di esterno sinistro di centrocampo, visto l'impagabile apporto offerto nelle due fasi e anche in contropiede. La sua evoluzione tattica ha poi probabilmente trovato la definitiva consacrazione nel derby vinto con la Lazio, nel quale Falque ha iniziato come trequartista nel 4-2-3-1 trasformandosi addirittura in mezz'ala in fase di non possesso, scalando la posizione per mettersi tra i tre di centrocampo. Non è un caso, infatti, che le geometrie di Biglia siano state quasi del tutto annullate: merito soprattutto del grande lavoro in copertura del jolly romanista.

Un percorso, quello di Iago Falque, che per certi aspetti somiglia molto a quello perfezionato da Alessandro Florenzi fin dal suo rientro alla base dopo l'esperienza a Crotone: abnegazione, senso della posizione ed intelligenza tattica hanno portato questi due giocatori a interpretare ruoli originariamente non loro, pur mettendo in campo caratteristiche ovviamente diverse. Per coloro che si aspettavano un attaccante doppione di Salah o Iturbe, la crescita di Falque sta sicuramente colpendo tutti, in primis Garcia, che non ha esitato a spendere parole al miele per il suo giocatore: "Iago somiglia un po' a Florenzi, è intelligente e umile, oltre a essere un giocatore di grande qualità. È stato un grande acquisto". E alzi la mano chi non se ne sta convincendo.