Settimio Lucci: "Ibanez è uno dei centrali più interessanti in prospettiva. Per crescere la Roma deve trovare la stabilità societaria"

21.09.2020 17:04 di Danilo Budite Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Settimio Lucci: "Ibanez è uno dei centrali più interessanti in prospettiva. Per crescere la Roma deve trovare la stabilità societaria"

All'interno della trasmissione Altrimenti ci arrabbiamo in onda sulle frequenze di Centro Suono Sport, è intervenuto il doppio ex di Roma ed Hellas Verona Settimio Lucci.

La tua esperienza a Roma?
"Ho fatto il settore giovanile, sono stato aggregato spesso in prima squadra, anche nell'anno dello scudetto. Poi andai un anno all'Avellino e tornai. La vittoria della Coppa Italia nel 1986 è stata una grande soddisfazione, abbiamo giocato il match quando già c'erano i mondiali e quindi eravamo molti giovani in campo. Avevamo una grande motivazione, noi giovani giocavamo poco".

Cosa pensi della Roma di oggi?
"La Roma deve trovare una stabilità societaria, senza società non si costruiscono grandi squadre. Spero che il cambio di proprietà possa essere un punto di partenza".

Che ne pensi della difesa della Roma?
"I giovani sono forti, Ibanez è uno dei centrali più interessanti in prospettiva. In generale oggi i difensori sono più scarsi di quando giocavo io perché si cura maggiormente la costruzione di gioco. A livello individuale comunque i difensori della Roma sono buoni, ma devono trovare alchimia di squadra".