Non convince la difesa a tre

Dall'inviato al S. Paolo di Napoli, Gianluca Ricci
03.10.2010 16:55 di Gianluca Ricci   vedi letture
Fonte: Vocegiallorossa.it
Non convince la difesa a tre
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Un po' a sorpresa, Ranieri ha deciso di presentare al S. Paolo una Roma con la difesa a tre, novità per quest'anno ma non un inedito dall'inizio dell'avventura in giallorosso del tecnico di S. Saba. Già lo scorso anno, sempre sul terreno del Napoli, l'unico precedente quando tra azzurri e romanisti finì sul 2-2. 3-5-2 al via, con Cassetti, Nicolàs Burdisso e In quest'occasione però il test si è rivelato decisamente poco convincente. Maggiori garanzie in difesa? Forse, ma solo sino ad un certo punto, perché Burdisso e soci hanno finito per soffrire parecchio le improvvise incursioni e le invenzioni di Hamsik, pericolo incombente ad ogni ripartenza degli uomini di Mazzarri. In attacco poi, pur senza risparmiarsi, Totti e Borriello sono sembrati sin troppo isolati. Il tutto sommato ad una condizione atletica generale della squadra alquanto approssimativa, in difficoltà sui contropiede avversari e nel provare ad organizzarne i propri. Nella ripresa poi, fuori Menez, Ranieri ha inserito un altro centrocampista di contenimento, Brighi, andando a trasformare la linea mediana in una vera e propria diga. Cicinho e Riise esterni, De Rossi, Pizarro e il nuovo entrato in mezzo: come a dire "pensiamo soprattutto a non prenderle". Roma difensiva dunque: forse pratica, ma poco pericolosa in fase offensiva e decisamente bruttina a vedersi.