De Montis, ag. FIFA: "Roma, per il salto di qualità servono un difensore e un centrocampista. Consiglio Mendy del Marsiglia"

08.12.2013 18:20 di Claudio Lollobrigida Twitter:    vedi letture
Fonte: footbal-magazine.it
De Montis, ag. FIFA: "Roma, per il salto di qualità servono un difensore e un centrocampista. Consiglio Mendy del Marsiglia"
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

L'agente FIFA Giovanni De Montis ha trattato alcuni temi inerenti il mondo Roma: "Nell’undici la Roma è una squadra fortissima, attualmente deficitaria solo nel ruolo del terzino sinistro. Balzaretti è affidabile in copertura ma poco preciso in fase di spinta e nei cross, mentre Dodò, che a me piace tantissimo, deve imparare a difendere con più personalità sull’avversario e ad essere più freddo nelle scelte in fase di spinta dove ha le qualità per essere devastante, sono fiducioso che possa migliorare tanto con Garcia".

Chi prenderebbe per il ruolo?
"Fosse per me avrei puntato e punterei su Benjamin Mendy del Marsiglia, Franco- Senegalese classe ’94, calcisticamente lo definisco brutale, grandissimo fisico, ha una forza di spinta e una qualità al cross che a mio avviso ne fanno uno dei migliori in Europa soprattutto se consideriamo che è solo un ’94".

Dove andrebbe puntellata la rosa?
"Per fare il salto di qualità nell’immediato servono un centrocampista e un centrale di difesa di pari livello dei titolari, che possano entrare nella regolare turnazione, anche se a inizio stagione credevo che Romagnoli sarebbe stato impiegato come prima alternativa alla coppia titolare, mi ha stupito vedere in campo Burdisso al suo posto".

Due nomi?
"Per il centrocampo oltre ai soliti nomi che si leggono come Fernando, Sandro, Alonso, che sarebbero dei grandi colpi, sapevo che quest’estate la Roma era interessata a Imbula (all’epoca di proprietà del Guingamp, ndr) poi passato anche lui al Marsiglia per 6-7 milioni. Per me è un giocatore davvero forte, un classe ’92 che interpreta il ruolo da veterano, un giocatore che non ha nulla da invidiare al connazionale Kondogbia passato in estate al Monaco per 20 milioni. Per la difesa darei più fiducia ai due giovani Jedvaj ed in particolare a Romagnoli, ma se partisse Burdisso a gennaio la Roma potrebbe permettersi un colpo anche li dietro. Il nome giusto potrebbe essere Alvarez Balanta del River Plate, colombiano classe ’93 mancino di grande fisico, nella corsa ricorda Ivan Ramiro Cordoba, è prontissimo al salto transoceanico".

In uscita la Roma come dovrà muoversi secondo lei?
"
In questi casi la volontà dei giocatori è il fattore più determinante, sicuramente in una rosa di 24-25 giocatori ci saranno degli scontenti, in linea di massima possiamo star certi che tra gennaio e al massimo giugno Burdisso e Taddei andranno via a scadenza, oltre a loro credo che Borriello e Marquinho verranno ceduti in estate in quanto mal collocabili negli schemi tattici di Garcia".

Per concludere: un talento del futuro?
"
Ne dico due: il primo è Keita della Lazio, presto le big europee busseranno alla porta di Lotito a suon di milioni. Il secondo è Angel Correa, gioca in Argentina nel San Lorenzo, è un classe ’95 con una conduzione del pallone in corsa impressionante, calcia indifferentemente con entrambi i piedi, concettualmente può ricordare Carlitos Tevez anche se è più elegante, credo che presto arriverà in Europa", le sue parole a football-magazine.it.