Bertotto: "Ho preso ad esempio Di Francesco nel mio percorso di allenatore"

22.09.2017 19:41 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Fonte: Roma TV
Bertotto: "Ho preso ad esempio Di Francesco nel mio percorso di allenatore"
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

L'ex capitano dell'Udinese Valerio Bertotto è stato intervistato da Roma TV: "Sono arrivato a Udine nel '92, siamo retrocessi e risaliti, poi c'è stato un crescendo continuo, la prima Coppa UEFA, un terzo posto, tante partecipazioni all'Europa, i preliminari di Champions League vinti, con il Barcellona nel nostro girone. Tante pagine bellissime, sia di squadra ma personalmente anche importanti, il fatto di riuscire a essere protagonista assoluto sicuramente ti inorgogliva ancora di più nell'approccio professionale e il riconoscimento come ho come ex capitano è qualcosa di bello. L'esperienza da tecnico alla Viterbese? Avevo tre nazionali, recuperare su 60 formazioni i migliori della categoria è stato un lavoro importante. Mi ha lascito qualcosa di bello, però potevi lavorare tre giorni al mese. Ora è un altro percorso, è un po' di anni che per fortuna sto mettendo in atto. Sono contentissimo della scelta che è stata fatta su di me a inizio stagione col direttore e con Camilli, ho trovato un ambiente positivo, che ha voglia di crescere e migliorare le ambizioni giuste del presidente, con una serietà e una programmazione importante. Di Francesco? È un bel peperino, gran giocatore e ragazzo serissimo. Da calciatore un elemento difficile da gestire, ti spostava l'equilibrio, aveva intraprendenza, tempi di inserimento notevoli. Lo ricordo con affetto da avversario anche se di sudore ce ne ha fatto patire tanto. L'ho sempre preso ad esempio nel mio percorso, al Sassuolo lo ritenevo capace, con idee di calcio moderne, qualità, velocità, ampiezza, profondità, aggressività. Un giocatore percepisce quando un allenatore ha le idee chiare. Se un allenatore non riesce a spiegarsi diventa difficile, a Roma ancor di più perché è una piazza esigente e passionale. Ma non è il caso di Di Francesco. La Serie A? Sarà più combattuta, la Juve è sempre solida ma è incalzata da tante altre formazioni, la Roma è una di queste, ha avuto critiche severe all'inizio. La Roma ha questo trend positivo che vorrà rispettare e portare avanti, per contro l'Udinese non sta vivendo una fase positivissima, il vantaggio in questo momento è della Roma, sia mentale che di serenità, ma per l'Udinese deve diventare una partita gagliarda. Sarà una gara tosta".