Barcellona, le casse piangono: LaLiga impone taglio di oltre 60 milioni sul monte ingaggi

22.02.2024 02:00 di Andrea Gonini Twitter:    vedi letture
Barcellona, le casse piangono: LaLiga impone taglio di oltre 60 milioni sul monte ingaggi
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Titone/BernabeuDigital.com

Anche la prossima finestra estiva di mercato promette di essere piuttosto complicata per il Barcellona. Le finanze della squadra blaugrana sono da tempo in uno stato di crisi avanzata e procede ormai spedita da almeno tre anni la spending review in salsa catalana che, tra i suoi primi effetti, ha visto peraltro anche l'uscita di Messi, poi passato al PSG e quindi adesso all'Inter di Miami in MLS.

LaLiga, fanno sapere i quotidiani spagnoli, ha fatto sapere al Barça che servirà una notevole contrazione del tetto salariale. Ad oggi la squadra spagnola spende circa 250 milioni di euro in ingaggi e, stando alle ricostruzioni in nostro possesso, la richiesta da parte dell'ente che organizza il massimo campionato in Spagna è chiara e precisa: scendere di oltre 60 milioni, così da portarlo al nuovo limite consentito (nella penisola iberica ormai da qualche anno ogni manovra economica dei club è soggetta al controllo dell'istituzione che governa la Liga), individuato invece sui 180.

Questa è la prima condizione per potersi iscrivere alla stagione 2024/2025, già in questa la situazione è ben più che border line visto che viene stimato in quasi 450 milioni di euro l'attuale costo reale della squadra. Servirà liberarsi di grandi nomi da luglio in avanti: un nome buono è quello del centrocampista Frenkie de Jong, che percepisce uno stipendio robustissimo, con lui anche Robert Lewandowski, Raphinha e Ronald Araujo potrebbero essere forti candidati ad una partenza nel futuro prossimo.