TRIGORIA - Roma Femminile, Spugna: "Non aspetteremo gli avversari. Difesa a tre? Vediamo". VIDEO!

28.09.2022 19:20 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
TRIGORIA - Roma Femminile, Spugna: "Non aspetteremo gli avversari. Difesa a tre? Vediamo". VIDEO!
© foto di Luca D'Alessandro

L'allenatore della Roma Femminile, Alessandro Spugna, ha parlato alle 10:00 in conferenza stampa alla vigilia del ritorno di Women's Champions League contro lo Sparta Praga, in programma domani alle 14:30.

Domanda di Vocegiallorossa.it - Lei ha detto che sarebbe un sogno la qualificazione in Champions. Se la Roma dovesse qualificarsi, a che punto sarebbe del suo progetto? Nel caso, la società le ha dato rassicurazioni per rafforzare la rosa?
"La cosa importante per me domani è arrivare ai gironi, poi di tutto il resto se ne parlerà più avanti. Ora ci concentriamo sulla gara di domani con tutto lo staff, poi vedremo"

Tatticamente, che partita sarà?
"Non dobbiamo fare l'errore di pensare di aver passato il turno. Dobbiamo giocare con le nostre idee, caratteristiche. Dobbiamo cercare di fare la gara come sappiamo, cercando di fare gol senza aspettare. Non possiamo aspettare dall'inizio di speculare sul risultato dell'andata".

Condizione infortunati?
"Linari non ce la fa".

Nella rinascita del calcio femminile, quanto c'è di voi allenatori? Anni fa non si giocava così bene nel calcio femminile
"La crescita del calcio femminile è legata a tanti aspetti, non solo a noi allenatori. I club ci danno la possibilità di lavorare bene, le calciatrici stanno crescendo, stanno arrivando giocatrici importanti in Italia, ci permette di avvicinarsi a quel calcio aggressivo che si gioca da qualche anno in Europa. Dobbiamo essere pronti a giocare un calcio veloce, aggressivo, e questo dovremo farlo anche domani".

Difesa a tre anche domani o tornerà a quattro?
"Non è una questione di moduli ma di giocare secondo le nostre caratteristiche, poi le gare possono portarti a fare dei cambiamenti. Domani vedremo, la difesa a tre è una soluzione ma abbiamo tante possibilità".

Quale aspetto teme di più delle avversarie?
"Loro sono una squadra fisica, esperta, penso sia l'aspetto che possa darci più fastidio ma noi abbiamo una capacità di palleggio che dobbiamo sfruttare al meglio".

Pensavi di riuscire a portare così tante persone allo stadio?
"Sicuramente partecipare alla Champions stimola la curiosità di tanti tifosi. Avere così tanta gente, è uno stimolo ancora più importante, speriamo si possa ripetere, vorrebbe dire essere arrivati ai gironi".

La crescita passa per questo tipo di gare. C'è anche questa responsabilità?
"Penso di sì. Se qualche anno fa, un'italiana avesse fatto questo cammino sarebbe uscita al primo turno. Sarebbe una crescita per le giocatrici e il club".

Spugna ai canali del club

"Non dobbiamo pensare alla partita dell'andata, dobbiamo fare la nostra partita. Solo così possiamo vincere e andare ai gironi".

Cosa la preoccupa di più?
"Loro sono una squadra molto fisica e hanno grande esperienza. Molte giocano anche nella loro nazionale".

Quanto è importante giocare in casa davanti al pubblico?
"Molto, nelle prime di campionato ci hanno dato come sempre una grande mano. Anche contro lo Sparta il Tre Fontane sarà sold out e questo sicuramente ci darà una spinta in più".