Braga-Roma 0-2 - Top & Flop. VIDEO!

19.02.2021 22:30 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti

TOP

DOPPIE PUNTE Problema che affligge moltissime donne, che ogni giorno combattono per prevenire la loro comparsa. Al contrario, in casa Roma le doppie punte sono ben accette, magari non insieme, ma a turno. Inizia Dzeko, che dopo 4' segna il primo gol "post-rottura" con Fonseca, mentre nella ripresa è Borja Mayoral ad arrotondare il risultato, proprio pochi minuti dopo l'ingresso in campo al posto del Cigno di Sarajevo.

IL RITORNO DEL (FA)RE(ONE) - Parafrasando il titolo del film conclusivo della trilogia de "Il Signore degli Anelli", nel finale di partita Fonseca ha lanciato El Shaarawy. Per il Faraone è il secondo debutto in maglia giallorossa dopo quello del 2016: una volta entrato in forma, può essere una risorsa importante per questa seconda parte di stagione.

ROMENO O ROMANO? La Roma di Fonseca ha ampiamente meritato la vittoria, ma è doveroso anche tirare un sospiro sollievo per quanto avvenuto a inizio secondo tempo. Ibanez si disinteressa del pallone e atterra in area Sporar, con il fischietto romeno Kovacs che non assegna il penalty, non venendo nemmeno richiamato da Martinez Munuera al VAR. Giallorossi graziati in questa circostanza, che avrebbe potuto regalare al Braga una ghiotta chance per pareggiare.

RISULTATO ALL'INGLESE - Sono bloccati i voli tra il Portogallo e l'Inghilterra, motivo per il quale il Benfica ha dovuto giocare la sfida casalinga contro l'Arsenal allo stadio Olimpico di Roma. Curiosamente, i giallorossi s'impongono in terra lusitana proprio con il più classico dei risultati "all'inglese", tra l'altro molto importante in vista del ritorno, dove servirebbe un tracollo epocale per essere eliminati.

"È MEJO ER VINO, DE LI CASTELLI" - Risultato appunto complicato da ribaltare per la compagine di Carlos Carvalhal. Quest'ultimo, tuttavia, potrà almeno consolarsi con l'ottimo vino nostrano regalatogli da Fonseca nel prepartita. Partita negativa, ma almeno la bottiglia è top...

FLOP

INDIFESIÈ il caso di dirlo. Nel corso della sfida, Fonseca perde immediatamente Cristante (lombalgia) e, nella ripresa, Ibanez (fastidio al flessore destro), con Karsdorp e Spinazzola finiti a fare i centrali nella difesa a 3, con Mancini unico "superstite". Se con il Benevento l'emergenza difensiva può essere, in qualche modo, arginata da Fazio e Jesus (Kumbulla e Smalling al momento ancora infortunati), proprio il Comandante e il brasiliano saranno indisponibili nel match di ritorno con il Braga perché fuori dalla lista UEFA. In attesa di buone nuove su eventuali recuperi, Fonseca dovrà inventarsi qualcosa.

SFASCIATO È appurato ormai che Dzeko non sia più il capitano della Roma dopo la "querelle" con Fonseca. Nessuna sorpresa, dunque, nel vedere la fascia su Cristante a inizio gara, con Pellegrini relegato in panchina. Al momento dell'uscita per infortunio del numero 4, tuttavia, tale fascia è andata sul braccio di Mancini, segno che il bosniaco ha perso anche il grado di vice. Occorre precisare, però, che capitano e vice vengono stabiliti prima di scendere in campo, dunque già prima del fischio d'inizio Mancini era stato designato come vice e, come impone il regolamento, Cristante non avrebbe comunque potuto cedere la fascia a Dzeko. Resta il fatto, però, che il Cigno di Sarajevo sia passato da "capitano" a "giocatore normale".