L'As Roma presenta la Relazione Finanziaria: lunga lettera del Presidente

07.10.2011 14:59 di Greta Faccani   vedi letture
Fonte: asroma.it
L'As Roma presenta la Relazione Finanziaria: lunga lettera del Presidente
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Dopo aver presentato ieri sera la Relazione in materia di assetto proprietario (leggi QUI la news), oggi la Roma pubblica la Relazione Finanziaria che si apre con una lunga lettera del Presidente. 

Signori Azionisti,
nell’esercizio sociale appena concluso, le attività e le azioni della Società sono proseguite al fine di consolidare il progetto di valorizzazione e di crescita tecnico-sportiva, seppur in una fase particolare di transizione conseguente alle modifiche degli assetti proprietari, che hanno determinato, dopo oltre diciotto anni, il passaggio delle proprietà dalla Famiglia Sensi al gruppo di imprenditori americani rappresentati da Thomas Richard Di Benedetto, unitamente a Unicredit S.p.A..

L’esercizio sociale deve essere analizzato tenuto anche conto dello scenario competitivo di riferimento, caratterizzatosi dal perdurare dalla crisi che ha colpito a livello mondiale i principali mercati finanziari, industriali e commerciali, i cui effetti hanno prodotto ulteriori ripercussioni negative sull’industria calcistica italiana e sui principali mercati in cui è presente la Società.
I principali indicatori economici e finanziari dell’esercizio risultano influenzati dai risultati della gestione operativa del parco calciatori, dalla partecipazione alle competizioni europee, più o meno remunerative, a fronte di costi operativi pressoché stabili; inoltre, rispetto all’esercizio precedente i Ricavi ed i Costi operativi risentono delle innovazioni introdotte dal D. L. n° 9/2008, in materia di titolarità e modalità di commercializzazione dei diritti audiovisivi delle gare di Campionato, licenziati dalla stagione in esame, in forma collettiva dalla LNP, che hanno determinato, peraltro, il venir meno del meccanismo di mutualità all’interno della LNP.

La campagna abbonamenti della stagione sportiva 2010/2011, si è chiusa con la sottoscrizione di n.19.052 abbonamenti, in flessione del 23%, rispetto all’esercizio precedente (n.24.861 abbonamenti), che hanno generato incassi per 7,4 milioni di euro (8,7 milioni di euro, nell’esercizio precedente), e ricavi per 6,4 milioni di euro (7,5 milioni di euro, nell’esercizio precedente), negativamente influenzata dall’impatto avuto sulla tifoseria dall’introduzione della “tessera del tifoso”.
Nell’esercizio, la gestione operativa del parco calciatori, ha generato proventi netti per 4,5 milioni di euro (19,0 milioni di euro al 30 giugno 2010), mentre la Gestione finanziaria netta, derivante dalla definizione e/o risoluzione dei Diritti di partecipazione ex art.102-bis NOIF, risulta negativa per 3,2 milioni di euro (positiva per 3,1 milioni di euro, al 30 giugno 2010), determinata da proventi, per 1,1 milioni di euro (3,1 milioni di euro, al 30 giugno 2010) e corrispondenti oneri, per 4,3 milioni di euro.

L’illiquidità del mercato dei diritti alle prestazioni sportive dei calciatori, conseguente alla crisi economica, non ha permesso nell’esercizio di massimizzare nell’esercizio, i risultati della gestione operativa del parco calciatori, al contrario di quanto avvenuto nelle precedenti stagioni, durante le quali tali risultati avevano positivamente contribuito sia dal punto di vista economico, con la realizzazioni di plusvalenze, che finanziario, con la generazione di flussi di cassa positivi. Ciò ha peraltro comportato la mancata razionalizzazione della composizione della rosa della prima squadra, con conseguente effetti sui Costi d’esercizio.
Nell’esercizio, gli investimenti in diritti effettuati da A.S. Roma sono stati pari a complessivi 24,1 milioni di euro (4,7 milioni di euro, al 30 giugno 2010), a fronte di dismissioni nette, per 6,5 milioni di euro (5,2 milioni di euro, al 30 giugno 2010) e di ammortamenti, per 21,2 milioni di euro (23,5 milioni di euro, al 30 giugno 2010).

Tra le più significative operazioni, effettuate nella campagna trasferimenti, si ricordano: (i) l’acquisizione dei diritti alle prestazioni sportive dei calciatori Simplicio Fabio Henrique, Burdisso Nicolas, Lobont Bogdan e Borriello Marco; (ii) la definizione, in favore di A.S. Roma, dei rapporti di partecipazione relativi ai diritti alle prestazioni sportive dei calciatori Barusso, Erba, Rosi, Curci e Guberti, in favore dell’Udinese Calcio relativo ai diritti alle prestazioni sportive del 9 calciatore Motta; (iii) la cessione a titolo definitivo dei diritti alle prestazioni sportive dei calciatori Andreolli Marco, all’AC Chievo e Cerci, all’ACF Fiorentina; e (iv) il prolungamento dei contratti per le prestazioni sportive dei calciatori Bertagnoli, Cassetti, Brighi e Perrotta.

Dal punto di vista aziendale, nell’esercizio si è ulteriormente consolidato il rapporto di partnership in essere con Wind Telecomunicazioni S.p.A. quale “Main Sponsor” di A.S. Roma; infatti, lo scorso 9 giugno 2010, è stato raggiunto l’accordo per prolungare il rapporto di sponsorizzazione ufficiale fino al 30 giugno 2013, in base al quale è previsto il riconoscimento in favore di A.S. Roma di un corrispettivo fisso di 5,0 milioni di euro, oltre IVA, per la stagione sportiva 2010/2011, di 5,5 milioni di euro, oltre IVA, per la stagione sportiva 2011/2012, e di 6,0 milioni di euro, per la stagione sportiva 2012/2013, incrementabili di 1,0 milione di euro, oltre IVA, per ciascuna stagione sportiva in cui la squadra partecipi all’UEFA Champions League, nonché di un corrispettivo variabile, determinato in funzione del raggiungimento di predeterminati risultati sportivi nelle competizioni nazionali e internazionali. In virtù di tale accordo, nella stagione sportiva 2010/2011 sulle maglie da gioco del Campionato e dell’UEFA Champions League è apposto il Marchio Wind, mentre in Coppa Italia il Marchio Infostrada.

E’ proseguito positivamente anche il rapporto in essere con Basic Italia S.p.A. (Marchio Kappa), per la sponsorizzazione tecnica dell’A.S. Roma e la licenza per la produzione e commercializzazione di alcuni prodotti di merchandising a marchio A.S. Roma; lo scorso 11 giugno 2010, infatti, è stato prolungato il rapporto di partnership, con effetti fino al 30 giugno 2017. Il contratto prevede, a fronte dei diritti concessi, il riconoscimento da parte di Basic Italia di un corrispettivo, comprensivo delle forniture tecniche, di 5,1 milioni di euro, oltre IVA, per la stagione sportiva 2010/2011, di 6,1 milioni di euro, oltre IVA, per la stagione sportiva 2011/2012, di 6,6 milioni di euro, oltre IVA, per la stagione sportiva 2012/2013, di 7,1 milioni di euro, oltre IVA, per le stagioni sportive 2013/2014 e 2014/2015, di 7,6 milioni di euro, oltre IVA, per la stagione sportiva 2015/2016, e di 8,1 milioni di euro, oltre IVA, per la stagione sportiva 2016/2017, garantiti da apposita fideiussione bancaria annuale a prima richiesta rilasciate in favore di A.S. Roma, oltre a royalties sul fatturato realizzato con prodotti a marchio A.S. Roma da Basic Italia.
Con riferimento ai proventi da diritti audiovisivi, si ricorda che seguito delle disposizioni di cui al D. L. n. 9/2008, è stata modificata la titolarità di tali diritti relativi alle gare di Campionato, che a decorrere dalla stagione sportiva 2010-2011, sono licenziati in forma centralizzata dalla Lega di Serie A; per effetto di tali disposizioni è altresì venuto meno il c.d. “meccanismo di mutualità” tra le società di Serie A che prevedeva, fino alla stagione sportiva 2009/2010, il riconoscimento alle squadre ospitate di una quota, pari al 20% di tali proventi, e al 18% dei ricavi da gare.

Si ricorda inoltre, che nell’esercizio 2007/2008, A.S. Roma ha sottoscritto con RAI – Radiotelevisione Italiana S.p.A. accordi aventi ad oggetto la transazione relativa al riconoscimento alla stessa della titolarità dei diritti di utilizzo e di sfruttamento delle immagini delle partite casalinghe di A.S. Roma, disputate dalla prima squadra sino alla data dell’accordo, ed a tutto quanto direttamente inerente ad esse, nonché l’acquisizione da parte di A.S. Roma di tutti i diritti esclusivi di sfruttamento commerciale e di utilizzazione economica relativi alle immagini delle partite casalinghe di A.S. Roma e a tutto quanto direttamente attinente, presenti nell’ambito degli archivi RAI, e relativi eventuali aggiornamenti ed integrazioni. Inoltre, è stata concessa in favore di RAI la licenza non esclusiva per l’utilizzazione e lo sfruttamento della c.d. Library A.S. Roma, ed ad altri diritti minori.

Sempre nell’ambito della commercializzazione della Library AS Roma, in data 3 agosto 2010 è stato sottoscritto un contratto con Infront Italy Srl, di durata biennale, avente ad oggetto la commercializzazione e la fornitura di un servizio di digitalizzazione dell’archivio immagini A.S. Roma, a fronte del riconoscimento di proventi per un importo minimo medio garantito di 1,5 milioni di euro annui, a fronte di un contributo annuo forfetario per i costi, per 0,2 milioni di euro annui.

I principali indicatori economici e finanziari risultano influenzati dagli eventi gestionali sopradescritti, e in particolare, dalla partecipazione della prima squadra all’UEFA Champions League e dalla quale sono derivati ricavi e proventi, per 32,3 milioni di euro (4,2 milioni di euro, 30 giugno 2010, per la partecipazione all’UEFA Europa League), e dai risultati della gestione operativa del parco calciatori.

I Ricavi dell’esercizio, al netto dei risultati della gestione del parco calciatori, risultano pari a 124,3 milioni di euro (118,0 milioni di euro, al 30 giugno 2010), in aumento del 5% rispetto all’esercizio precedente; la Gestione operativa del parco calciatori è positiva per 4,5 milioni di euro (19,0 milioni di euro, al 30 giugno 2010); i Costi operativi sono pari a 136,1 milioni di euro (142,7 milioni di euro, al 30 giugno 2010), in flessione del 5% nell’esercizio; conseguentemente, il Margine operativo lordo (Ebitda) è negativo per 7,3 milioni di euro (e per 5,7 milioni di euro, al 30 giugno 2010). il Risultato ante imposte è negativo per 27,0 milioni di euro (e per 18,8 milioni di euro, al 30 giugno 2010), tenuto conto di: (i) Accantonamenti prudenziali a fondi rischi, per 1,6 milioni di euro (0,2 milioni di euro, al 30 giugno 2010); (ii) Ammortamenti e svalutazioni, per 22,3 milioni di euro (24,0 milioni di euro, al 30 giugno 2010) e (iii) Proventi finanziari netti, per 4,2 milioni di euro (11,2 milioni di euro, al 30 giugno 2010). Le imposte, pari a 3,6 milioni di euro (3,1 milioni di euro, al 30 giugno 2010) determinano un Risultato netto dell’esercizio, negativo per 30,6 milioni di euro (21,9 milioni di euro, al 30 giugno 2010).

Il Patrimonio netto al 30 giugno 2010, pari a 74,6 milioni di euro (105,1 milioni di euro, al 30 giugno 2010), registra un decremento di 30,6 milioni di euro, per il risultato economico conseguito.

La Posizione finanziaria netta di fine esercizio è a debito per 55,0 milioni di euro (e per 10,0 milioni di euro, al 30 giugno 2010), in peggioramento di 45,0 milioni di euro, rispetto all’esercizio precedente, sostanzialmente per i fabbisogni derivanti dalla gestione corrente e dagli investimenti; tale esposizione è composta principalmente da debiti verso Unicredit Factoring, per anticipazioni erogate nell’esercizio, a valere su crediti da licenza dei diritti audiovisivi e da sponsorizzazione tecnica.

Il Bilancio consolidato dell’esercizio al 30 giugno 2011, predisposto in applicazione ai Principi IAS/IFRS, con l’inclusione delle risultanze della partecipata Soccer società in accomandita semplice di Brand Management, alla quale, come noto, A.S. Roma ha conferito nel corso dell’esercizio 2006-2007, il ramo d’azienda dedicato alle attività di marketing, sponsorizzazioni, merchandising ed editoriali, chiude registrando Ricavi consolidati, al netto dei proventi della gestione del parco calciatori, per 143,9 milioni di euro (137,0 milioni di euro, al 30 giugno 2010), un Margine operativo lordo consolidato (Ebitda) positivo per 2,7 milioni di euro (4,0 milioni di euro, al 30 giugno 2010), una Perdita consolidata ante imposte per 26,7 milioni di euro (e per 18,6 milioni di euro, al 30 giugno 2010), ed un Risultato netto consolidato negativo per 30,5 milioni di euro (21,8 milioni di euro, al 30 giugno 2010), prima dell’attribuzione alle minoranze della quota di loro competenza.

Il Patrimonio netto consolidato al 30 giugno 2011, comprensivo della quota di spettanza delle minoranze, è negativo per 44,0 milioni di euro (e per 13,2 milioni di euro, al 30 giugno 2010), in peggioramento di 30,8 milioni di euro, per il risultato economico conseguito nell’esercizio e per la intervenuta distribuzione di utili della partecipata alle minoranze.

La Posizione finanziaria netta consolidata è negativa per 53,8 milioni di euro (e per 8,5 milioni di euro, al 30 giugno 2010), in peggioramento rispetto all’esercizio precedente, sostanzialmente per le dinamiche registrate dai flussi di cassa della gestione corrente di A.S. Roma.

Per leggere la relazione integrale clicca QUI.