Scacco Matto - Sassuolo-Roma 0-1, tra ripassi e ultime chiamate

21.05.2018 21:02 di Gabriele Chiocchio Twitter:   articolo letto 8539 volte
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Scacco Matto - Sassuolo-Roma 0-1, tra ripassi e ultime chiamate

Finisce la stagione romanista con una vittoria: l’autogol di Pegolo regala alla Roma gli ultimi 3 punti e il terzo posto definitivo in classifica.

LE SCELTE - Al di là delle assenze per motivi fisici, Di Francesco mette in campo quasi la migliore formazione possibile. In porta esordisce in campionato Lukasz Skorupski, che davanti ha la linea difensiva titolare composta da Alessandro Florenzi, Konstantinos Manōlas, Federico Fazio e Aleksandar Kolarov. In mediana riposa Daniele De Rossi, sostituito da Maxime Gonalons con Lorenzo Pellegrini e Kevin Strootman; davanti Patrik Schick e Diego Perotti agiscono ai lati di Edin Džeko. Iachini sceglie il 3-5-2, con Domenico Berardi e Matteo Politano di punta.

 

 

RIPETIZIONI - I ritmo bassi sono frutto di una partita che interessa veramente a pochi, in cui abbondano anche gli errori tecnici, specie in uscita e in posizionamento, con un paio di occasioni lasciate a Politano e salvate da Skorupski. Chi può approfittare per fare un po’ di lavoro extra è Patrik Schick, molto richiamato da Di Francesco che lo spinge a pressare maggiormente e a mantenere una posizione più centrale: un po’ quello che accadeva un girone fa, quando il ceco - evidentemente spaesato - fu sostituito pochi minuti dopo l’intervallo, e che invece oggi almeno sembra sul pezzo, per quanto un appuntamento del genere possa permetterlo.

L’ULTIMA CHANCE - Un altro dei singoli più presenti è Diego Perotti, all’ultima chance per ottenere un pass per i mondiali: nella seconda parte del primo tempo il monito emerge facendosi dare praticamente tutti i palloni, giocando uno contro uno e favorendo le sovrapposizioni di Kolarov. Quello che non ha potuto fare a causa dei problemi fisici delle ultime settimane: uno sforzo concentrato nell’ultima gara utile per provare a coronare un sogno, motivazioni ben diverse da quelle dei compagni che si riflettono con evidenza in campo.

SI CHIUDE A TRE - In un secondo tempo che la Roma comincia in vantaggio grazie all’autogol di Peluso sul finire di prima frazione, l’unico spunto di interesse è l’ingresso di Elio Capradossi per Alessandro Florenzi, dopo quello di Stephan El Shaarawy per Schick: Bruno Peres resta in panchina, se per motivi di mercato, per far giocare minuti al giovane difensore, o per ipotizzare un reparto a tre nel futuro lo sapremo nelle prossime settimane.