Roma-Napoli 0-2 - Scacco Matto - Giallorossi impauriti e bassi

22.03.2021 21:09 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
Roma-Napoli 0-2 - Scacco Matto - Giallorossi impauriti e bassi
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Altra brutta sconfitta per la Roma, che perde 2-0 contro il Napoli a causa della doppietta di Mertens.

LE SCELTE - Paulo Fonseca propone il consueto 3-4-2-1 con Mancini, Cristante e Ibanez sulla linea difensiva. A centrocampo, Villar rimane in panchina e il tecnico portoghese sceglie la coppia Pellegrini-Diawara, con Karsdorp e Spinazzola sulle fasce. In avanti, fiducia al duo Pedro-El Shaarawy dietro all'unica punta, Edin Dzeko.
Gattuso schiera i suoi con il 4-2-3-1 con Hysaj, Maksimovic, Koulibaly e Mario Rui sulla linea difensiva. La coppia di centrocampo è composta da Fabian e Demme, come da pronostico. Politano, Zielinski e Insigne agiscono dietro a Mertens.

CERCASI ROMA - I giallorossi rinunciano a esercitare pressione e rimangono chiusi nella propria metà campo, anche perché il Napoli schiera Ospina, Maksimovic e Koulibaly nella fase di costruzione, tutti capaci di trattare bene il pallone. Inoltre, si abbassa sempre uno tra Demme e Fabian e la Roma decide di aspettare gli azzurri. Il problema è che la pressione dovrebbe scattare almeno nella propria metà campo, invece i capitolini sono totalmente rinunciatari e appaiono poco convinti e determinati.

CREDERCI O NO - La Roma dà l'impressione di non credere in se stessa. Partendo con l'atteggiamento di chi sa che tanto uscirà sconfitta, la squadra giallorossa non contrasta e non riparte con convinzione. Fatica a reagire e commette errori banalissimi in fase di costruzione, sbagliando passaggi a volte elementari.

FASE OFFENSIVA - I giallorossi faticano a tenere il pallone. Pellegrini gira a vuoto (la sua posizione ideale è sulla trequarti) mentre Diawara inizia benino nei primi minuti ma anche perde subito le distanze. Pedro perde molti palloni nella prima parte di gara mentre El Shaarawy ne tocca pochissimi. I giallorossi spesso sono costretti ad affidarsi ai lanci per Dzeko, che fa quel che può e lotta da solo per cercare di strappare qualche pallone. 

RIPRESA - Nel secondo tempo, la Roma alza il baricentro e va finalmente in pressione sugli avversari. Il palo di Pellegrini nasce proprio da una palla recuperata nella metà campo partenopea, con il Napoli che stava rifiatando dopo l'ottimo primo tempo e i giallorossi ne hanno approfittato per spingere, senza però riuscire a concretizzare. Da sottolineare anche l'assenza di due calciatori che segnano tanto nella Roma:Mkhitaryan e Veretout, i primi due cannonieri della squadra giallorossa, ma i capitolini sono stati evanescenti a paurosi. Tutto il contrario di ciò che serve per andare in Champions.