Roma-Monza 3-0 - Scacco Matto - Le folate offensive e la costruzione a quattro

31.08.2022 23:55 di Alessandro Carducci Twitter:    vedi letture
Roma-Monza 3-0 - Scacco Matto - Le folate offensive e la costruzione a quattro
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

La Roma batte 3-0 il Monza grazie alla doppietta di Dybala e alla rete di Ibanez

LE SCELTE - José Mourinho tiene fuori Smalling e propone una difesa formata da Mancini, Kumbulla e Ibanez. A centrocampo, fuori Karsdorp e Spinazzola in favore di Celik e Zalewski, con Cristante e Matic in mezzo. Dybala e Pellegrini agiscono dietro ad Abraham. 
Il Monza risponde con il 3-5-2 con  Pessina, Sensi, Machin a comporre il cuore del centrocampo lombardo mentre Birindelli e Carlos giocato ai lati. Caprari viene schierato a supporto di Petagna.

IL GOL CHE SBLOCCA LA GARA - Inizialmente, il Monza sembra avere maggiormente il controllo del campo con la Roma che fatica a costruire trame fluide di gioco. La squadra di Mourinho sembra schiacciarsi troppo e la coppia Cristante-Matic non sempre è ben sincronizzata, come quando al 10' Cristante esce per andare in pressione senza che Matic gli dia copertura alle spalle. La palla arriva a Caprari e nessun centrale esce di lui, con il Monza che crea l'occasione più pericolosa. Ci pensa la Joya, al 17', a sbloccare mentalmente i suoi compagni, con il classico movimento incontro di Abraham mentre l'argentino si butta in profondità.

COSTRUZIONE A 4 - Curiosa la fase di costruzione della Roma dal basso. Quando è Rui Patricio ad avviare l'azione, i capitolini schierano una sorta di 4-2-3-1 con Mancini, Kumbulla, Ibanez e Zalewski a formare il reparto arretrato. Cristante e Matic rimangono in mezzo al campo mentre Celik sale sulla linea di Dybala, che si posiziona al centro, e di Pellegrini, che si allarga sulla sinistra.

RIPRESA IN DISCESA - Il Monza non dà segnali di ripresa, con la Roma che rimane accorta, non si scopre e lascia il possesso palla (sterile) agli avversari, per poi ripartire con folate improvvise e letali, con lanci lunghi da dietro per gli inserimenti dei giocatori giallorossi.
Dopo il terzo gol, i capitolini si limitano a gestire le forze senza rischiare nulla e portando a casa tre punti molto importanti.