L'avversario - Compattezza e solidità le armi dell'Udinese. Come scardinare la difesa friulana

14.02.2021 08:55 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
L'avversario - Compattezza e solidità le armi dell'Udinese. Come scardinare la difesa friulana
Vocegiallorossa.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Sarà l’Udinese di Luca Gotti ad affrontare la Roma oggi alle 12:30.

PUNTI DI FORZA – I friulani prendono pochi gol (appena 28) subendo pochi tiri e concedendo pochissimo agli avversari. Merito di un atteggiamento volutamente remissivo, cauto. I bianconeri si rinchiudono nella propria metà campo, senza provare a pressare gli avversari e puntando a chiudere gli spazi con un 5-3-2 (modulo in fase di non possesso). A volte, può diventare addirittura un 5-4-1 sempre in fase di non possesso, con il solo Llorente in avanti.
La squadra di Gotti cerca di ripartire rapidamente in contropiede, grazie alla qualità di de Paul e alla velocità di Deulofeu o portando subito la palla in avanti sfruttando i centimetri di Llorente.
L’Udinese gioca molto anche sulle fasce, risultando tra le squadre a effettuare più cross con Stryger Larsen e Zeegelaar che spingono molto e hanno forza fisica.
Oltre alla new entry Llorente e a un Deulofeu che sembra essere rinato, è ovviamente de Paul il giocatore da tenere maggiormente d’occhio e il più pericoloso.

PUNTI DEBOLI – Se da una parte l’Udinese subisce poco, dall’altra crea poco ed è tra le squadre ad aver segnato meno reti in campionato. I friulani puntano sull’arrivo di Llorente e sulla rinascita di Deulofeu per rimpinguare il numero di gol. La squadra di Gotti mostra delle difficoltà quando viene pressata e potrebbe essere questa la chiave della partita. Per scardinare il 5-3-2 dell’Udinese in fase difensiva, la Roma dovrà inoltre far girare rapidamente la palla e provare a sovraccaricare una fascia (di solito Fonseca predilige la sinistra), provando magari ad attaccare con Spinazzola, Mkhitaryan che si allarga sulla sinistra e provare sfruttare gli inserimenti senza palla di Veretout. Così facendo, i giallorossi potrebbero sfondare dalla fascia o costringere l’Udinese a disunirsi per coprire il proprio lato, scoprendo altre zone del campo ed esponendo il lato debole. Servirà un giro palla sicuramente più rapido di quello visto contro la Juve e con più qualità negli ultimi metri.

La probabile formazione dell'Udinese
Udinese (3-5-2): Musso; Bonifazi, Nuytinck, Samir; Stryger-Larsen, de Paul, Arslan, Walace, Zeegelaar; Llorente, Deulofeu.