Cristante: "È stato bellissimo giocare con i tifosi allo stadio, ancor meglio riaverli nel mio Olimpico"

24.06.2021 10:45 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Cristante: "È stato bellissimo giocare con i tifosi allo stadio, ancor meglio riaverli nel mio Olimpico"
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Dal ritiro con la Nazionale, che sabato sera sarà impegnata contro l'Austria negli ottavi di finale di Euro 2020, il centrocampista della Roma Bryan Cristante ha rilasciato un'intervista a Tuttosport. Eccone uno stralcio:

Il reparto che è uno dei segreti delle prestazioni dell’Italia è il centrocampo: quanto è forte?
"È davvero forte, ma non credo che la chiave sia solo il centrocampo. Tutti i 26 giocatori siamo un gruppo forte e il modo in cui giochiamo lo sta dimostrando. Penso di poter aiutare in ogni situazione. Quando mi dicono di giocare, cerco sempre di dare il massimo".

Che cosa hai provato nel ritrovare i tifosi sugli spalti?
"È stata la cosa più bella da vedere, dopo le nostre vittorie, ovviamente. È stata una bella emozione rivedere i tifosi sugli spalti. Bello per noi in campo e bello per l’atmosfera e per tutti. In più nel mio stadio: è sempre bello giocare in Nazionale ed è stato ancora meglio giocare a Roma. Non dimenticherai mai le partite che hai giocato in tornei così importanti. Ora Wembley: giocheremo le nostre parti in stadi storici, il che le rende più interessanti e ti fa venire voglia di giocarle".

Quanto è bello far parte di questo gruppo? 
"Molto bello. Penso che sia l’ingrediente chiave, perché nelle competizioni così difficili come questa, in cui trascorri così tanto tempo insieme al campo, quasi 24 ore al giorno penso che sia davvero importante che tutti vadano d’accordo, e questo è il caso nostro. Tutti e 26 siamo importanti in modi diversi, ovviamente, ma penso che ogni giocatore sia essenziale in una competizione come questa".

State per battere un record che dura da più di 80 anni: 31 partite senza sconfitte. Ti senti come se stessi facendo la storia con la Nazionale italiana? 
"È sempre un piacere battere un record, perché significa, che stai andando bene ma ciò che conta sono i trofei. Se i record possono portare ai trofei, sono i benvenuti".

Mancini non ha mai nascosto le sue ambizioni di arrivare fino in fondo. Quanto ci credi e quanto è possibile vincere questo torneo? 
"È possibile. Lo abbiamo dimostrato. Ci sono tante squadre forti, lo sappiamo. Non è affatto facile, ma giocheremo le carte che ci vengono date e vogliamo arrivare fino in fondo".