Roma-Milan - Le pagelle

22.12.2012 22:43 di Alessandro Carducci Twitter:    vedi letture
Roma-Milan - Le pagelle
Vocegiallorossa.it
© foto di ALBERTO LINGRIA/PHOTOVIEWS

Goicoechea 7.5: al 17’pt ipnotizza El Shaarawy, si allunga sulla sua destra e arpiona il pallone dai piedi del milanista, scatenando il boato dell’Olimpico. Nella ripresa si tuffa per respingere anche la conclusione di Robinho. A quel punto per i giocatori del Milan diventa quasi una questione personale: al 25’ El Shaarawy ci prova per due volte ma Goicoechea si oppone con tutto il corpo. I rossoneri non demordono e Bojan entra in area, angolando il destro ma l’uruguaiano arriva pure lì. In occasione del calcio di rigore fa quel che può mentre sul secondo gol aveva preso anche il colpo di testa di Pazzini.
Piris 7: dalle sue parti gioca il capocannoniere del campionato. El Shaarawy mette costantemente sotto pressione la difesa giallorossa, Piris in particolare, con il paraguaiano che gli concede il minimo sindacale. Nelle ultime gare è sembrato decisamente in crescita.
Burdisso 7: ha il merito di sbloccare la partita con un preciso colpo di testa. La sua esultanza è da libro cuore romanista, con l’argentino che corre verso i tifosi baciando la maglia e mettendo in mostra il simbolo della Roma.
Marquinhos 7: gioca la consueta gara perfetta. Nel finale, commette un ingenuo e istintivo fallo di mano che Rocchi (solo lui) riesce a catalogare come chiara occasione da gol. L’espulsione gli farà saltare la prima gara del 2013, contro il Napoli.
Balzaretti 7: concede poco e offre una buona spinta sulla sinistra, culminata con l’assist per il quarto gol di Lamela.
Pjanic 6.5: serve un paio di assist nei primi dieci minuti, inserendosi perfettamente nel gioco zemaniano anche da interno destro di centrocampo.
De Rossi 7: è l’osservato speciale del giorno. Inizia molto bene, dribblando mezza difesa avversaria e tentando la conclusione a rete. A metà primo tempo avrebbe la possibilità di tentare il tiro dal limite ma, altruisticamente, preferisce servire in profondità Lamela che sigla il provvisorio 3-0.
Bradley 6.5: il solito motorino di centrocampo. A volte un po’ impreciso ma, è giusto ripeterlo, da quando è entrato stabilmente tra i titolari la Roma ha iniziato a volare.
Lamela 7.5: il talento argentino inizia in sordina. De Rossi a metà primo tempo potrebbe tentare il tiro ma altruisticamente vede il movimento di profondità di Lamela, lo serve e l’argentino fredda Amelia. Nella ripresa Balzaretti mette un pallone preciso in mezzo dove quattro giallorossi saltano per ricevere la palla e Lamela è il più lesto di tutti e incorna alle spalle di Amelia. Dal 22’st Florenzi sv.
Osvaldo 7.5: prende fin da subito le misure quando, su assist di Pjanic, prende la mira e costringe Amelia agli straordinari. Poi Totti scodella in mezzo un pallone perfetto che l'italoargentino insacca di testa. Dal 22’st Destro sv.
Totti 7.5: all’anagrafe ha 36 anni ma in realtà ne dimostra una quindicina di meno. Corre ovunque, lo si vede spessissimo arretrare e fare quasi il terzino. Serve un assist preciso per il secondo gol della Roma, targato Osvaldo. Pressa i giocatori del Milan per tutta la gara. È uno e trino. Dal 34’st Romagnoli sv.