Roma-Genoa 2-0 - Le pagelle

20.12.2015 17:07 di Alessandro Carducci Twitter:    vedi letture
Roma-Genoa 2-0 - Le pagelle
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Szczesny 6.5: sempre attento, sempre preciso, deve fare poco ma lo fa molto bene.

Florenzi 6.5: inizia malissimo e dalla sua parte il Genoa attacca con forza. Ha una voglia matta di spaccare il mondo e quando sbatte con violenza il pallone in rete esplode in un urlo liberatorio.

Manolas 6: tanti gli errori in fase di impostazione, errori anche banali. Difensivamente sbaglia poco, come al solito

Rüdiger 6.5: migliora di partita in partita e oggi non sbaglia praticamente nulla.

Digne 6: nel primo tempo prova a spingere con una certa costanza, per poi preoccuparsi più della fase defensiva, nella ripresa.

Pjanic 5: continua il suo momento non brillante e anche oggi non riesce a dare qualità alla manovra. Salterà la prima gara del 2016 per squalifica. Dal 20' st Falque 6: si mette a centrocampo, nella posizione di interno sinistro, mantenendo la posizione con ordine.

De Rossi 6: è lui il leader della difesa. Dirige i suoi compagni e legge tutte le situazioni di gioco con intelligenza.

Nainggolan 6: solito contributo di muscoli e sostanza. Nel primo tempo rischia qualcosina con un fallo di mano, dopo essere stato ammonito. Salterà la gara contro il Chievo per squalifica. Dal 43'st Vainqueur sv.

Salah 6: quando meno te lo aspetti, con un guizzo crea improvvisamente un pericolo per gli avversari. Lui e Gervinho sono fondamentali per questa squadra. Dal 37'st Sadiq 6.5: entra e segna. Top.

Dzeko 4: dura poco meno di 75 minuti la sua partita poiché, dopo aver protestato con l'arbitro per un trattenuta in area, si lascia scappare una parola di troppo e viene cacciato. Precedentemente, aveva scuipato una ghiotta occasione a porta praticamente sguarnita.

Gervinho 6: rientra dopo i famigerati problemi muscolari e non può essere al 100%. Positivi alcuni strappi in avanti ma, ovviamente, non può essere il miglior Gervinho.

Garcia 6: seppur con una manovra ancora lentissima, la Roma torna a vincere ed è l'unica cosa che conta. Contro una squadra in crisi nera, i giallorossi stentano a creare gioco ma era importante anche vedere la reazione dei giocatori dopo tutte le indiscrezioni sul futuro del tecnico francese. In campo, i suoi ragazzi danno tutto, pur in maniera a volte scoordinata.