Hellas Verona-Roma 1-3 - Le pagelle del match

02.12.2019 16:15 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Hellas Verona-Roma 1-3 - Le pagelle del match

Pau Lopez 6,5: nel primo tempo si fa sempre trovare pronto. Poco impegnato nella ripresa.

Santon 6: deve presidiare la mattonella più delicata, quella da cui il Verona crea più occasioni, avendo poco supporto da Ünder. Ogni tanto si perde Lazovic ma limita i danni al meglio.

Mancini 6: sul gol dell’Hellas Verona non segue Zaccagni, il cui cross porta al gol di Faraoni. In precedenza si era perso Lazovic ma, con il passare dei minuti, cresce e non sbaglia praticamente più nulla.

Smalling 6,5: pulito, preciso, ordinato. Senza fuochi di artificio, fa bene anche su un campo così pesante e scivoloso.

Kolarov 6: si perde un paio di volte l’uomo alle spalle sui cross dalla fascia opposta. Benino in fase offensiva.

Diawara 5,5: spesso in ritardo sull’uomo, si trova a inseguire senza riuscire a intercettare il passaggio o anticipare l’avversario.

Veretout 6: dà una mano in fase difensiva e fa girare con ordine il pallone.

Ünder 5,5: deve ancora ritrovare il ritmo partita. Fatica e sbaglia alcune scelte. Buono l’assist per Dzeko, che guadagna il rigore. Prima di uscire, potrebbe provare la conclusione di sinistro ma aspetta un attimo di troppo e sciupa tutto. Dal 22’Mkhitaryan 6,5: mette il timbro sulla partita con il gol che chiude la gara.

Pellegrini 7: inventa un assist dal nulla, tenta anche la conclusione sia in acrobazia che dalla distanza ma senza trovare il gol.

Kluivert 6,5: segna un gran gol e dà tutto per la causa, facendosi male proprio con un recupero ad alta velocità, finito non bene per l’olandese. Dal 35’pt Perotti 7: segna con freddezza un rigore importantissimo. Indietreggia spesso per prendere palla per uscire dal pressing avversario e, nel finale, sguscia nello stretto e serve un assist al bacio a Mkhitaryan.

Dzeko 6,5: lotta e fa a sportellate con chiunque. Arretra per respirare anche lui dal pressing ma trova anche il tempo di andare nello spazio e prendere un rigore preziosissimo. Dal 41’st Fazio SV

Fonseca 7: Roma che vince non si cambia. Continua a fare pochissimo turnover ma la squadra funziona e i giallorossi vincono su un campo pesante e segnando 3 gol a una squadra che, finora, aveva preso solo 11 gol.