Roma-Sassuolo 2-1 - La gara sui social: "Mourinho come Mazzone. Che bello fare i complimenti agli altri e vincere"

13.09.2021 22:45 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Roma-Sassuolo 2-1 - La gara sui social: "Mourinho come Mazzone. Che bello fare i complimenti agli altri e vincere"
Vocegiallorossa.it
© foto di Insidefoto/Image Sport

Terza vittoria consecutiva per la Roma di Mourinho, che supera il Sassuolo 2-1 in un match dalle mille emozioni, mille come le panchine dello Special One in carriera. La sblocca nel primo tempo Cristante su assist di Pellegrini, poi nella ripresa arriva il pareggio di Djuricic. Nella mezz'ora conclusiva accade di tutto, tra pali colpiti (Abraham e Traoré), occasioni da rete, salvataggi di Rui Patricio, ma nel recupero ecco la zampata di El Shaarawy con un splendido tiro a giro che prende il palo interno e s'insacca. Nell'azione seguente, Scamacca replica la prodezza del Faraone, ma la posizione di fuorigioco vanifica tutto: la Roma è in testa alla classifica a pari merito con Napoli e Milan. Al termine della partita, il popolo giallorosso, attraverso i più noti social network, ha commentato l’esito dell’incontro. Questa rubrica di Vocegiallorossa.it propone ai nostri lettori i pensieri a caldo dei tifosi capitolini.

I supporters romanisti possono finalmente tirare un enorme sospiro di sollievo dopo una gara che sarebbe potuta finire in qualsiasi modo ma, fortunatamente, il tutto si è concluso per il meglio.

Arijana pubblica un video direttamente dallo stadio, in festa dopo il 2-1 al Sassuolo

così come Giuseppe

Ariuss vuole rivedere in campo Spinazzola il prima possibile 

con Lorenzo che è già proiettato verso la prossima gara 

Fenomenologia Romana paragona la corsa di Mourinho a quella di Mazzone in un Brescia-Atalanta 3-3 

mentre Irene ammette 

e Simone che scrive 

Matteo twitta convinto 

con Ivano che dice 

e Acca501 che, in latino, sostiene 

Infine, Omar si mostra preoccupato 

con conclusione affidata ad Andrea 

e a Giorgio