L'arbitro - Secondo derby in carriera per Guida: pioggia di cartellini con le squadre capitoline

26.09.2021 07:00 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
L'arbitro - Secondo derby in carriera per Guida: pioggia di cartellini con le squadre capitoline
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Sarà Marco Guida l’arbitro del derby in programma domenica alle 18:00 allo Stadio Olimpico.

Il fischietto di Torre Annunziata ha già diretto questa sfida il 1° settembre 2019, quando terminò 1-1 con le reti di Kolarov su calcio di rigore e Luis Alberto.

Guida ha diretto la Roma per 24 volte in Serie A, per un bilancio di 11 vittorie, 6 pareggi e 7 sconfitte giallorosse. L’ultimo incrocio è dello scorso 11 aprile, quando ha diretto la sfida contro il Bologna terminata 1-0 per i giallorossi.

Sono 56 i cartellini gialli esibiti per una media di 2,33 a gara; 2 le espulsioni, entrambe contro calciatori della Roma (Cristante in Roma-Bologna 2-3 del 7 febbraio 2020 e Perotti in Roma-Udinese 0-2 del 2 luglio 2020).

Positivo per la Roma lo score dei calci di rigore: 5 concessi (tutti realizzati), 2 subiti (Roma-Juventus 1-2 del 12 gennaio 2020 e Roma-Milan 1-2 del 28 febbraio 2021).

Sono 19 i precedenti tra Guida e la Lazio in Serie A, che con lui ha un bilancio in perfetto equilibrio: 7 vittorie, 5 pareggi e 7 sconfitte. 46 i cartellini gialli per una media di 2,42 a gara; ben 7 quelli rossi esibiti a calciatori biancocelesti, contro 3 dei loro avversari. Un solo rigore a favore della Lazio, cinque quelli contro.

Il VAR sarà Massimiliano Irrati: con lui al video la Roma ha vinto quattro volte e ha perso in sette occasioni, ultima delle quali quella dello scorso maggio contro la Sampdoria. Nella sfida precedente, Roma-Milan del 28 febbraio, intervenne proprio per correggere una decisione di Guida che non aveva inizialmente assegnato un penalty per un fallo di Fazio su Calabria, ma non lo fece per dare alla Roma un chiaro rigore per un fallo di Theo Hernandez su Mkhitaryan e un altro tiro dal dischetto ai rossoneri per un contrasto irregolare di Karsdorp su Leao.