Pizarro: "All'inizio Totti e Spalletti erano come due fratelli, non so cosa sia accaduto. Sono rimasto legato ai giallorossi. Non si vince da tanto, si è schiavi del risultato a Roma"

14.01.2019 15:43 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    Vedi letture
Pizarro: "All'inizio Totti e Spalletti erano come due fratelli, non so cosa sia accaduto. Sono rimasto legato ai giallorossi. Non si vince da tanto, si è schiavi del risultato a Roma"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

David Pizarro, ex centrocampista della Roma dal 2006 al 2012, ha parlato ai microfoni di Sky Sport.

Il tuo addio è stato simile a quello di Totti?
"No, non c'è paragone con quello che hanno fatto i tifosi della Roma. Dal Cile ho vissuto tutto in maniera particolare. Per i tifosi della Roma è stato un colpo duro, che si porteranno dietro per molto tempo. Anche in Cile Totti è amatissimo".

Se fossi stato nella Roma anche due anni fa, ti saresti messo in mezza tra Totti e Spalletti?
"Come altezza avrei fatto fatica. Nella prima esperienza a Roma, Spalletti e Totti erano come due fratelli. Poi non so cosa sia successo ma sicuramente poteva essere gestito tutto molto meglio. Non ho capito cosa sia accaduto all'interno, avrei detto la mia sicuramente. Sono due personaggi importanti".

La piazza cui sei rimasto più legato?
"Nasce tutto a Udine, dove sono cresciuto come uomo e calciatore. Mi hanno dato il tempo di crescere. Poi sono rimasto legato alla Roma, sono stati momenti importantissimi e siamo andati vicini allo scudetto. Quella Roma esprimeva un bel calcio".

Che ne pensi di tutti i cambiamenti della Roma a centrocampo?
"La pazienza conta tantissimo perché sono arrivati giocatori giovani, importanti, che possono dare tantissimo. Ora si è schiavi del risultati perché non si vince da tempo a Roma".

L'affare l'ha fatto la Roma con Zaniolo o l'Inter con Nainggolan?
"Per il futuro ha guadagnato tanto la Roma. Spero che Zaniolo possa rispettare tutte le attese perché ora se ne sta parlando tanto".