Mancini: "Il gol di tacco alla Lazio mi ha cambiato la vita. Se ho giocato poco nell'Inter di Mourinho è solo colpa mia"

02.12.2021 15:44 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Mancini: "Il gol di tacco alla Lazio mi ha cambiato la vita. Se ho giocato poco nell'Inter di Mourinho è solo colpa mia"
Vocegiallorossa.it
© foto di Giacomo Morini

Amantino Mancini, doppio ex di Roma e Inter, ha parlato a Sky Sport. Queste uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Il tuo passato alla Roma?
“La mia Roma sapeva attaccare, difendere, tutti noi giocavamo a memoria, è stato un periodo molto divertente”.

Il gol di tacco nel derby?
“Il gol più bello che ho fatto nella mia carriera, la palla ormai era passata, poi se vedete bene anche Emerson ha fatto il mio stesso movimento. Ci vuole anche un po’ di fortuna, è un gol che mi ha cambiato la vita”.

Perché all’Inter non ti sei ripetuto?
“Difficile dirlo, dopo tanti anni alla Roma ho fatto sei mesi all’Inter con Mourinho. Magari non stavo bene con la testa, l’Inter aveva grandissimi calciatori. Non sempre è colpa dell’allenatore, se non ho giocato con Mourinho è stata colpa mia”.

Mourinho?
"Lo vedo più nervoso rispetto al passato, però vedo anche che gli arbitri lo trattano in maniera diversa rispetto agli altri allenatori".

In Roma-Inter ti aspetti dei gesti iconici da parte di Mourinho?
"Mi auguro che sia una bella partita, l'Inter arriva in un periodo molto periodo, però la Roma farà di tutto per vincere. La Roma tira molto in porta, però concretizza poco".

Spalletti?
"Il mister mi ha cambiato ruolo, mi ha fatto giocare più sulle linee. Per me è stato un cambiamento importante, in quella posizione ho fatto tanti gol. La rete al Lione è stata molto bella, ma il gol nel derby resta il migliore. GIocavamo a memoria in quella Roma, ognuno sapeva dove avrebbe trovato il proprio compagno".