Luka Jurovich, lo chef di Trigoria: "I calciatori non chiedono mai quello che non possono mangiare. Anche la cucina qui è all'avanguardia"

18.07.2018 12:16 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Luka Jurovich, lo chef di Trigoria: "I calciatori non chiedono mai quello che non possono mangiare. Anche la cucina qui è all'avanguardia"
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Lo chef di Trigoria, Luka Jurovich, è intervenuto ai microfoni di Roma TV: “Diciamo che ci affidiamo a quello che ci dice il nostro nutrizionista, si tende a variare il più possibile. Alimenti con pochi grassi, si inserisce pesce e carni bianche. Diciamo che siamo qui, il nostro nutrizionista chiede una cosa e noi la facciamo. Un lavoro di squadra? Sempre, ci consultiamo sempre. A volte voglio sperimentare, ma il nutrizionista magari mi dice di no e non lo faccio più. Una mia specialità? Le nostre specialità sono sempre adattate a quello che i giocatori possono mangiare. Loro chiedono sempre quello che possono mangiare, non vanno mai oltre. Quanto incide l’alimentazione nel rendimento? Credo moltissimo, l’alimentazione è come il carburante, incide molto. Ho la mia cucina, col mio personale, persone che sanno tutto dei calciatori, è un grosso vantaggio. Attrezzature in cucina? Siamo molto all’avanguardia, abbiamo una cucina speciale. Abbiamo dei forni multifunzione, macchinari all’avanguardia. Siamo in linea con gli altri reparti. Come si articola il lavoro? Iniziamo dalla colazione, che parte dalle 8, noi iniziamo dalle 7. Facciamo dolci, non compriamo nulla, facciamo tutto da noi. Poi c’è lo spuntino a metà mattina, poi c’è il pranzo. Abbiamo la giornata completamente dedicata a loro”.