Julio Sergio: "Mi piacerebbe vedere Totti nella Roma. De Rossi è stato umile e intelligente"

01.03.2024 19:10 di Emiliano Tomasini Twitter:    vedi letture
Julio Sergio: "Mi piacerebbe vedere Totti nella Roma. De Rossi è stato umile e intelligente"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

L'ex portiere della Roma Julio Sergio ha rilasciato un'intervista rilasciata a TvPlay. Queste le sue parole: "Non sono mai stato un fenomeno, quindi avere affetto e rispetto di un club così fa sempre piacere. Sui social si parla spesso e vedo sempre i ringraziamenti dei tifosi”. 

Come vedi De Rossi in panchina?
“Lui è stato umile e intelligente per fare le cose semplici. La squadra ha giocatori come Lukaku e Dybala per fare la differenza, quindi ha assegnato movimenti più semplici alla difesa e si è ritrovato uno Svilar in forma super. Me lo aspettavo perché già coordinava quando giocava. Ha dato una risposta molto positiva e ha iniziato in modo bellissimo”. 

E Totti?
“Non mi aspettavo un Totti lontano dalla Roma, ma da quando giocavo con la proprietà americana qualcosa già si sentiva. Francesco è una leggenda e non mi sembra normale che lui non sia coinvolto con la società. Sappiamo però che ha passato un momento particolare e poi ha preso una sua strada dopo aver lasciato la Roma. A me piacerebbe vedere lui dirigente, io al suo fianco e De Rossi allenatore!”

Di cosa ti occupi oggi?
"Io oggi ho un rapporto importante con la società, ho iniziato a fare l’allenatore nel 2014 e la Roma mi aveva invitato a fare l’ambasciatore nel Sudamerica. Ne abbiamo parlato e sviluppato le idee e oggi ho un accordo per fare cose in Sudamerica, di mercato, anche se non in esclusiva. Piano piano sto crescendo, a fine marzo tornerò in Italia per 15-20 giorni, ma mi piacerebbe tornare a vivere a Roma”. 

Mourinho sarebbe potuto diventare il nuovo CT del Brasile, cosa ne pensi? A che punto è il calcio brasiliano?
“A me non importa della nazionalità del CT del Brasile. Gli allenatori brasiliani sono bravi ma tanto diversi da quelli europei. Io ho chiesto di persona a Mourinho se avesse voluto, ma mi ha detto no, almeno in quel momento. Oggi non lo so. Con la nazionale però abbiamo perso quasi un anno a chiacchierare su Ancelotti a cui secondo me non hanno fatto neanche una telefonata, perché poi ha rinnovato col Real Madrid. L’organizzazione del calcio brasiliano è un problema, perché abbiamo ancora i migliori giocatori, ma non li sviluppiamo come dovremmo. Sto lavorando per portare un grande allenatore italiano nel campionato brasiliano, perché credo che ne gioverebbe a livello tattico tutto il sistema calcio brasiliano. Per Conte però non abbiamo abbastanza soldi… magari! Tempo fa provai col Vasco da Gama, ma ora sto provando con due proposte al Botafogo”.