Gervinho: "Voglio la Coppa d'Africa e lo Scudetto con la Roma"

22.09.2014 10:34 di Claudio Lollobrigida Twitter:    vedi letture
Fonte: Fifa.com
Gervinho: "Voglio la Coppa d'Africa e lo Scudetto con la Roma"
Vocegiallorossa.it
© foto di Image Sport

L'attaccante della Roma Gervinho ha rilasciato un'intervista al sito della FIFA. Ecco le sue parole.

Gervinho, a giudicare dalle tue ultime prestazioni, l'uscita precoce della Costa d'Avorio dalla Coppa del Mondo 2014 non sembra aver danneggiato la vostra fiducia.
"Beh, ci ho messo un po' ad accettare l'eliminazione. Eravamo determinati a qualificarci per gli ottavi di finale del torneo, ma purtroppo abbiamo subito  il rigore all'ultimo minuto dalla Grecia e perso 2-1, un risultato che ci ha impedito di andare avanti. Abbiamo cercato di metterci i nostri sentimenti di delusione alle spalle andando in vacanza con le nostre famiglie, ma non era facile. Le cose vanno meglio ora. Mi sono concentrato sul raggiungimento di nuovi obiettivi per il mio club e il mio Paese. C'è la campagna di qualificazione per la Coppa delle Nazioni, e la mia seconda stagione con la Roma, dove mi sento a mio agio e vorrei giocare nel prossimo futuro".

Hai fatto capire che allenatore della Roma Rudi Garcia, un uomo che si conosce bene, ha giocato un ruolo chiave nell'aiutarti. Quanto è importante  per il successo della Roma e il tuo?
"E' amato dai tifosi romanisti, così come da tutti dentro e intorno al club. E' stato in grado di trasmettere bene le sue idee e applicare il suo stile di gioco, che si basa sul tenere la palla il più possibile. Sono stati immediatamente acquistati giocatori che erano nei suoi piani, ed i risultati sono arrivati. Personalmente, l'ho conosciuto nel 2007, quando ero a Le Mans. Ho anche giocato con lui a Lille nel 2009, e poi siamo stati di nuovo insieme a Roma la scorsa stagione. Per riassumere, ci conosciamo molto bene. Capisco che cosa vuole, e viceversa".

La Roma è stata molto attivai nel mercato di questa estate, acquistando Urby Emanuelson, Juan Iturbe, Ashley Cole e Kostas Manolas. È lo scudetto l'obiettivo principale di questa stagione?
"Abbiamo sicuramente fatto qualche buon affare nel mercato. Ora c'è concorrenza per i posti praticamente in tutti i ruoli, che è una buona notizia, in quanto siamo coinvolti in numerose competizioni quest'anno. E, guardando indietro, era forse una mancanza di profondità della rosa che ci è costato il titolo la scorsa stagione. Ora, tutto è possibile".

Le squadre italiane non hanno brillato nelle competizioni europee negli ultimi anni. La qualità in Serie A è molto diversa dalla Premier League inglese, per esempio?
"Ogni campionato nazionale ha le proprie caratteristiche e i propri tempi. Dopo aver giocato in Ligue 1 e in Premier League, non sento di escere sceso di livello col campionato italiano. In realtà, Serie A resta una prospettiva molto attraente, infatti alcuni grandi nomi hanno deciso di venire a giocare qui durante l'estate. Anche se alcuni club hanno lottato in Europa, stiamo andando a lavorare sodo per proiettare un'altra immagine del calcio italiano".

Il sorteggio per la UEFA Champions League vedrà Roma contro Bayern Monaco, CSKA Mosca e Manchester City. Ti senti positivo al riguardo?
"Naturalmente abbiamo alcune grandi squadre nel nostro gruppo. Abbiamo le stesse chances delle altre tre. Anche se sono passati quattro anni dall'ultima volta in cui abbiamo preso parte alla Champions League, abbiamo giocatori della nostra squadra che hanno molta familiarità con essa. Avremo il vantaggio della loro esperienza. Siamo molto fiduciosi".

Dopo il ritiro di Didier Drogba, c'è lo stesso senso di ottimismo a livello nazionale?
"Didier era il nostro capitano, ha dato un grande contributo alla squadra nazionale e lascerà un vuoto incolmabile. Per quanto mi riguarda, io sono orgoglioso e felice di aver giocato con lui. Ma lui è andato adesso, e abbiamo bisogno di andare avanti. Abbiamo alcune sfide importanti in arrivo, tra cui la Coppa delle Nazioni qualificazioni e il torneo stesso nel mese di gennaio. Questo è quello su cui dobbiamo concentrarci".

Quando si riflette sulla campagna di Coppa del Mondo della Costa d'Avorio, cosa pensi sia andato storto?
"Ci aspettavamo di uscire dal nostro gruppo, e ci aspettavamo di battere la Grecia nella nostra ultima partita. Alla fine, non c'era molto da fare, un rigore nei secondi finali ci ha buttato giù. E' successo per piccoli errori. Eravamo tutti responsabili e ci è costato caro. Devo ammettere che ho preso la nostra uscita piuttosto male. La Coppa del Mondo è stato molto importante per me e per tutto il Paese. Ci ha lasciato con un sacco di rimpianti".

Pensi che la Costa d'Avorio ne risentirà?
"Nonostante il fallimento in Brasile, la qualità dei nostri giocatori non è in dubbio. Per me, la migliore squadra in Africa è ancora in Costa d'Avorio".

Qual è stata la tua reazione alla notizia che a Herve Renard erano stato consegnate le redini della squadra nazionale?
"E' la decisione della Costa d'Avorio FA, ma ogni nuovo arrivo è molto gradito. E' sempre molto gratificante conoscere un nuovo allenatore".

Dopo aver goduto di un particolare successo la stagione 2013/14, hai continuato a impressionare. Stai attualmente giocando il miglior calcio della tua vita?
"Ho avuto una buona stagione con la Roma, ci siamo qualificati per la Champions League, che era il nostro obiettivo principale. E ho dato tutto quello che avevo durante la Coppa del Mondo. In questo momento, sto solo cercando di mantenere quella forma".

E qual è il vostro obiettivo principale per questa stagione?
"In primo luogo, vincendo la Coppa delle Nazioni. E in secondo luogo, vincere il titolo di Serie A. Ecco in ordine cronologico, non in ordine di preferenza personale!".