Burdisso: "Non pensavamo di averla già vinta, se c'è un colpevole sono io"

16.09.2012 17:17 di Gabriele Chiocchio  Twitter:    vedi letture
Burdisso: "Non pensavamo di averla già vinta, se c'è un colpevole sono io"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Burdisso a Roma Channel

"Luce spenta nel secondo tempo? Abbiamo perso il possesso palla e smesso di fare quello che stavamo facendo, abbiamo avuto un black-out ma avevamo la gara in mano. Sono stati bravi loro a pareggiare, poi con quella giocata sfortunata di cui sono colpevole abbiamo dato tre punti a loro. I ragazzi hanno fatto un grande sforzo e fatto quello che voleva il mister. Se c'è un colpevole oggi per non aver fatto un punto, sono io. Cosa è successo nel secondo tempo? Niente, non abbiamo fatto quello che dovevamo fare, cioè verticalizzare. Non stavamo rischiando di prendere gol, in due minuti ci hanno fatto due gol, ma questo è il calcio italiano. Non puoi lasciare un secondo di attenzione, mi dispiace tantissimo. Non perdere per noi sarebbe stato importante. Piris? Ha sbagliato come abbiamo sbagliato tutti, lui ha avuto la sfortuna di pagare con i gol subiti. La gente deve sapere che ci sono tanti giovani e che tutti vogliamo far bene e lottare per vincere qualcosa. Per questo sto parlando io, c'è differenza tra vincere, pareggiare e perdere, sono stato protagonista di quell'ultima giocata, sarebbe stato diverso pareggiare o perdere. Bisogna guardare avanti, se si guarda indietro bisogna sapere cosa si è sbagliato. E' un po' di tutto, anche il Bologna ci ha messo del suo. Noi non siamo riusciti più a ripartire, ogni volta la palla tornava indietro. La sensazione non era quella di rischiare qualcosa o di una squadra addormentata, la squadra non stava soffrendo. Poi è arrivato quel cross e quella serie di rimpalli, dopo il pari siamo riusciti a cercare di vincerla e alla fine quella giocata cambia tutto il discorso, non so cos'altro dire. Così come sono delusi i tifosi, io sono il primo. Se pensavamo di averla già vinta? Abbiamo parlato, bisogna continuare a giocare. Nel primo tempo non avevamo finito bene, non pensavamo di avere in mano la partita. Volevamo fare come all'inizio del primo tempo, il calcio italiano è questo, due minuti cambiano le partite e bisogna abituarsi".