Bruno Peres: "Oggi abbiamo l'opportunità di cambiare tutto ciò che è successo domenica. Siamo arrabbiati per la sconfitta a Bergamo"

23.12.2020 20:28 di Danilo Budite Twitter:    vedi letture
Bruno Peres: "Oggi abbiamo l'opportunità di cambiare tutto ciò che è successo domenica. Siamo arrabbiati per la sconfitta a Bergamo"
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Prima del match contro il Cagliari ha parlato Bruno Peres.

Bruno Peres a Roma TV

Questa sera i tifosi si aspettano la reazione dopo la sconfitta contro l’Atalanta.
“Abbiamo parlato tra di noi, è stata una sconfitta dura per tutti quanti. Sappiamo che oggi abbiamo l’opportunità di cambiare tutto ciò che è successo domenica. Ci siamo preparati bene, speriamo di avere l’atteggiamento e la mentalità giusta per vincere questa partita che per noi è importantissima”.

Cosa è emerso dallo spogliatoio, è stato un calo fisico o mentale?
“Ciò che ho detto prima, eravamo tutti arrabbiati. Una soluzione non è emersa, però eravamo tutti incazzati perché il modo in cui abbiamo perso non può succedere. Abbiamo imparato tanto e sicuramente oggi saremo più svegli e attenti all’atteggiamento che dobbiamo avere dentro il campo, per non sbagliare quello che abbiamo sbagliato domenica”. 

La Roma non riesce a fare il salto di qualità battendo le grandi…
“Stiamo facendo una bella stagione, siamo concentrati su tutte le competizioni. Ogni punto guadagnato è importante. Ora si è fermata l’Europa League e possiamo concentrarci sul campionato. Ogni partita per noi è una finale e proviamo sempre a concentrarci per vincere”.

Sul Cagliari.
“Hanno dei bravi giocatori, dobbiamo stare attenti per non sbagliare. Sarà una partita difficile, l’abbiamo preparata bene. Mi aspetto di poter vincere e vincere bene”.

Bruno Peres a DAZN

Fonseca si è arrabbiato dopo Bergamo...
"Non solo Fonseca era arrabbiato, lo eravamo tutti. Non si sa cosa sia successo a Bergamo, abbiamo cercato di trovare una spiegazione ma non l’abbiamo trovata. L’unica risposta è vincere oggi".

Vorresti più continuità?
“Io sono felice, è stato un anno bello per me. Il mister decide chi gioca, io devo solo farmi trovare pronto quando serve. Non penso al futuro, penso solo alla prossima partita. Più avanti il futuro si deciderà”.