Baldini: "Il pareggio sarebbe stato congruo. Il gol del Chievo? Parere di un arbitro più autorevole del mio"

16.12.2012 17:40 di Simone Francioli   vedi letture
Baldini: "Il pareggio sarebbe stato congruo. Il gol del Chievo? Parere di un arbitro più autorevole del mio"
Vocegiallorossa.it
© foto di Marco Iorio/Image Sport

Franco Baldini a Rai Sport

“Il gol di Pellissier? Se non l’avete visto voi, figuratevi io con la nebbia che c’era. Meglio soffermarsi sulla partita, che è stata discreta. Un po’ più stanca nella ripresa, le squadre si sono allungate e non abbiamo creato tanto come siamo soliti. Il pareggio sarebbe stato congruo alla partita. Zeman pensa di aver avuto un’idea più chiara su quello che è successo e non vuole far polemica, ecco perché non parla quest’oggi. Milan? Abbiamo una squadra forte, una rosa coperta in tutti i ruoli. Li affronteremo con molta serenità. L’obiettivo rimane lo stesso, la squadra può competere per la Champions. Oggi le altre hanno fatto punti, me l’aspettavo che avremmo avuto delle battute d’arresto, ma non questa. Siamo una squadra giovane, era fisiologico. Siamo competitivi con tutti. De Rossi in panchina? Scelta tattica, compete al Mister. Proteste? Sono qui, mi sembra di non aver inoltrato nessuna protesta”.

Franco Baldini a Mediaset

"Perché non parla Zeman? Si è definito più sereno a non farlo. Non gli sono andate giù alcune cose e non voleva fare polemiche. Il gol del Chievo in dubbio fuorigioco? La Roma ha cercato di fare la partita. Forse il risultato più giusto era il pari. Oggi non siamo riusciti a fare la partita che dovevamo, ma siamo sicuri di poter stare ancora con le prime. Direi che il parere di un arbitro è più autorevole del mio. Se potevamo fare di più? Sì, la prestazione è stata discreta nel primo tempo ma non altrettanto nel secondo. Ci è mancata la giusta condizione psico-fisica e il campo non ci ha aiutato. Era difficile per una squadra che voleva fare gioco giocare su questo terreno".

Franco Baldini a Sky

"Oggi è mancato qualcosa, soprattutto in un paio di occasioni. E' evidente che oggi siamo stati meno brillanti del solito. Nel primo tempo abbiamo più fatto sentire la nostra presenza, nel secondo tempo le squadre si sono allungate ed era una partita che avrebbe dovuto vedere un pareggio, mentre alla fine abbiamo subito addirittura il gol del Chievo. C'è da dire che oggi siamo stati meno brillanti del solito, forse abbiamo pagato le tre partite ravvicinate dal punto di vista fisico e credo che sia stata una partita persa dal punto di vista pscio-fisico, perché la squadra ha provato ad imporre il suo gioco e non è stata neanche aiutata dal campo, e favoriva la squadra che faceva girare palla. Loro si sono affidati molto ai lanci lunghi e questo ha inciso sul risultato. De Rossi? Ogni giocatore preferisce giocare, non gli avrà fatto piacere stare in panchina, ma le ultime scelte di Zeman si sono rivelate azzeccate e propedeutiche per i risultati ottenuti.  Strano che non giochi dopo gli sforzi per trattenerlo? Le scelte tecniche e tattiche vengono prese a seconda delle partite, la squadra aveva dato buinissime risposte e l'allenatore non ha voluto cambiare più di tanto. Ci sono tante squadre che hanno molti titolari e questo fa la differenza, giocatori che giocherebbero in tutte le squadre del mondo vanno in panchina per il bene della squadra. Abbiamo il compito di costruire una rosa il più forte possibile con dei budget rigorosi, il potersi permettere di trattenere De Rossi vuol dire fornire una grande risorsa alla squadra. Se poi l'allenatore sceglie di tenerlo in panchina è una sua scelta. Gli episodi del match? Io non ho visto molto, c'era molta nebbia. Zeman ha deciso di non parlare per non creare polemiche. Anche per quanto riguarda il rigore di Dainelli su Totti". 

Franco Baldini in conferenza stampa

"Zeman? Alcuni episodi secondo lui non erano chiari, così ha preferito non far polemica. Un dirigente non ha il compito di soffermarsi sugli episodi di gioco ma su ciò su cui possiamo lavorare e noi non possiamo lavorare sulle prestazioni degli arbitri, a volte buone e altre meno. Per cui bisogna sottolineare che non abbiamo fatto una prestazione brillante come in altre occasioni, specie nel secondo. Non portiamo a casa nulla, anche se il pareggio sarebbe stato più giusto. Fisicamente siamo stati meno brillanti. Il Chievo ha fatto la gara che doveva fare contro una squadra che, nei singoli, è superiore. Il campo non è in condizione per permettere un gran gioco. Magari il campo, appena rizollato, deve ancora attecchire ma al momento è più un tappeto posto sopra al terreno di gioco e questo penalizzava lo scorrimento della palla e il Chievo si è intelligentemente affidati ai lanci lunghi".


Franco Baldini a Roma Channel

"Preferiamo non soffermarci sugli episodi perché non possiamo lavorare sulle prestazioni degli arbitri né sulle condizioni climatiche, che valgono comunque per tutte e due le squadre. Ci sono squadre che non hanno la necessità né l’impostazione di giocare un calcio di qualità e che quindi risultano meno penalizzate in queste condizioni. Noi abbiamo creato molto meno e credo che i ragazzi abbiano pagato le gare ravvicinate, soprattutto quella dispendiosa con la Fiorentina. La partita doveva finire con un pareggio senza infamia e senza lode e alla fine è stata decisa da questo episodio controverso, che il mister ha preferito non commentare"