I numeri di... Wolfsberg-Roma - Dominio territoriale sterile per i giallorossi. Le due gare di Spinazzola e la mancata freddezza di Kalinic

04.10.2019 17:45 di Simone Valdarchi Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Simone Valdarchi
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
I numeri di... Wolfsberg-Roma - Dominio territoriale sterile per i giallorossi. Le due gare di Spinazzola e la mancata freddezza di Kalinic

Al secondo impegno europeo, si frena la corsa degli uomini di Fonseca che impattano a Graz, pareggiando 1-1 contro il Wolfsberg. Nel primo tempo, un gol fortuito di Spinazzola porta in vantaggio i giallorossi, che all'inizio della ripresa si fanno raggiungere dal gran tiro dalla distanza di Liendl. La Roma dunque perde l'occasione per scappare e continua a condividere il primato nel girone, a quota 4 punti, con la squadra austriaca. La prossima gara di Europa League vedrà i capitolini affrontare il Borussia Mönchengladbach, il 24 ottobre allo Stadio Olimpico.

LE STATISTICHE - Come prevedibile, il Wolfsberg lascia il pallino del gioco in mano alla Roma, che termina la partita con il 69% del possesso palla. Un controllo però risultato sterile, viste le poche occasioni da gol create da Fazio e compagni: 5, contro le 4 degli austriaci. Anche contro il Wolfsberg, i giallorossi confermano il dato relativo ai contrasti (12), troppo pochi rispetto a quelli degli avversari (26). Buono il numero di dribbling riusciti (15), effettuati soprattutto da Zaniolo e Kluivert, le ali nel 4-2-3-1 romanista; i due però spesso hanno sbagliato la scelta finale, vanificando così le loro incursioni. Da sottolineare, ancora una volta, il numero dei cartellini gialli (4). Al livello disciplinare, e non solo, la squadra di Paulo Fonseca deve crescere, evitando se possibile alcune sanzioni inutili (come le ammonizioni rifilate dal direttore di gara a Nicolò Zaniolo e Justin Kluivert).

I SINGOLI - Leonardo Spinazzola ha caratterizzato la partita della Roma, nel bene e nel male. Il terzino sinistro è stato il migliore in campo nei primi 45 minuti di gioco, quando la squadra preferiva la sua corsia per attaccare. Lasciando perdere il gol, come detto in precedenza abbastanza casuale, il 45% dei tentativi offensivi sono infatti arrivati da quel lato. Nella seconda frazione, invece, si è visto un calciatore diverso, per certi versi spento. L'ex Atalanta e Juventus ha sbagliato diverse giocate, arrivando a perdere la bellezza di 10 palloni (sui 19 totali della Roma). Spinazzola deve migliorare e garantire continuità nelle prestazioni, per permettere a Fonseca di avere un giocatore pronto per far rifiatare Kolarov.
Il pressing alto dei padroni di casa si è rivelato importante per lo svolgimento del match, condizionando pesantemente la manovra dal basso della Roma. In modo particolare Ritzmaier è stato abile nell'aggredire il portatore di palla avversario, recuperando per 4 volte il possesso della sferta. In totale, gli uomini di Struber hanno intercettato 7 palloni nella trequarti difensiva della Roma e in una di quelle occasioni è nato il gol di Liendl.
Lo stesso discorso fatto con Spinazzola è traslabile a Nikola Kalinic. Se il centravanti croato vuole diventare un'alternativa valida ad Edin Dzeko deve mostrare il suo valore in partite del genere, sfruttando al massimo ogni pallone a disposizione. L'attaccante classe '88, contro il Wolfsberg, ha calciato per ben 6 volte verso la porta di Kofler, senza mai risultare veramente pericoloso.
Chiosa finale su Javier Pastore. Ad un primo impatto la sua prestazione è risultata ai più gravemente insufficiente, impressione confermata dalla scelta del tecnico di farlo uscire al primo cambio per inserire al suo posto Antonucci. L'argentino però è stato comunque in grado di dare il suo contributo sulla trequarti, fornendo ai suoi compagni 6 passaggi chiave, compreso il cross da cui nasce il gol romanista.

WOLFSBERG-ROMA 1-1 - GIOVEDÌ 3 OTTOBRE 2019 (18:55) - STADION GRAZ LIEBENAU DI GRAZ

Durata incontro: 90'+4'
Marcatori: 27' Spinazzola (R), 51 Liendl (W).
Ammoniti: 18' Sollbauer (W), 31' Cristante (R), 53' Zaniolo (R), 65' Diawara (R), 83' Kluivert (R).
Possesso palla: 31% (W) - 69% (R)
Tiri totali:  9 (W) - 14 (R)
Tiri in porta: 5 (W) - 5 (R)
Occasioni da gol: 4 (W) - 5 (R)
Falli commessi: 11 (W) - 11 (R)
Contrasti: 26 (W) - 12 (R)
Palle recuperate: 12 (W) - 10 (R)
Palle perse: 16 (W) - 19 (R)
Angoli: 1 (W) - 6 (R)
Fuorigioco: 4 (W) - 0 (R)
Passaggi riusciti: 213 (W) - 466 (R)