Crisi superata

17.07.2020 19:30 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: L'editoriale di Luca d'Alessandro
Crisi superata

Terza vittoria consecutiva per la Roma di Fonseca, capace di perdere consecutivamente contro Milan, Udinese e Napoli. Se, classifica alla mano, le vittorie contro il Parma (5 sconfitte nelle ultime 6 giornate) e il Brescia (travolto dall'Atalanta b) erano state importanti per invertire la tendenza, ma gare in cui la Roma era stata brava a fare risultato contro avversari nettamente inferiori, l'Hellas Verona rappresentava, per certi versi, l'esame da superare per poter scrivere di una squadra uscita dal periodo di crisi. La banda di Juric infatti è una compagine che gioca un calcio discreto per poter rappresentare un buon banco di prova. Esame superato, non senza difficoltà, ma pure sempre superato. Fonseca ha scelto i suoi uomini con cui andare fino in fondo alla stagione e la squadra ormai ha una propria identità tattica di gioco. Ormai vince con e senza i gol di Dzeko (come spesso accade Dr. Jekyll and Mr. Hyde) perché ha trovato in Ibanez (vista l'assenza di Smalling), Veretout e Mkhitaryan, una sorta di colonna vertebrale della squadra, tre uomini chiave. L'ex Atalantino cresce di partita in partita, il francese nel 3-4-2-1 si è trasformato da mediano a giocatore box-to-box, l'armeno abbina qualità a corsa e intelligenza calcistica sulla trequarti offensiva. Una vittoria che sa di ipoteca per l'Europa League. Una vittoria che permette di arrivare con più tranquillità all'ultimo scontro di alta classifica della stagione (contro la Juve all'ultima giornata i giochi saranno fatti e si penserà più al Siviglia), contro l'Inter. Ma guai ad allentare la tensione. L'esempio è proprio il rimprovero di Fonseca all'atteggiamento di Zaniolo nel finale di partita. Se il campionato sarà (dovrebbe essere) un lungo avvicinamento agli ottavi di finale di Europa League, mantenere alta la concentrazione è il primo modo per preparare al meglio una sfida da dentro o fuori.