COVID-19 - Record di contagi in Turchia. Il Lazio resta arancione. Il 3 maggio riaprono i Musei Vaticani. Sileri: "Credo che tra il 20 aprile e il 15 maggio una scaletta di riaperture sia verosimile"

08.04.2021 23:00 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
COVID-19 - Record di contagi in Turchia. Il Lazio resta arancione. Il 3 maggio riaprono i Musei Vaticani. Sileri: "Credo che tra il 20 aprile e il 15 maggio una scaletta di riaperture sia verosimile"

L'emergenza Coronavirus continua a non dare tregua non solo in Italia, ma in tutto il pianeta. Come di consueto, il Ministero della Salute ha condiviso il bollettino contenente gli aggiornamenti relativi alla diffusione del COVID-19 in Italia. Sono 17.221 i nuovi contagi su 362.162 tamponi processati. Le vittime sono 487, che portano il totale a 112.861 . I ricoverati raggiungono quota 29.316, mentre gli ingressi in terapia intensiva sono 3.663 (-20).Il tasso di positività è del 4%. Vocegiallorossa.it aggiornerà LIVE con tutte le principali notizie.

23:00 - Con l'arrivo di oggi di un milione e mezzo di dosi di vaccino Pfizer le regioni avranno circa 4 milioni e 300 mila dosi complessive a disposizione per andare avanti con la campagna". Intervenendo ad "Agora'" su Raitre, il sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè fa il punto sulle forniture. "Ad oggi - ricorda Mule' - sono state somministrate 11 milioni e mezzo di dosi su un totale di oltre 14 milioni consegnate. IL 19 aprile dovrebbero arrivare le prime dosi di Johnson&Johnson, cui poi andranno ad aggiungersi altri milioni di dosi di altri vaccini in modo tale da raggiungere il traguardo fissato di 500 mila vaccinazioni al giorno".

21:50 - Sono 55.941 i nuovi contagi di oggi in Turchia: numero più alto da iniio pandemia.

20:20 - Il Ministero della Sanità e le regioni della Spagna hanno spiegato che il vaccino contro il Covid di AstraZeneca sarà utilizzato nella fascia tra i 60 e i 69 anni di età. Lo riportano i media spagnoli citando la Commissione sulla salute pubblica che aumenta così la platea dei vaccinati con il siero anglo-svedese: ieri, dopo la decisione di sospenderlo per gli under 60, la somministrazione di AstraZeneca era infatti prevista solo fino a 65 anni. 

19:40 - "Va ribadito che questo vaccino, AstraZeneca, può coprire la popolazione fragile, le scelte fatte fanno riferimento a eventi trombotici in sedi inusuali ma straordinariamente rari: 86 casi su almeno 25 milioni di vaccinati. È approvato dai 18 anni in su senza limite superiore. È solo raccomandato in virtù delle riflessioni fatte per la popolazione over 65 ma non è certo proibito. Se fossi un cittadino sarei anche particolarmente rassicurato dall'efficienza della vaccino-vigilanza e dalla reattività. Il bilancio tra i benefici e i rischi della vaccinazione rimane largamente favorevole". Queste le parole del Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, durante la conferenza stampa del premier Mario Draghi.

18:45 - "È venuto il momento di prendere decisioni sulle fasce di età per le vaccinazioni. Se riduciamo il rischio di morte nelle classi più esposte al rischio, è chiaro che si riapre con più tranquillità. La disponibilità di vaccini non è calata, i numeri sono come prima di Pasqua, sta risalendo secondo il trend previsto, ma non ho dubbi sul fatto che gli obiettivi vengano raggiunti. La raccomandazione è usare AstraZeneca per chi ha più di 60 anni. Inoltre bisogna procedere rapidamente nel nostro interesse ad avere un certificato vaccinale: più che preoccuparsi delle complicazioni di carattere etico cominciamo a farlo". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa.

18:30 - “Non metto in bocca parole al presidente Draghi, ma posso dire che sono stati 45 minuti di incontro positivo, costruttivo, volto al futuro, con al centro la salute e il lavoro. Sul fatto che i dati scientifici debbano valere sia per chiudere che per aprire c’è stata condivisione, sulla necessità di riaprire laddove possibile c’è stata condivisione”. Lo ha dichiarato a Sky TG24, a Roma, il leader della Lega Matteo Salvini.

17:59 - I numeri di oggi.

Attualmente positivi: 544.330
Deceduti: 112.861 (+487)
Dimessi/Guariti: 3.060.411 (+20.229)
Ricoverati: 32.514 (-485) di cui in Terapia Intensiva: 3.663 (-20)
Tamponi: 52.117.901 (+362.162)

Totale casi: 3.717.602 (+17.221, +0,47%)

17:11 - I Musei Vaticani riaprono il 3 maggio. Le regole prevedono la prenotazione obbligatoria, la puntualità negli orari di accesso, le mascherine e il rispetto del distanziamento di oltre un metro da parte dei visitatori. Lo scrive Sky TG 24.

15:35 - Per il Lazio "non ci sarà nessun cambio di fascia, rimarrà arancione. Abbiamo un Rt a 0.9 in lieve diminuzione come i tassi di incidenza su 100mila abitanti. Permane una situazione di pressione sulla rete ospedaliera venendo da un Rt a 1.3 però ci sono le condizioni per rimanere in arancione". Così l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, ospite di TimeLine'su Sky Tg24. 

14:44 - "Noi abbiamo iniziato le prenotazioni per i 65 anni. La rete funziona ma c'è un problema di approvvigionamento del prodotto. C'è un problema enorme nei contratti fatti a livello europeo che sta mettendo sotto stress il sistema". Lo ha detto il governatore del Lazio Nicola Zingaretti a L'Aria che Tira su La7. Parlando di AstraZeneca ha aggiunto: "C'è poi questa vicenda di un vaccino per cui sono cambiate le linee di indirizzo. È un dovere motivare quanto accaduto"

14:00 - L'azienda farmaceutica Moderna comunica che gli anticorpi indotti dall'omonimo vaccino anti COVID-19 persistono 6 mesi dopo la seconda dose (mRNA-1273). 

13:30 - Pierpaolo Sileri, sottosegretario di Stato al Ministero della salute, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni all'interno della trasmissione "L'Italia s'è desta" su Radio Cusano Campus: "Credo che tra il 20 aprile e il 15 maggio una scaletta di riaperture sia verosimile. Non c'è una data, c'è però la necessità di fare una road map di aperture. L'R0 scende lievemente, io credo che nelle prossime settimane continuerà a scendere in maniera più decisa. Inoltre abbiamo protetto il personale sanitario e molti anziani. Accadrà che nell'ultima decade di aprile diventeranno più chiari i dati che oggi iniziamo a vedere. Il calo dei ricoveri e delle terapie intensive sarà più deciso, non credo il numero dei casi perché il virus continuerà a circolare tra le fasce più giovani non ancora protette, ma questo non comporterà casi di malattia grave

13:00 - In Veneto sono stati registrati 1.241 nuovi casi di positività al COVID-19 nelle ultime 24 ore. In calo il numero dei pazienti ricoverati nell'area medica (-27) mentre aumentano i ricoveri in terapia intensiva (+2).

12:30Giampiero Falzone, sindaco di Calderara di Reno (BO), ha pubblicato sul suo profilo Facebook personale (giampiero.falzone) un appello ai propri cittadini che hanno partecipato alla messa delle 18:00 della domenica delle Palme a Lippo (BO) che sono risultate positive al COVID-19: "Chi è andato in chiesa chiami l'AUSL. Chi si segnalerà verrà sottoposto subito a tampone".

️ ATTENZIONE, AVVISO IMPORTANTE ️ Per garantire la tutela della salute dei cittadini e a fini precauzionali si...

Pubblicato da Giampiero Falzone su Mercoledì 7 aprile 2021

12:00 - Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, ha pubblicato il seguente aggiornamento sull'emergenza epidemiologica legata al COVID-19 sul suo profilo Facebook ufficiale (EugenioGianiUfficiale): "I nuovi casi registrati in Toscana sono 1.153 su 28.229 test di cui 16.513 tamponi molecolari e 11.716 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 4,08% (12,1% sulle prime diagnosi). Oltre 32mila dosi somministrate ieri in Toscana.Da oggi però saremo costretti a rallentare a causa delle scarse forniture. Niente discorsi, servono più vaccini".

Oltre 32mila dosi somministrate nella giornata di ieri in Toscana. Da oggi però saremo costretti a rallentare a causa...

Pubblicato da Eugenio Giani su Giovedì 8 aprile 2021

11:30 - Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l'attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e contrasto dell'emergenza epidemiologica COVID-19, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni quest'oggi, giovedì 8 aprile, a Piediripa (MC) al termine della visita al nuovo centro vaccinale: "Se ci vacciniamo ne usciamo. Appena completeremo gli over 80 e i fragili apriremo la vaccinazione alle classi produttive. I nostri territori hanno sofferto, questo è uno territorio del Made in Italy e dobbiamo riportare il made in Italy nel mondo, dobbiamo riaprirci. Non cambia, a fine mese dobbiamo arrivare a 500mila dosi giornaliere. Da oggi l'inoculazione del vaccino AstraZeneca è aperta alla platea dei 60-79 anni, mentre gli under 60 che hanno già ricevuto la prima dose, riceveranno anche la seconda".

11:00 - Mario Draghi, Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana, terrà una conferenza stampa quest'oggi, giovedì 8 aprile, alle ore 18:00 presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio. Tra i vari temi all'ordine del giorno ci sarà la campagna di vaccinazione contro il COVID-19.

10:50 - A oggi, "la maggior parte dei casi" di eventi trombotici rari "è stata segnalata in soggetti di età inferiore ai 60 anni e prevalentemente nelle donne. Tali eventi sono stati osservati per lo piu' entro 14 giorni dalla somministrazione della prima dose di vaccino". Lo afferma la Commissione tecnico scientifica Cts dell'Aifa nel parere sul vaccino di AstraZeneca. 

10:30 - "Abbiamo particolarmente bisogno di una solidarietà vaccinale giustamente finanziata, perchè non possiamo permettere che la legge del mercato abbia la precedenza sulla legge dell'amore e della salute di tutti". Lo afferma papa Francesco in un messaggio al gruppo Banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale, pubblicato sul sito della Banca Mondiale. "Ribadisco qui il mio invito ai leader governativi, alle imprese e alle organizzazioni internazionali a collaborare per fornire vaccini a tutti, soprattutto ai più vulnerabili e bisognosi".

10:00 - "Non si può programmare dopo. Ci sono attività che si possono aprire dall'oggi al domani come il barbiere. Altre no, come i grandi alberghi. Bisogna monitorare i dati e sulla base dei dati aprire il prima possibile. Abbiamo bisogno di programmare per essere veloci, altrimenti gli altri ci superano". Lo ha detto il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, intervenendo a Omnibus. "In Francia si parla del 14 luglio, negli Usa del 4 luglio, il 2 giugno è la nostra festa nazionale e potrebbe essere una data delle riaperture per noi", ha proseguito.

9:30 - Oggi a Palazzo Madama la votazione su un ordine del giorno unitario, già firmato da tutti i gruppi parlamentari. Si tratta di una proposta per gestire in maniera uniforme a livello nazionale i pazienti Covid-19 a domicilio.

9:00 - Il governo giapponese ha allo studio un piano che dà la priorità agli atleti sportivi del proprio Paese di ricevere il vaccino anti-Covid in tempo utile per le Olimpiadi. Lo anticipa l'agenzia Kyodo. 
 
8:30 - L'Ontario, provincia del Canada, ha annunciato un nuovo lockdown di un mese a partire da oggi per contrastare la terza ondata di Covid 19. Lo ha annunciato il primo ministro, Doug Ford. "Per favore, a meno che non si tratta di un motivo essenziale, restate a casa perché la situazione è grave". 

8:00 - Ieri su oltre 13mila tamponi nel Lazio (+5.989) e oltre 23mila antigenici, per un totale di oltre 37mila test, si sono registrati 1.081 casi positivi (-39), 47 i decessi (+4) e +1.801 i guariti. Così l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato: "Diminuiscono i casi e le terapie intensive, mentre aumentano i ricoveri e i decessi. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 8%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 2%. I casi a Roma città sono a quota 500”