COVID-19 - In Italia 13.659 contagi nelle ultime 24 ore. Via libera allo sci in Italia. Merkel: "Riapriremo prima scuola e asili". Dall'Inghilterra: "Ci sono 4.000 varianti del virus"

04.02.2021 22:29 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
COVID-19 - In Italia 13.659 contagi nelle ultime 24 ore. Via libera allo sci in Italia.  Merkel: "Riapriremo prima scuola e asili". Dall'Inghilterra: "Ci sono 4.000 varianti del virus"
Vocegiallorossa.it

L'emergenza Coronavirus continua a non dare tregua non solo in Italia, ma in tutto il pianeta. Come di consueto, La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 270.142 tamponi e individuati 13.659 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 430.277, 4.445 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 422 persone affette da Coronavirus per un totale di 90.241 decessi dall'inizio dell'epidemia. Il tasso di positività è pari al 5,05 %.

22:29 - Sono 56.873 i nuovi casi nelle ultim 24 ore in Brasile.

21:13 - "Il picco della seconda ondata è superata. Dobbiamo reggere". Lo ha detto Angela Merkel in un'intervista a RTL-NTV. E anche alla luce della diffusione del vaccino, la cancelliera ha affermato: "vedo chiaramente la luce alla fine del tunnel". "E' un tempo molto duro - ha ribadito - ci e' arrivato qualcosa addosso che non succedeva da 100 anni". E una pandemia del genere "cambia il mondo".

19:56 - Sono 2.233.982 le dosi di vaccino contro il Covid-19 finora somministrate in Italia, il 93,4% del totale di quelle consegnate (2.390.985).

18:23 - Le regioni con il maggior numero di positivi ai test per il coronavirus nelle ultime 24, secondo il ministero della Salute, sono: Lombardia 1.746, Campania 1.544, Emilia Romagna 1.192. 

17:47 - CLICCA QUI per consultare il bollettino odierno.

17:23 - Il Comitato tecnico scientifico, a quanto apprende l'AGI, ha dato il via libera alla possibilità di far ripartire gli impianti sciistici a partire dal 15 febbraio, ma solo nelle Regioni in fascia gialla. A oggi quindi sarebbe esclusa, tra le zone alpine, la Provincia Autonoma di Bolzano, che è ancora in area arancione. 

16:05 - Sono complessivamente 44189 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 526 nuovi casi (di età compresa tra 1 mese e 95 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 114, di cui 12 in provincia dell'Aquila, 45 in provincia di Pescara, 34 in provincia di Chieti e 23 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 6 nuovi casi e sale a 1488 (di età compresa tra 51 e 87 anni, 2 in provincia di Pescara, 1 in provincia dell'Aquila, 1 in provincia di Teramo e 2 in provincia di Chieti). Del totale odierno 2 casi sono riferiti a decessi avvenuti nei giorni scorsi e comunicati solo oggi dalla Asl. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 32458 dimessi/guariti (+296 rispetto a ieri). 

15:00 -  I primi dati su una presenza della variante brasiliana o sudafricana del covid in Liguria "li avremo domani", "al momento non ne abbiamo riscontrate". "La variante inglese sicuramente circola ma attualmente non stiamo vedendo un impatto epidemiologico". Lo spiega il direttore del dipartimento di Igiene del Policlinico San Martino di Genova Giancarlo Icardi. Dopo l'identificazione ormai una decina di giorni fa per la prima volta della variante inglese in regione "continuiamo a trovarne - spiega Icardi -. Sicuramente circola, ma da un punto di vista pratico non abbiano osservato un aumento dei ricoveri o nei numeri dei nuovi positivi: sono abbastanza stabili a livello della Liguria. Qualche piccolo cluster si verifica ma sono per lo più cluster familiari che non legati a comunità chiuse".
 

14:00 - "Ho appena finito di parlare con i colleghi inglesi: la variante britannica più contagiosa e purtroppo anche più letale, si diffonde nei giovani più che la precedente, è ancora neutralizzata dai vaccini disponibili, sta ulteriormente mutando: bisogna fare presto con le vaccinazioni": lo scrive su Twitter Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza.

13:30 - L'impatto della pandemia da Covid-19 e delle restrizioni alla mobilità sul trattamento del cancro è "catastrofico": lo ha denunciato la branca europea dell'Oms, che ha registrato interruzioni nei servizi oncologici in un terzo dei Paesi del Vecchio Continente. "L'impatto della pandemia sul cancro nella regione è a dir poco catastrofico", ha detto il direttore dell'Oms per l'Europa Hans Kluge in occasione della Giornata mondiale contro il cancro. Tra i 53 paesi della regione (compresi diversi paesi dell'Asia centrale), uno su tre ha interrotto parzialmente o completamente i propri servizi oncologici. Tra i vari esempi, l'Oms prevede che nel Regno Unito i ritardi nella diagnosi e nel trattamento dovrebbero portare a un aumento del 15% dei decessi per cancro del colon-retto e del 9% per cancro al seno nei prossimi cinque anni. Nel continente europeo, i tumori, il diabete e le malattie respiratorie croniche sono responsabili di oltre l'80% delle morti ogni anno.

13:00 - Sono 306 i medici morti di Covid in Italia dall'inizio dell'epidemia. L'ultimo decesso registrato è quello di Maria Giuseppa Giammalva, medico di base di Palermo. Lo rende noto la Fnomceo, la federazione degli ordini dei medici, che sul suo portale listato a lutto tiene aggiornato l'elenco dei colleghi uccisi dal virus. 

12:30 - Volano i contagi e il numero di persone in quarantena in Alto Adige. Nelle ultime 24 ore si registrano infatti 747 nuovi casi e - per la prima volta - oltre 15 mila persone in quarantena. I laboratori dell'Azienda sanitaria hanno effettuato 2.677 tamponi pcr rilevando 350 casi di positività. A questi vanno aggiunti 397 test antigenici positivi su 4979 effettuati. Nei normali reparti ospedalieri attualmente si trovano 249 pazienti (ieri 241), nelle cliniche private 159 (invariato) e in terapia intensiva 35 (32). Nelle ultime 24 ore sono deceduti due pazienti covid mentre sono in quarantena 15.429 altoatesini. Si tratta di un dato record mai registrato dall'inizio della pandemia in Alto Adige. 

12:00 - "Per prima cosa riapriremo scuole e asili": lo ha detto Angela Merkel a un incontro online con genitori e studenti sull'impatto della pandemia sui cittadini tedeschi. La cancelliera tuttavia non ha saputo indicare una data precisa per i primi allentamenti relativi al lockdown, che inizieranno "appena lo permetteranno i dati dei contagi". 

11:30 - I farmaci di Pfizer e Moderna saranno somministrati agli over 80 e ai più fragili, quello di AstraZeneca, invece, al di sotto dei 55 anni a personale scolastico forze armate e di polizia, personale carcerario e detenuti

10:40 - "La disponibilità di vaccini che dovremmo avere entro il mese di giugno è quantificabile nell'ordine dei 40 milioni. Quindi dovremmo arrivare largamente a una cifra importante di persone che saranno vaccinate. Se facciamo rapidamente due conti vediamo che siamo nell'ordine di 20 milioni almeno per il mese di giugno". Lo ha dichiarato, in un'intervista a Sky TG24Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità

10:01 - "Sono circa 4 mila le varianti del coronavirus in circolazione al momento nel mondo" Queste le parole del sottosegretario britannico allo Sviluppo dei vaccini, Nadhim Zahawi, in un'intervista a SkyNews. "È molto improbabile che l'attuale vaccino non sia efficace
sulle varianti, specialmente quando si tratta di malattie gravi e ricoveri. Tutti i produttori, Pfizer-Biontech, Moderna, Oxford-AstraZeneca e altri stanno valutando come migliorare il loro vaccino per assicurarsi di essere pronti per qualsiasi variante".

9:45 - L'obiettivo del piano nazionale vaccino, così come rimodulato ieri nella riunione Governo-Regioni, è di somministrare 2 milioni di dosi a febbraio, 4 milioni a marzo e 8 milioni ad aprile, per un totale di 14 milioni di dosi in un trimestre.